Come un barista dell'Hemingway bar (passando da Christie's)

Alice Trioschi
Alice Trioschi
12.2.2024
Tempo di lettura: 3'
Gli amanti dei cocktail verranno presto soddisfatti: Christie's ha annunciato che dal 29 febbraio al 13 marzo prossimi verranno offerti all'asta parigina Collections Sale i cimeli di Colin Peter Field, il più famoso bartender dell’Hemingway Bar del Ritz di Parigi. Gli oggetti che passeranno sotto il martelletto - che includono sia gli "strumenti di lavoro" di Field che gli arredi del bar - hanno un'attraente stima d'asta ricompresa tra i 100 e i 600 euro.

Gli amanti dei cocktail verranno presto soddisfatti: Christie's ha annunciato che dal 29 febbraio al 13 marzo prossimi verranno offerti all'asta parigina Collections i cimeli di Colin Peter Field, il più famoso bartender dell’Hemingway Bar del Ritz di Parigi. Gli oggetti che passeranno sotto il martelletto - che includono sia gli "strumenti di lavoro" di Field che gli arredi del bar - hanno un'attraente stima d'asta ricompresa tra i 100 e i 600 euro


L'Hemingway Bar del Ritz Hotel di Parigi

L'Hotel Ritz di Parigi (fondato da César Ritz nel 1898) è da sempre uno dei luoghi preferiti dagli amanti della vita notturna francese ed è stato frequentato negli anni da star del jet-set internazionale quali Ernest Hemingway (che vi si recava spesso negli anni '20 con gli amici Francis Scott e Zelda Fitzgerald), Gary Cooper, Cole Porter (che nella canzone del 1928 Let's Do It (Let's Fall in Love) citò addirittura il Ritz nei versi “The world admits, bears in pits do it / Even Pekingeses at the Ritz do it / Let’s do it, let’s fall in love”), Marcel Proust, Ingrid Bergman, Coco Chanel e Gertrude Stein. César Ritz (si noti che ad oggi la parola ritzy è indicata nel dizionario inglese Webster come sinonimo di "1. snobbish; 2. ostentatiously smart; 3. fashionable,posh") fu - contrariamente a quanto avveniva all'epoca - particolarmente attento alla clientela femminile. Nel 1926 creò infatti Le Petit Bar (un bar attiguo a quello principale, Le Grand Bar) dove potevano accedere solamente le donne (ed eventualmente i loro mariti). Dagli anni '30, le clienti furono invitate a sedersi anche al bar principale, a differenza di quanto avveniva in molte altre parti del mondo (quali Londra, dove ad inizio secolo le donne non potevano nemmeno cenare da sole al ristorante). Nel 1979 - l'anno in cui il businessman egiziano Mohamed Al-Fayed comprò il Ritz - Le Petit Bar fu ristrutturato e rinominato Hemingway Bar (sembra che lo scrittore ideò parte del romanzo Festa Mobile proprio in quelle stanze), pur continuando a offrire agli avventori del proprio bancone i drink fatti con il Grand Marnier, liquore di cognac al sentore d'arancia creato da Louis-Alexandre Marnier Lapostolle (e il cui nome fu suggerito proprio da César Ritz). 


 Tre shaker dalle forme particolari. Stima 100-150 euro.
Courtesy Christie's Images Ltd


Colin Peter Field e l'Hemingway Bar

In questo storico contesto, Colin Peter Field (andato in pensione a fine 2023) è stato uno dei bartender più famosi del Ritz (insieme al leggendario Bertin). Dopo aver provato più volte a diventare un dipendente dell'hotel, nel 1994 Field fu finalmente scelto come barista dell'Hemingway Bar (su richiesta di Mr. Al-Fayed in persona). Da quel momento, la strada è stata tutta in discesa: Colin è stato eletto da Forbes come miglior barista del mondo per tre volte (nel 1997,2001 e 2004), ha scritto due libri (The Cocktails of the Ritz Paris e The Ritz Paris: Mixing Drinks, A Simple Story), ha creato un corso di laurea per bartender alla Sorbona di Parigi e ideato nuovi cocktail (tra cui il Clean Dirty Martini, il Picasso Martini, l'Highland Cream e il Serendipity). Nel corso degli anni, ha inoltre collezionato molte storie da raccontare (ad esempio, Colin ha narrato di aver servito un Dry Martini a Pierce Brosnan, sentendosi in un film di James Bond) e in parte arredato l'Hemingway Bar seguendo le orme del famoso scrittore. 



Trofeo di caccia, teste di un cervo e di un bufalo.
Stima 200-300 euro. Courtesy Christie's Images Ltd


Gli oggetti all'asta da Christie's

Tra gli oggetti offerti all'asta da Christie's ci saranno alcuni "strumenti di lavoro" di Colin, tra cui tre shaker dalle forme particolari (stimati tra i 100 e i 150 euro l'uno), sei bicchieri Puiforcat d'argento con incisa la scritta Colin Field and Hemingway Bar (dalla stima d'asta compresa tra i 600 e gli 800 euro) e una rara copia del suo libro The Cocktails of the Ritz Paris (dal valore stimato tra i 100 e i 150 euro). Per gli appassionati di memorabilia della famiglia Hemingway, l'asta ricomprenderà anche delle esche per la pesca (dal valore compreso tra i 200 e i 500 euro) di Jack (il figlio dello scrittore) e delle canne da pesca (stimate tra i 400 e i 600 euro). Interessanti sono anche i guantoni da boxe firmati dall'artista contemporaneo Adel Abdessemed (stimati tra i 300 e i 500 euro) e le teste - da intendersi qui come trofeo di caccia - di un cervo e di un bufalo (entrambe stimate tra i 200 e i 300 euro). Infine, Field ha dichiarato di essere particolarmente affezionato al set composto da quattro macchine da scrivere (di cui due a lui donate dalla modella e amica Kate Moss) del ventesimo secolo (con stima d'asta compresa tra i 500 e i 700 euro) e all'elica dell'aereo Gipsy Moth costruito in Francia nel 1916 (originariamente di proprietà del padre del barista, pilota della Royal Air Force, è stata valutata tra i 400 e i 600 euro). 


Set composto da quattro macchine da scrivere del ventesimo secolo.
Stima 500-700 euro. Courtesy Christie's Images Ltd.




LE OPPORTUNITÀ PER TE. Negli ultimi 10 anni il mercato degli spirits ha avuto una crescita record. Come performerà nel 2024? Quali sono le bottiglie più promettenti da inserire in collezione? Gli advisor selezionati da We Wealth possono aiutarti a trovare le risposte che cerchi. TROVA IL TUO ADVISOR



In copertina: © Monsieur Colin Field, Photo by Benjamin Roseburg prise à la Maison Proust Paris. Courtesy Christie's Images Ltd.

Opinione personale dell’autore
Il presente articolo costituisce e riflette un’opinione e una valutazione personale esclusiva del suo Autore; esso non sostituisce e non si può ritenere equiparabile in alcun modo a una consulenza professionale sul tema oggetto dell'articolo.
WeWealth esercita sugli articoli presenti sul Sito un controllo esclusivamente formale; pertanto, WeWealth non garantisce in alcun modo la loro veridicità e/o accuratezza, e non potrà in alcun modo essere ritenuta responsabile delle opinioni e/o dei contenuti espressi negli articoli dagli Autori e/o delle conseguenze che potrebbero derivare dall’osservare le indicazioni ivi rappresentate.
Esperta d'arte e del suo mercato, Alice ha lavorato nell'ufficio stampa di Christie's a Londra, occupandosi della relazioni interne ed esterne con i giornalisti. Dopo aver collaborato con Camera Arbitrale per la risoluzione di conflitti d'arte e beni culturali, oggi lavora per Fondazione Human Technopole occupandosi degli aspetti legali riguardanti il mondo della ricerca scientifica.

Cosa vorresti fare?