Previdenza: perché il futuro non è più quello di una volta

leonardo-taccini
Leonardo Taccini
24.2.2022
Tempo di lettura: 3'
Crescono le forme complementari in Italia: ecco come scegliere la più adatta alle diverse situazioni
 “C'è un solo tipo di shock peggiore rispetto all'imprevisto: il previsto per il quale ci si è rifiutati di prepararsi.” Lo ha affermato la scrittrice Mary Renault nel secolo scorso ma è una considerazione oggi più che mai attuale, soprattutto in materia di previdenza. A questo riguardo, infatti, sono in molti ad avere capito che per migliorare il proprio futuro bisogna costruire nel presente, il prima possibile. E lo dimostrano gli oltre 9,7 milioni di italiani iscritti alla previdenza complementare: si tratta di persone che hanno capito l'importanza di prendere in mano la situazione e che vogliono farsi trovare preparate qualsiasi cosa succeda, anche prima di raggiungere l'età della pensione. 

Non trovi tutte le informazioni che ti servono? Consulta direttamente i nostri esperti gratuitamente.

Nella tabella sottostante elaborata da Covip, la Commissione di vigilanza sui fondi pensione, emergono gli ultimi dati statistici disponibili che evidenziano l'incremento della previdenza complementare in Italia.



Fonte: https://www.covip.it/sites/default/files/documentazionestatistica/agg_stat_dic21.pdf 

Le ragioni di questa crescita non sono difficili da immaginare: gli imprevisti capitano e sono favoriti dall'affermarsi di fenomeni demografici come la crescente longevità della popolazione e il contemporaneo fenomeno di riduzione del numero delle nascite, dalle nuove forme di famiglie (sempre più spesso monoparentali, costituite da single o allargate) e di lavoro (si inizia a lavorare sempre più tardi e con contratti che offrono sempre minori tutele).

Voglio raccontare un esempio che mi è capitato di recente: un mio cliente si è trovato senza lavoro in età avanzata, ma prima di aver maturato i requisiti per andare in pensione. Ebbene, solo grazie alla lungimirante decisione di aver aderito alla previdenza complementare può godere oggi di una forma di tutela anticipata in attesa della pensione.

Questo caso concreto è solo uno dei paracadute che possono aprirsi per cadere in piedi se qualcosa non andasse come vorremmo.

Quello che deve essere chiaro è che le scelte in materia di previdenza non riguardano solo nel presente il singolo individuo che le compie ma hanno un effetto determinante sul suo futuro e su quello della sua famiglia, con inevitabili ricadute sociali a cascata. Decidere come programmare i propri investimenti nel tempo determina la capacità di essere finanziariamente autonomo e di poter dare una mano alle persone care anche prima dell'età della pensione.

Vista l'importanza di questo tema, optare per il fai da te può portare a soluzioni poco avvedute. Per questo rivolgersi ad un professionista della consulenza finanziaria e patrimoniale aiuta a trovare la soluzione previdenziale più solida nel tempo.

Vorresti approfondire la tematica trattata contattando uno dei nostri esperti? E' gratuito, facile e veloce!

Opinione personale dell’autore
Il presente articolo costituisce e riflette un’opinione e una valutazione personale esclusiva del suo Autore; esso non sostituisce e non si può ritenere equiparabile in alcun modo a una consulenza professionale sul tema oggetto dell'articolo. WeWealth esercita sugli articoli presenti sul Sito un controllo esclusivamente formale; pertanto, WeWealth non garantisce in alcun modo la loro veridicità e/o accuratezza, e non potrà in alcun modo essere ritenuta responsabile delle opinioni e/o dei contenuti espressi negli articoli dagli Autori e/o delle conseguenze che potrebbero derivare dall’osservare le indicazioni ivi rappresentate.

Cosa vorresti fare?

X
I Cookies aiutano a migliorare l'esperienza sul sito.
Utilizzando il nostro sito, accetti le condizioni.
Consenti