I rendimenti del bund puntano verso il segno più: manca dal 2019

alberto-battaglia
Alberto Battaglia
10.1.2022
Tempo di lettura: 3'
Mentre i rendimenti dei bund recuperano, però, si allarga anche lo spread con i Btp: da inizio anno è aumentato del 23%

Lunedì 10 dicembre, il rendimento del bund a dieci anni è arrivato a un massimo del -0,021% - il livello più alto che abbiano mai registrato da più di tre anni. Appena lo scorso 20 agosto il rendimento del bund era intorno al -0,5%.

L'accelerazione nei rendimenti sperimentata nella seconda metà di dicembre fa pensare al ruolo giocato dalle decisioni della Bce nel corso dell'ultimo meeting

Il porto sicuro degli investitori europei, il bund tedesco decennale, si sta avvicinando a un rendimento non più negativo. Dal maggio 2019 qualsiasi investitore che abbia prestato denaro al governo tedesco con orizzonte decennale ha messo in conto di riavere indietro da Berlino una somma più bassa – e senza nemmeno correggere il rendimento con l'inflazione. Ma la prospettiva di una più rapida uscita dagli stimoli monetari anche in Europa, unita alle attese su una ripresa economica robusta nel 2022, starebbe alimentando un progressivo avvicinamento al rendimento “zero” per i titoli di stato tedeschi di riferimento. Nel momento in cui scriviamo, luned...
A spingere i rendimenti dei bund potrebbe essere anche la concorrenza di altri due fattori. Da un lato, l'incremento nell'offerta dei titoli emessi dalla Commissione europea, in seguito all'entrata in funzione del Next Generation Eu, i quali potrebbero contendere ai titoli tedeschi il ruolo di “safe asset” privo di rischio. Dall'altro, la prospettiva di una maggiore spesa pubblica in patria sulla spinta del nuovo governo tedesco a trazione socialista. Se la ripresa, trainata da un 2022 ancora libero dai vincoli di bilancio del Patto di Stabilità, si dovesse rafforzare potrebbe essere anche anticipato anche il “momento propizio” per procedere con i rialzi dei tassi da parte della Bce. Per il momento, il rialzo è stato escluso dal board presieduto da Christine Lagarde, ma qualsiasi segnale dovesse avvicinare l'appuntamento con la stretta monetaria rappresenterebbe una spinta per i rendimenti dei bund e degli altri titoli sovrani europei.

Caro lettore,
per continuare ad informarti con i nostri contenuti esclusivi accedi o registrati GRATUITAMENTE!

Solo così potrai:

  • Continuare ad informarti grazie ai nostri contenuti come articoli, guide e white papers, podcast, dirette
  • Richiedere di essere contattato da un esperto
  • Fare una domanda sulla gestione del tuo patrimonio ed entrare in contatto con i migliori e esperti del settore GRATUITAMENTE
  • E tanto altro ancora

Cosa vorresti fare?

X
I Cookies aiutano a migliorare l'esperienza sul sito.
Utilizzando il nostro sito, accetti le condizioni.
Consenti