PREVIOUS ARTICLE NEXT ARTICLE

Private equity Asia-Pacifico da record, ma il futuro è nebuloso

15 Marzo 2019 · Francesca Conti · 3 min

  • Nel 2018 il valore degli scambi nell’Asia-Pacifico è stato di 165 miliardi di dollari statunitensi

  • Lo scorso anno il valore delle exit ha toccato i 142 miliardi di dollari, in aumento del 39% rispetto alla media degli ultimi cinque anni

  • La regione rappresenta il 26% del mercato azionario globale private – in aumento dal 9% rispetto a un decennio fa – con 883 miliardi di dollari (1,2 miliardi di dollari) di asset gestiti

Corre il private equity dell’Asia-Pacifico, ma il mercato potrebbe mostrare sviluppi “preoccupanti”. A scattare una fotografia della regione è l’ultimo report di Bain & Company

Il private equity in Asia-Pacifico continua la sua corsa, ma le nubi sono all’orizzonte. A pronosticare un possibile cambio di rotta, ma anche a fornire un quadro del settore è Bain & Company, nell’ultimo report dedicato alla regione. Il valore delle operazioni di private equity Asia-Pacifico nel 2018 ha raggiunto livelli record dal 2013, ma le performance eccezionale ha mascherato sviluppi “preoccupanti” del mercato che potrebbero influenzare l’attività di investimento e i rendimenti nel prossimo anno.

Il valore degli scambi nell’Asia-Pacifico è stato di 165 miliardi di dollari statunitensi nel 2018, in aumento rispetto ai 159 miliardi di dollari di un anno prima. La Cina e l’India hanno dominato il mercato, assorbendo circa il 75% del valore totale. Lo scorso anno, il valore delle exit ha toccato i 142 miliardi di dollari statunitensi, in aumento del 39% rispetto alla media degli ultimi cinque anni. Ma il numero totale di exit nel private equity è calato bruscamente a 402, con un crollo del 32% rispetto alla media degli ultimi cinque anni. Le grandi uscite hanno dominato, con uscite da 1 miliardo o più di dollari che rappresenta quasi il 60% del valore totale di uscita e il valore medio di uscita raddoppiando a 353 milioni di dollari rispetto alla media dei cinque anni precedenti.

La regione rappresenta oggi il 26% del mercato azionario globale private – in aumento dal 9% rispetto a un decennio fa – con 883 miliardi di dollari (1,2 miliardi di dollari) di asset gestiti. Ma l’incertezza permane, spinta, secondo la società, da un indebolimento dell’ambiente macroeconomico, dall’aumento dei tassi di interesse e dal crescente divario tra i grandi fondi con una solida esperienza e fondi più piccoli e meno esperti. Male anche la raccolta della regione, precipitata di oltre il 50% a 75 miliardi di dollari dal 2017.

“Negli ultimi anni, il private equity in Asia-Pacifico sembrava essere inarrestabile e il 2018 ha rafforzato quella tendenza in termini di contrattempo e valori di uscita, ma stiamo vedendo segnali di avvertimento che suggeriscono che il momentum potrebbe finire, almeno per alcuni investitori”, ha dichiarato Usman Akhtar, partner di Bain. “Fondi vulnerabili e meno differenziati potrebbero sopportare in modo sproporzionato il peso di una crisi”, aggiunge Akhtar.

La buona notizia è che l’interesse per l’Asia sudorientale è in aumento nonostante un rallentamento del Pil. La regione ha registrato una crescita del valore degli scambi, in aumento del 38% rispetto alla media quinquennale, raggiungendo i 13 miliardi di dollari. Tuttavia, il valore di exit è diminuito del 48% dalla media quinquennale a 5 miliardi di dollari.

Bain & Company ha identificato tre fattori che gli investitori dovrebbero tenere in considerazione per aumentare il proprio vantaggio rispetto ai concorrenti: focalizzare l’attenzione sul settore tecnologico cinese e internet per mantenere forti ritorni in un mercato altamente dinamico e investire con un occhio alle questioni ambientali, sociali e di governance (Esg).

Francesca Conti
Francesca Conti
VUOI LEGGERE ALTRI ARTICOLI SU: