PREVIOUS ARTICLE NEXT ARTICLE

Consob, ok del Consiglio dei Ministri sul nome di Savona

05 Febbraio 2019 · Livia Caivano · 3 min

  • La nomina avviene su proposta del Presidente del Consiglio con l’approvazione del Presidente della Repubblica

  • Paolo Savona subentrerà a Mario Nava, dimessosi lo scorso settembre

In attesa del sì anche delle commissioni parlamentari e del Presidente Mattarella, il Ministero degli Affari Esteri passa temporaneamente nelle mani del Premier Conte

Trovato l’accordo tra Lega e Movimento 5Stelle sulla nomina di Paolo Savona per la presidenza della Consob. Nella tarda mattinata del 5 febbraio è arrivato anche l’ok del Consiglio dei Ministri: una decisione lampo – la seduta, riferiscono fonti governative, è durata meno di 15 minuti. La questione passa ora passa ora al presidente Mattarella al quale spetta l’ultima parola per la nomina del Presidente della Commissione di Vigilanza.

Confermate quindi le voci circolate negli ultimi giorni e di cui We Wealth aveva dato notizia qui. Nelle settimane precedenti era trapelato anche il nome del dirigente Consob Marcello Minenna, sostenuto da una parte dei 5Stelle ma  non gradito al Qurinale. Il Ministro Savona – salvo colpi di scena – succederà a Mario Nava, dimessosi lo scorso settembre su pressione del Governo perchè giudicato incompatibile con l’incarico perché contemporaneamente dipendente della Commissione europea.

Polemica da sinistra

Sul nome di Savona il Partito Democratico solleva però dubbi di natura giuridica si dice preoccupato di un possibile conflitto di interessi. “Savona non può fare il presidente della Consob, il Governo non può ignorare le leggi”: le “ragioni di incompatibilità” dell’82enne Ministro sarebbero più di una, secondo quanto riportato da La Stampa: “Fino a maggio 2018 ha lavorato per il fondo Euklid, e quindi per un soggetto vigilato dalla Commissione, e in più risulta in conflitto con le leggi Madia e Frattini”. La prima normativa prevede che un pensionato possa ottenere un incarico pubblico solo a titolo gratuito e per un solo anno (l’incarico alla Consob ne dura 7). La seconda, richiede una pausa di almeno 12 mesi prima che un soggetto possa passare da incarichi di governo ad altri incarichi alla guida di enti o società pubbliche.

Livia Caivano
Livia Caivano
VUOI LEGGERE ALTRI ARTICOLI SU: