Bmw K100, il mattone volante con il motore a sogliola

Lorenzo Magnani
Lorenzo Magnani
14.1.2022
Tempo di lettura: 2'
Noiosamente affidabile, incredibilmente sicura e con un motore volante. Alla scoperta della Bmw K100, la moto che mandò in soffitta il mitico Boxer
L'ascesa giapponese come forza dominante nell'industria motociclistica durante gli anni Settanta prese alla sprovvista gran parte dei produttori europei di moto. Le moto del Paese del Sol Levante avevano un comodo avviamento elettrico e si guadagnarono rapidamente una reputazione di affidabilità. L'etichetta "noiosamente affidabile" fu presto appiccicata sul serbatoio di quali moto nipponica. E affidabili lo erano veramente. Tuttavia un giro a tavoletta su una Honda CB750 o su Kawasaki 900 era tutt'altro che noioso. Di fronte all'assalto giapponese al mercato motociclistico, l'industria britannica offriva essenzialmente troppo poco e troppo tardi. In Germania la Bmw invece era determinata a mantenere il suo prestigioso posto in cima alle moto più desiderabili del mondo.

Una moto noiosa


Alla noia si poteva rispondere solo con la noia, ma alla maniera tedesca. Per essere "noiosamente affidabili" la formula venuta in mente agli ingegneri della Bmw era KISS: Keep It Simple Stupid.  L'idea più stupida e noiosa la ebbe il progettista Josef Fritzenwenger. Recitava più o meno così: “Prendiamo il motore della piccola e noiosa Peugeot 104, lo mettiamo su un lato e lo montiamo longitudinalmente sul telaio della moto”. Ne derivò un motore a quattro cilindri raffreddato a liquido simile a quello montato sulle Indian ed Excelsior Henderson degli anni '20, ma montato su un lato. Era nato il prototipo della Bmw K100, una vera rivoluzione per la casa bavarese. Dopo 250 miliardi di lire investiti, 5 anni di duro lavoro, 100 persone tra tecnici, ingegneri e collaudatori, e altrettante collaborazioni, la K100 venne alla luce. Motociclismo lanciò lo scoop, dedicando alla nuova Bmw la copertina del luglio 1983. “Clamoroso! La Bmw a 3 e 4 cilindri”.

bmw k100

Non trovi tutte le informazioni che ti servono? Consulta direttamente i nostri esperti gratuitamente.

Il mattone volante


La sigla K deriva dall'iniziale della parola “Kompact”. Il quattro cilindri Peugeot, un tempo noioso, fu sostituito da un quattro cilindri in linea con doppio albero a camme in testa, uno dei quattro cilindri in linea più avanzati che il mondo motociclistico avesse visto fino a quel momento. Era una moto con tutta una serie di qualità uniche e desiderabili per le quali la gente avrebbe felicemente aperto il portafoglio. Era nata una nuova icona, era il 1983. La K100 si guadagnò presto il soprannome di "The Flying Brick", il mattone volante. Rispetto alle rivali giapponesi la due ruote tedesca andava altrettanto veloce e con più facilità. Nel 1988 si aggiunge anche la maggiore sicurezza. Per la prima volta al mondo viene offerta una moto con il sistema Abs. L'impianto usava una tecnologia allo stato primordiale: all'epoca pesava ben 11 kg! Ad ogni modo fu un successo. Il 70% dei clienti ordinarono la K100 con l'Abs.

Touring, racer... custom


Nel 1991 arrivò poi la K100 RS, una Kompact più turistica con una carenatura aerodinamica attentamente progettata per la massima velocità (160/170 km/h) Con oltre 34.000 unità prodotte, divenne il modello di serie K più venduto della prima generazione.  Tre anni prima invece aveva fatto la sua comparsa in scena la K1, una moto futuristica nell'aspetto e con una connotazione più sportiva. La K1 montava un 4 cilindri a 16 valvole (non più 8), che gli conferiva 10 cavalli aggiuntivi. Grazie al suo design aerodinamico abilmente concepito, la moto era in grado di raggiungere velocità massime ben oltre i 230 km/h, senza perderne in stabilità.

Bmw K100

A distanza di anni la K100 continua ad avere un grande successo ancora oggi. È difficile infatti immaginare candidato migliore di una flying brick per regalarsi una cafe racer, una scrambler o una superba moto da turismo vintage personalizzata.

bmw k 100

Vorresti approfondire la tematica trattata contattando uno dei nostri esperti? E' gratuito, facile e veloce!

Laureato in Finanza e mercati Internazionali presso l’Università Cattolica di Milano, nella redazione di We Wealth scrive di mercati, con un occhio anche ai private market. Si occupa anche di pleasure asset, in particolare di orologi, vini e moto d’epoca.

Cosa vorresti fare?

X
I Cookies aiutano a migliorare l'esperienza sul sito.
Utilizzando il nostro sito, accetti le condizioni.
Consenti