Investimenti Esg: sfide ed opportunità per il settore assicurativo

Silvia Lolli
Silvia Lolli
11.8.2021
Tempo di lettura: 3'
Le imprese di assicurazione sono considerate tra i principali operatori del mercato idonei a contribuire alla realizzazione di un sistema europeo più verde ed efficiente in termini di tutela delle risorse
Le imprese di assicurazione sono considerate tra i principali operatori del mercato idonei a contribuire alla realizzazione di un sistema europeo più verde ed efficiente in termini di tutela delle risorse ed integrato socialmente, avendo la capacità di incanalare il risparmio dei privati verso attività economiche e finanziarie sostenibili da un punto di vista sociale ed ambientale e pertanto conformi ai cosiddetti principi Esg (environmental, social, governance).
In un contesto normativo (soprattutto europeo) caratterizzato dall'adozione di numerose iniziative volte ad indirizzare il sistema finanziario verso una crescita sostenibile, sempre più compagnie assicurative hanno progressivamente integrato i fattori ed i rischi Esg nel proprio modello di business, decidendo di investire le proprie riserve tecniche in attivi che integrano la performance finanziaria con finalità di tipo “sostenibile” (appunto conformi ai fattori Esg).

Infatti, come rilevato dall'Ivass nell'ultima relazione annuale sull'attività dell'Istituto, le polizze di assicurazione sulla vita a contenuto finanziario che prevedono criteri di selezione e gestione degli investimenti ispirati alla finanza sostenibile sono nettamente in crescita e, nella seconda metà dell'anno 2020, ben nove prodotti assicurativi del ramo vita Esg compliant di tipo multiramo e unit-linked (ovvero prodotti in cui il valore della prestazione è collegata in tutto o in parte all'andamento di fondi di investimento con finalità Esg) sono stati lanciati da sei compagnie di assicurazione nel mercato italiano.

La prima parte della normativa Esg ha avuto senza dubbio la finalità di ridurre l'asimmetria informativa nei rapporti contrattuali tra le compagnie di assicurazioni e i propri contraenti circa l'integrazione da parte delle prime dei rischi di sostenibilità e la promozione dei fattori ambientali, sociali e a tutela della diversità nella documentazione informativa e pre-contrattuale dei prodotti di investimento assicurativi (i cosiddetti ibips - insurance based investment products). Tuttavia, tali presidi regolamentari potrebbero non essere in quanto tali sufficienti ad indirizzare i flussi finanziari su prodotti assicurativi che perseguono obiettivi sostenibili di lungo termine.

Pertanto, al fine di compiere un ulteriore passo in avanti e di considerare l'aspetto della sostenibilità soprattutto nella fase distributiva degli ibips, il 2 agosto 2021 è stato pubblicato nella Gazzetta ufficiale dell'Unione europea il regolamento delegato 2021/1257 ("Regolamento Delegato 2021/1257"), che modifica i regolamenti delegati 2017/2358 (in materia di governo e controllo del prodotto per le imprese di assicurazione e i distributori di prodotti assicurativi) e 2017/2359 (sugli obblighi di informazione e le norme di comportamento applicabili alla distribuzione di tali prodotti). Le disposizioni del Regolamento Delegato 2021/1257 saranno applicabili a partire dal 2 agosto 2022.

Tali modifiche sono volte ad introdurre, rispettivamente a carico del produttore (c.d. manufacturer) e del distributore di prodotti d'investimento assicurativi, un obbligo di integrare i rischi di sostenibilità nel processo di product oversight and governance ("pog") (quindi in primo luogo nella identificazione del c.d. target market positivo) e di effettuare una valutazione delle preferenze di sostenibilità del cliente a complemento della valutazione dell'adeguatezza e dell'esistenza di eventuali conflitti di interessi. Il Regolamento Delegato 2021/1257 farà in modo che sin dalla fase di ideazione e realizzazione del prodotto assicurativo fino a quella della distribuzione, i fattori esg siano uno dei criteri determinanti nel guidare l'offerta di prodotti d'investimento assicurativi da parte della rete distributiva e allo stesso tempo una modalità più efficiente - rispetto alla semplice trasmissione di informazioni scritte – per fornire al potenziale contraente la consulenza necessaria per decidere di indirizzare i propri risparmi in prodotti sostenibili.
Nello specifico, nell'ambito della valutazione dell'adeguatezza di un prodotto d'investimento assicurativo e della consulenza, i distributori avranno l'obbligo di ottenere dal contraente le proprie preferenze in fatto di sostenibilità e di prenderle in considerazione ai fini della distribuzione di un tipo piuttosto che di un altro. I distributori saranno tenuti a spiegare ai potenziali clienti le distinzioni tra i diversi gradi di sostenibilità dei prodotti, consentendo a questi ultimi di prendere decisioni di investimento informate. Secondo la comunicazione della Commissione di accompagnamento della proposta di Regolamento Delegato 2021/1257, queste modifiche faranno crescere la domanda di strumenti e prodotti finanziari o assicurativi che presentano strategie di investimento sostenibili e che prendono in considerazione le ripercussioni negative sulla sostenibilità.

Quanto alla Pog, le proposte di modifica sono volte a far sì che nella fase di identificazione del target market il produttore individui il gruppo di clienti cui indirizzare il prodotto assicurativo prendendo in considerazione, in modo granulare, anche i suoi fattori di sostenibilità; al contrario, tali fattori non dovrebbero determinare l'individuazione di un target market negativo, di modo che prodotti assicurativi collegati ad investimenti che mirano ad attuare obiettivi di sostenibilità rimangano comunque accessibili ai clienti che non hanno specifiche preferenze al riguardo. Anche la fase di testing del prodotto assicurativo rispetto al target market identificato e i flussi informativi tra produttore e distributore delle polizze dovranno tenere in considerazione gli obiettivi di sostenibilità.

Non pochi elementi di incertezza si intravedono tuttavia in relazione al quadro normativo delineato.

Il primo è sicuramente legato alla necessità di assicurare che le regole prefigurate siano effettivamente attuate e si traducano in un comportamento attivo da parte del distributore e del produttore. Il secondo banco di prova di questa normativa sarà quello di riuscire a garantire un'uniformità nella propria applicazione da parte delle reti distributive, specialmente per via dell'utilizzo di concetti lontani – come quello di fattori di sostenibilità – e ancora troppo poco definiti. Solo l'attenzione a queste problematiche accrescerà la fiducia degli investitori nei prodotti assicurativi con finalità Esg e consentirà una vera e propria transizione, non solo economica ma anche culturale, verso una realtà sostenibile dal punto di vista ambientale, sociale e di governance.
Opinione personale dell’autore
Il presente articolo costituisce e riflette un’opinione e una valutazione personale esclusiva del suo Autore; esso non sostituisce e non si può ritenere equiparabile in alcun modo a una consulenza professionale sul tema oggetto dell'articolo. WeWealth esercita sugli articoli presenti sul Sito un controllo esclusivamente formale; pertanto, WeWealth non garantisce in alcun modo la loro veridicità e/o accuratezza, e non potrà in alcun modo essere ritenuta responsabile delle opinioni e/o dei contenuti espressi negli articoli dagli Autori e/o delle conseguenze che potrebbero derivare dall’osservare le indicazioni ivi rappresentate.
Silvia Lolli è counsel di Hogan Lovells nel dipartimento italiano di Istituzioni Finanziarie dello studio ed è membro dell'insurance practice internazionale da oltre quindici anni.
Silvia ha maturato una significativa esperienza nel settore della normativa e della regolamentazione assicurativa e da oltre diciotto anni assiste imprese di assicurazione e riassicurazione ed intermediari assicurativi in merito a questioni di natura regolamentare, contrattuale e societaria attinenti alla loro attività e nei rapporti con contraenti e beneficiari.
Fra i suoi clienti sono comprese le principali imprese di assicurazioni e gli intermediari assicurativi italiani e stranieri.
Silvia presta regolarmente assistenza agli operatori del mercato assicurativo nelle seguenti principali materie: consulenza sulla struttura e sul contenuto della documentazione contrattuale ed informativa per l’offerta di prodotti assicurativi, con particolare riferimento al ramo vita e ai prodotti finanziari assicurativi (unit-linked, multiramo e private bonds); contenzioso delle imprese di assicurazione con particolare riferimento agli obblighi regolamentari collegati all’emissione di prodotti assicurativi a contenuto finanziario; assistenza ad imprese e ad intermediari assicurativi nell’ambito di procedimenti autorizzativi ed ispettivi da parte delle autorità di vigilanza Italiane (IVASS e CONSOB); procedure di notifica e autorizzazione per lo svolgimento dell'attività assicurativa o di intermediazione in Italia; procedure autorizzative necessarie in caso di operazioni di fusione e acquisizione di partecipazioni in imprese assicurative o di trasferimento di portafogli assicurativi; redazione di accordi di distribuzione e prestazione di servizi; procedure di esternalizzazione di attività delle imprese di assicurazione.
Silvia è citata in Chambers & Partners Europe dal 2016 tra i professionisti legali di rilievo nel settore assicurativo in Italia.

Cosa vorresti fare?

X
I Cookies aiutano a migliorare l'esperienza sul sito.
Utilizzando il nostro sito, accetti le condizioni.
Consenti