Donazioni: gli italiani scelgono soldi e partecipazioni societarie

foto digitale - Nicola Dimitri
Nicola Dimitri
10.6.2022
Tempo di lettura: 3'
Nel 2021 sono aumentate le donazioni, in particolare donazioni in denaro e in partecipazioni societarie

Sono gli uomini a essere i maggiori destinatari di donazioni. Mentre si dona, in media, dai 56 anni in poi

Con riferimento alle compravendite restano al Nord i maggiori volumi di scambio sia per i beni mobili, che per i beni immobili

Nonostante il 2021 sia stato un anno particolarmente difficile, anche dal punto di vista patrimoniale, a causa delle diverse implicazioni legate all'andamento dell’epidemia Covid-19, si è registrata una crescita generalizzata nell’ambito delle compravendite immobiliari, dei mutui e delle donazioni. Le compravendite, più in particolare, hanno registrato un aumento del 34,64% rispetto all’anno precedente.

Questo è ciò che, in buona sostanza, emerge dall’ultimo Rapporto Dati Statistici Notarili (Dsn). In particolare, a trainare la classifica delle transazioni e operazioni che prevedono il coinvolgimento dei notai, e soprattutto per gli immobili, c’è la Lombardia col 19,40% del totale nazionale, il Veneto (9,30%) e il Piemonte (9,27%).

Secondo lo studio dei Notai, nel secondo semestre 2021 su 303.211 fabbricati abitativi, per 162.248 è stata richiesta l’agevolazione prima casa e nell’intero anno 2021, su complessivi 628.137 immobili abitativi è stata chiesta l’agevolazione prima casa per 352.039 (rispetto ai 307.466 del 2020).

Questa circostanza, è dato leggere nel Rapporto in commento, conferma che in Italia oltre la metà degli immobili abitativi viene acquistata con le agevolazioni prima casa, ma è sensibilmente in calo rispetto a quello registrato nel 2019. L’agevolazione prima casa viene maggiormente richiesta nella fascia di età 18-35 mentre vi è sostanzialmente parità nell’acquisto tra uomini e donne.

Inoltre, le compravendite effettuate da privati sono maggiori rispetto alle vendite effettuate dalle imprese: gli immobili abitativi sono venduti più da privati che da imprese. Sul punto, si consideri che nel secondo semestre del 2020, l’86,09% dei fabbricati abitativi è stata venduta da privati, mentre le imprese hanno venduto il restante 13,91% degli immobili abitativi.

Ci sono poi dei dati, per così dire, particolari: le vendite di aeromobili conclusi per atto notarile nel 2021 sono state 146 rispetto alle 96 vendite registrate nel 2020.

Ma non è tutto. A leggere nel dettaglio il documento pubblicato dal Consiglio Nazionale del Notariato, emerge che nel 2021 ad essere aumentate sono anche le donazioni.

In particolare, aumentano quelle di denaro, che restano al secondo posto per numerosità e raggiungono il 39,65 % del totale degli atti e quelle sotto forma di partecipazioni societarie, che toccano il 41,95%.

Bassa, invece, la percentuale relativa alle donazioni di azienda: appena il 7% del totale. Le donazioni di immobili, invece, nel 2021, sono state complessivamente 221.642. Dato in rialzo rispetto all’anno precedente posto che nel 2020 sono state 174.754.

Il dato territoriale conferma che le donazioni mobiliari si concentrano al Nord ed il Nord Ovest resta la zona d’Italia dove queste sono più numerose.

Anche per il 2021, sempre con riferimento alle donazioni, si registra la prevalenza del genere maschile su quello femminile: è maschile il genere che più riceve donazioni in forma di beni mobili produttivi, quindi aziende, quote, azioni.

La distribuzione per fasce d’età nei donatari e nei donanti è invece equilibrata: i destinatari di una donazione mobiliare sono concentrati tra i 18 ed i 55 anni, per poi andare in diminuzione nei successivi scaglioni.

L’età di chi effettua la donazione di beni mobili, invece, segue un andamento contrario: si dona soprattutto dai 56 anni in poi.

Ebbene, guardare al numero di donazioni, significa, come giustamente evidenziato all’interno del Rapporto, aprire una finestra sul modo in cui le famiglie italiane organizzano i loro patrimoni, nell’ottica del passaggio generazionale e di una redistribuzione delle risorse nei confronti dei vari componenti del nucleo familiare.

Redattore e coordinatore dell'area Fiscal & Legal di We Wealth. In precedenza ha lavorato nell'ambito del diritto tributario e della fiscalità internazionale presso primari studi legali

Cosa vorresti fare?

X
I Cookies aiutano a migliorare l'esperienza sul sito.
Utilizzando il nostro sito, accetti le condizioni.
Consenti