Guerra in Ucraina: qual è il “prezzo” che il mondo sta pagando?

foto digitale - Nicola Dimitri
Nicola Dimitri
16.6.2022
Tempo di lettura: 3'
Il mondo sta pagando un prezzo pesante per la guerra della Russia in Ucraina ed è difficile prevedere gli scenari futuri

La crescita dovrebbe essere nettamente più debole del previsto in quasi tutte le economie

Dall’inizio del conflitto il prezzo di molti alimenti è cresciuto considerevolmente

Il mondo sta pagando un prezzo pesante per la guerra della Russia in Ucraina e probabilmente gli scenari futuri, a causa di questo conflitto che non sembra interrompersi, potrebbero andare peggiorando.

Ad avviso dell’Ocse, la guerra in Ucraina ha innescato, e rischia di amplificare, una serie di crisi economiche e umanitarie su vasta scala, idonee ad incidere sulla crescita globale, già marcatamente segnata dall’aumento dell’inflazione e dai rincari sul cibo e energia.

Dopo due anni di contrazioni economiche dovute alla pandemia, l’economia mondiale sembrava andare verso una lenta risalita. Tuttavia, il conflitto in Ucraina, nonché le interruzioni delle catene di approvvigionamento esacerbate dai severi lockdown che la Cina ha imposto per seguire la politica cd. “zero-Covid”, stanno infliggendo un duro colpo alla ripresa.

La crescita del Pil mondiale potrebbe rallentare drasticamente quest'anno, di circa il 3%, e rimanere a un ritmo simile nel 2023: soglie che contraddicono il ritmo di ripresa sperato e atteso lo scorso dicembre quando all'orizzonte non si profilava la minaccia del conflitto. Il generalizzato rallentamento della crescita, strettamente correlato alla guerra, potrebbe riversarsi sui salari, determinando un abbassamento dei redditi delle fasce più deboli, e sull’occupazione.

Ebbene, se la guerra in Ucraina ha consolidato la prospettiva di un aumento considerevole dell'inflazione, le economie che, più di altre, potrebbero trovarsi a subire le esternalità negative correlate al conflitto, sono quelle europee, in quanto geograficamente più esposte ed energeticamente dipendenti dai territori russi ed ucraini.

I prezzi elevati di generi alimentari ed energetici e il continuo peggioramento dei problemi della catena di approvvigionamento implicano che l'inflazione dei prezzi al consumo raggiungerà un picco senza prrecedenti.

Le nuove proiezioni dell'Ocse mostrano l'impatto ampio e globale della guerra sull'inflazione, che ha già raggiunto i massimi da 40 anni in Germania, Regno Unito e Stati Uniti.

Una graduale riduzione delle pressioni sulla catena di approvvigionamento e sui prezzi delle materie prime e l'impatto dell'aumento dei tassi di interesse dovrebbero iniziare a farsi sentire fino al 2023, ma si prevede che l'inflazione rimarrà comunque pari o superiore agli obiettivi della banca centrale in molte delle principali economie.

La Russia e l'Ucraina sono importanti fornitori in molti mercati delle materie prime. Insieme rappresentano circa il 30% delle esportazioni globali di grano, il 20% di mais, fertilizzanti minerali e gas naturale e l'11% di petrolio; pertanto, come messo in evidenza dall’Ocse, è lecito attendersi che a causa del forte aumento dei prezzi, ne risentirà il potere d'acquisto delle famiglie, che saranno costrette a rivedere al ribasso la propria capacità di spesa e il fabbisogno energetico e alimentare di base.

Redattore e coordinatore dell'area Fiscal & Legal di We Wealth. In precedenza ha lavorato nell'ambito del diritto tributario e della fiscalità internazionale presso primari studi legali

Cosa vorresti fare?

X
I Cookies aiutano a migliorare l'esperienza sul sito.
Utilizzando il nostro sito, accetti le condizioni.
Consenti