PREVIOUS ARTICLE NEXT ARTICLE

Doorway: vintage, garanzie e benessere i primi tre round chiusi

Doorway: vintage, garanzie e benessere i primi tre round chiusi

Salva
Salva
Condividi
Teresa Scarale
Teresa Scarale

30 Luglio 2019
Tempo di lettura: 2 min
Tempo di lettura: 2 min
Salva
  • 500mila euro è l’investimento veicolato nelle tre società Vintag, Garanteasy e MySecretCase

  • Oltre 50 gli investitori, con un ticket medio di investimento di quasi 10 mila euro

  • Partner dell’iniziativa come intermediario è Unipol Banca, come previsto dalla normativa Consob in materia di equity-crowdfunding

Cresce il crowfunding italiano di qualità, grazie anche all’imprenditoria femminile. Così la piattaforma Doorway, fondata da Antonella Grassigli, chiude con successo i suoi primi tre round. Con grande varietà di ambiti

Doorway, nuova piattaforma di equity investing on line, chiude positivamente le sue prime tre campagne. 500mila euro è l’investimento veicolato nelle tre società Vintag, Garanteasy e MySecretCase. Vintag è una app dedicata al mondo del vintage. Garanteasy è invece una piattaforma cloud che archivia e gestisce garanzie su beni di consumo, interfacciandosi con tutti gli attori dell’ecosistema: retailers, ecommerce, assicuratori, centri assistenza e sistemi di pagamento. MySecretCase è infine uno shop online dedicato al benessere delle coppie.

Doorway chiude con successo i suoi primi tre round

Oltre 50 gli investitori che hanno sottoscritto l’aumento di capitale di una o più delle tre società presentate tramite la piattaforma. Il ticket medio di investimento è di quasi 10 mila euro, arrivando anche ad un investimento singolo di oltre 50mila. Partner dell’iniziativa come intermediario è Unipol Banca, come previsto dalla normativa Consob in materia di equity-crowdfunding.

Doorway mira a “favorire l’investimento nell’economia reale, sostenendo l’imprenditoria innovativa quale asset class alternativa”. Questa “è la sfida che i miei soci ed io ci siamo posti fondando Doorway: l’essere riusciti ad intercettare investitrici ed investitori lungimiranti ed attenti, presentando loro aziende uniche nella loro business proposition, è per noi motivo di grande orgoglio”. Così Antonella Grassigli, ceo e cofondatrice di Doorway. La quale poi aggiunge che “la serietà e la professionalità del nostro approccio insieme alla trasparenza sui risultati attesi dalle aziende investite, garantita dal nostro cruscotto di gestione post-investimento, penso siano stati i fattori vincenti”.

Ma Doorway non si ferma qui. “Attualmente siamo in racconta con Chitè e stiamo definendo la pipeline di nuovi progetti per il prossimo autunno, a riconferma dell’autorevole livello già raggiunto delle precedenti”. E’ la conclusione di Antonella Grassigli.

Teresa Scarale
Teresa Scarale
Condividi l'articolo
LEGGI ALTRI ARTICOLI SU: Crowdfunding Imprese Millennials Donne Italia
Se non vuoi mancare aggiornamenti importanti per te, registrati e segui gli argomenti che ti interessano.
ALTRI ARTICOLI SU "Crowdfunding"
ALTRI ARTICOLI SU "Imprese"
ALTRI ARTICOLI SU "Millennials"