La giada cinese principessa nell'asta Finarte

Teresa Scarale
Teresa Scarale
3.6.2021
Tempo di lettura: 2'
Rivalutazione da capogiro in asta per un sigillo in giada verde celadon. Il nuovo proprietario se lo è aggiudicato al telefono dopo un duello di 10 minuti
Nessuno, tantomeno il vecchio proprietario se lo sarebbe aspettato. Quel lotto era stato messo in vendita con una stima di 2000-4000. Già una rivalutazione di dieci volte la stima bassa sarebbe stato un successo. Invece, come spesso accade, l'asta reale ha poi riservato una piacevolissima sorpresa: quell'elefante in giada verde celadon ha raggiunto l'astronomica cifra di 165.000 euro. Dieci i minuti di battaglia, due gli irriducibili combattenti al telefono (contro la sala e le piattaforme online). E il sigillo cinese è diventato il top lot del primo semestre di Finarte. Ad ospitare il record, la sede romana di Palazzo Odescalchi.
Ma dalla casa d'aste esprimono soddisfazione per tutte le vendite della settimana di arte classica: Dipinti e Disegni Antichi, Incanti d'Arte, oltre che Arte Orientale.

Nell'asta di Dipinti e Disegni Antichi il lotto più costoso è stato il dipinto di Loth e le figlie di Pacecco De Rosa, aggiudicato a quasi 118.000 euro (stima di partenza 30.000 - 50.000 euro). Bene anche Adorazione del Bambino di Joos Van Cleve. Il "Leonardo della Fiandre", ha incassato 37.500 euro. La raccolta di disegni della collezione di Giancarlo Sestieri, 78.000 euro.
giada-cinese-principessa-asta-finarte_2
Pacecco De Rosa, Loth e le figlie
La casa d'asta comunica inoltre che sono stati consegnati al nuovo proprietario i dodici affreschi e le due formelle in gesso provenienti dal demolito palazzo Torlonia in piazza Venezia. Il gruppo di opere era stato battuto in lotto unico nell'asta di febbraio 2021 per 65.000 euro, esenti da commessioni proprio l'eccezionalità delle opere. Niente male per questi lavori ritenuti di straordinaria rilevanza storico-artistica dal Ministero per i Beni e le Attività Culturali. In precedenza, avevano fatto parte per oltre un secolo della collezione Canonica.
Caporedattore Pleasure Asset. Giornalista professionista, garganica, è laureata in Discipline Economiche e Sociali presso l'Università Bocconi di Milano. Scrive di finanza, economia, mercati dell'arte e del lusso. In We Wealth dalla sua fondazione

Cosa vorresti fare?

X
I Cookies aiutano a migliorare l'esperienza sul sito.
Utilizzando il nostro sito, accetti le condizioni.
Consenti