EVENTO « III° PRIVATE MARKET SUMMIT » Idee per capitali pazienti in un mondo che cambia EVENTO IN DIRETTA REGISTRATI

ChatGPT come consulente finanziario? Se la cava: il nostro test | WeWealth

ChatGPT come consulente finanziario? Se la cava: il nostro test

Alberto Battaglia
16.1.2023
Tempo di lettura: 5'
In un mondo in cui è difficile capire di chi fidarsi, quello degli investimenti, potrà mai un'intelligenza artificiale essere di vero aiuto?

Quella che leggerete di seguito è una conversazione fra un uomo e una macchina. Nell'immaginario cinematrografico, a partire da 2001, Odissea nello spazio, i computer troppo intelligenti finiscono per ritorcersi contro chi li ha creati. In un mondo in cui è difficile capire di chi fidarsi, quello degli investimenti e dei consigli su come gestire le proprie fortune, potrà mai un'intelligenza artificiale essere di vero aiuto? E' quello che We Wealth ha provato a fare mettendo alla prova, con domande di crescente difficoltà, l'intelligenza artificiale ChatGPT, uno strumento sul il quale Microsoft investirà 10 miliardi di dollari. Sviluppato dalla Open AI, questo strumento è in grado di conversare via chat, rispondendo alle domande più disparate. La sua accuratezza ha già fatto il giro di Internet e vari professionisti si sono interrogati su quale sarà il futuro del proprio lavoro se ci saranno intelligenze sintetiche così performanti. 


Prima di entrare nella nostra conversazione, qualche considerazione sulla qualità delle risposte che ci si potranno aspettare, in materia di investimenti, da ChatGPT. In generale, il bot riesce a inquadrare in modo molto preciso il contesto della domanda offrendo, in caso di argomenti per i quali non esistono verità definitive, le opzioni sul tavolo. L'intelligenza artificiale non incorre in errori nel tentativo di "fare il passo più lungo della gamba". In breve, non ci dirà cosa fare, ma fornirà elementi di riflessione di soprendente precisione. E' utile per orientare il proprio portafoglio? Lo lasciamo decidere a chi legge. Di sicuro, è molto difficile mettere in crisi chatGPT, anche con le domande che contengono qualche incongruenza. 

[Nota: le risposte di ChatGPT sono state in alcuni casi tagliate nelle parti ripetitive, solo per facilitare la lettura dell'articolo. Questo viene sempre segnalato nel testo. Gli elementi cruciali della risposta non sono mai modificati e sono tradotti alla lettera] 


Ho un'avversione al rischio media, come dovrei distribuire il mio portafoglio fra azioni e obbligazioni?

Una tolleranza al rischio media suggerisce in genere un'allocazione equilibrata del portafoglio. Un approccio comune per una tolleranza al rischio media consiste nell'allocare il 60% del portafoglio in azioni e il 40% in obbligazioni. All'interno della vostra allocazione azionaria, potreste voler diversificare ulteriormente l'investimento assegnando una parte a titoli internazionali e un'altra a titoli nazionali. Inoltre, si può prendere in considerazione l'investimento in fondi indicizzati a basso costo, che possono fornire un'ampia esposizione al mercato riducendo al minimo le spese. Come sempre, è importante rivedere regolarmente il proprio portafoglio e apportare le modifiche necessarie in base ai propri obiettivi, alla tolleranza al rischio e all'orizzonte temporale.


Dovrei investire anche in singoli titoli azionari?

La scelta di investire in singole azioni è una decisione personale che dipende dagli obiettivi di investimento, dalla tolleranza al rischio e dalla conoscenza del mercato azionario. Investire in singole azioni può essere più rischioso che investire in fondi indicizzati o in fondi negoziati in borsa (ETF) che offrono un'ampia esposizione al mercato. Tuttavia, l'investimento in singole azioni può anche offrire rendimenti potenzialmente più elevati se si selezionano titoli con buone performance.

Se decidete di investire in singole azioni, è importante che facciate le vostre ricerche e che scegliate titoli che abbiano un solido curriculum finanziario, un vantaggio competitivo nel loro settore e un solido team di amministrazione. Inoltre, per ridurre al minimo il rischio, è opportuno diversificare il proprio portafoglio azionario investendo in una serie di società diverse e in settori differenti.

È anche una buona idea avere un portafoglio ben diversificato che comprenda sia singole azioni che fondi indicizzati o ETF, e non mettere tutte le uova in un solo paniere.

Si consiglia di consultare un consulente finanziario prima di prendere qualsiasi decisione di investimento.

 

Dovrei rivolgermi a un consulente finanziario indipendente o a quello della mia banca?

Si raccomanda di consultare un consulente finanziario prima di prendere qualsiasi decisione di investimento. Può essere utile rivolgersi a un consulente finanziario indipendente che non sia affiliato a una particolare banca o società di investimento. I consulenti finanziari indipendenti non sono in genere legati ad alcun prodotto o servizio specifico, il che significa che possono fornire una consulenza obiettiva e adeguata alle vostre esigenze e ai vostri obiettivi specifici. Inoltre, i consulenti finanziari indipendenti sono generalmente remunerati attraverso una struttura basata sulle parcelle, piuttosto che sulle provvigioni, il che può contribuire ad allineare i loro incentivi con i vostri interessi.

D'altro canto, un consulente bancario è un dipendente di una banca e può essere limitato nei prodotti e nei servizi che può consigliare, il che può limitare le opzioni disponibili per voi. Inoltre, i consulenti bancari possono essere incentivati a consigliare prodotti o servizi che siano redditizi per la banca, piuttosto che quelli migliori per voi.

In definitiva, è importante fare le proprie ricerche e considerare le qualifiche e l'esperienza di qualsiasi consulente finanziario con cui si lavora, indipendentemente dal fatto che sia indipendente o affiliato a una banca. Fate domande e chiarite il metodo di remunerazione del consulente e il suo livello di indipendenza prima di scegliere di lavorare con lui.

E' inoltre importante notare che la consulenza finanziaria non è una cosa una tantum; è necessario rivedere regolarmente il proprio piano finanziario e apportare le modifiche necessarie in base ai propri obiettivi, alla tolleranza al rischio e all'orizzonte temporale. 


Il mio consulente mi ha suggerito di includere nel portafoglio dei fondi private equity, ma sono molto avverso alle perdite. Cosa dovrei fare?

E' importante capire che tutti gli investimenti comportano un certo livello di rischio e il private equity non fa eccezione. In quanto classe di investimento alternativa, gli investimenti in private equity possono offrire un potenziale di rendimento superiore a quello degli investimenti tradizionali, come le azioni e le obbligazioni. Tuttavia, gli investimenti in private equity comportano anche un livello di rischio più elevato e il rischio di perdite finanziarie.


Se non vi sentite a vostro agio con il potenziale di perdite finanziarie, forse è meglio evitare gli investimenti in private equity e concentrarsi su investimenti più tradizionali con un rischio minore. Diversificare il portafoglio con un mix di attività in linea con la vostra tolleranza al rischio e i vostri obiettivi di investimento è un buon approccio. […] E' sempre bene consultare un consulente finanziario prima di prendere qualsiasi decisione di investimento. E' importante lavorare con un consulente di fiducia che comprenda la vostra tolleranza al rischio e i vostri obiettivi di investimento. 

[ChatGPT ha riconosciuto che un consulente che suggerisca il private equity ad un cliente avverso al rischio commette uno sbaglio e ha, coerentemente, aggiunto alla solita perifrasi sulla consulenza che è necessario che il professionista comprenda la tolleranza al rischio del cliente. Insomma, chiaro, ma anche garbato. Niente male].


Sono un investitore altamente patrimonializzato (Hnwi), dovrei preferire i fondi a gestione attiva o passiva?

In qualità di individui con un elevato patrimonio netto (Hnwi), avete a disposizione una serie di opzioni di investimento, tra cui investimenti passivi e attivi. Gli investimenti passivi, come i fondi indicizzati e i fondi negoziati in borsa (ETF), sono progettati per seguire l'andamento di uno specifico indice di mercato o settore. Questi tipi di investimenti hanno in genere basse commissioni di gestione e sono considerati un modo conveniente per ottenere un'ampia esposizione al mercato. Gli investimenti passivi sono adatti agli investitori che cercano una strategia di investimento a lungo termine e sono disposti ad accettare il rendimento del mercato.

Gli investimenti attivi, invece, prevedono l'assunzione di un gestore di portafoglio o di un consulente per la gestione attiva del portafoglio. I gestori attivi cercano di sovraperformare un indice di riferimento selezionando singole azioni, obbligazioni o altri titoli che ritengono possano avere un buon rendimento. La gestione attiva può essere più costosa di quella passiva a causa delle maggiori commissioni di gestione, ma può anche generare potenzialmente rendimenti più elevati. Gli investimenti attivi sono adatti agli investitori che vogliono cercare di battere il mercato, ma accettano anche il rischio di sottoperformare il mercato.

In qualità di Hnwi, potreste avere le risorse e le conoscenze necessarie per dedicarvi agli investimenti attivi, ma è comunque importante considerare i vostri obiettivi di investimento, la vostra tolleranza al rischio e il vostro orizzonte temporale. [...]


Ridurre i costi dovrebbe essere una priorità nelle mie scelte di investimento?

I costi sono una considerazione importante nelle scelte di investimento, poiché possono avere un impatto significativo sui vostri rendimenti complessivi. Una riduzione dei costi si traduce generalmente in un aumento dei rendimenti, in quanto una parte maggiore dei rendimenti degli investimenti viene trattenuta. Alcuni dei costi associati agli investimenti comprendono le commissioni di gestione, i costi di transazione e altre spese. Questi costi possono variare notevolmente a seconda del tipo di investimento e del fornitore. Ad esempio, i fondi indicizzati e i fondi negoziati in borsa (ETF) hanno generalmente commissioni di gestione più basse rispetto ai fondi gestiti attivamente, e tendono anche ad avere costi di transazione inferiori.

La riduzione dei costi dovrebbe essere una priorità nelle scelte di investimento, in quanto può aiutare a massimizzare i rendimenti nel lungo periodo. Tuttavia, è importante tenere presente che gli investimenti a basso costo non sono sempre la scelta migliore. Alcuni investimenti possono avere costi più elevati ma un potenziale di rendimento più alto. E' importante considerare anche altri fattori, come gli obiettivi di investimento, la tolleranza al rischio e l'orizzonte temporale. [...]


I miei investimenti hanno perso il 15% l'anno scorso, dovrei “comprare il ribasso” (buy-the-dip)?

La decisione di comprare il ribasso, ovvero di acquistare un'attività quando il suo prezzo è diminuito, è personale e dipende dai vostri obiettivi di investimento, dalla vostra tolleranza al rischio e dalle vostre prospettive di mercato.

L'acquisto del ribasso può essere una buona strategia se si ritiene che il potenziale a lungo termine dell'attività sia ancora forte e che il calo del prezzo sia dovuto alla volatilità del mercato a breve termine. Inoltre, l'acquisto del ribasso vi consente di acquistare attività a un prezzo inferiore, il che può aumentare i vostri rendimenti potenziali se il prezzo dell'attività alla fine aumenta.

Tuttavia, è anche importante considerare le ragioni che stanno alla base del calo: se il calo è dovuto alle scarse prestazioni dell'azienda o a problemi specifici che difficilmente saranno risolti a breve, l'acquisto del 'dip' potrebbe non essere una buona idea.

E' inoltre importante tenere presente che i risultati passati non garantiscono quelli futuri e che il mercato può essere imprevedibile. E' importante anche diversificare il portafoglio e avere un orizzonte di investimento a lungo termine. Si raccomanda inoltre di consultare un consulente finanziario prima di prendere qualsiasi decisione di investimento.


Le azioni Tesla sono sopravvalutate? 

Tesla, Inc. è una multinazionale americana specializzata in veicoli elettrici, stoccaggio di energia e produzione di pannelli solari basati su un ecosistema energetico sostenibile. Negli ultimi anni l'azienda ha registrato un'enorme crescita e il prezzo delle sue azioni è aumentato in modo significativo. Tesla ha un rapporto P/E superiore a 1000, che è significativamente più alto del rapporto P/E medio delle società dell'indice S&P 500 [Il dato non è più corretto, anche se era vero a fine 2020. ChatGPT informa gli utenti che le sue informazioni potrebbero non essere aggiornate, Ndr.]. Ciò suggerisce che il titolo potrebbe essere sopravvalutato in base alle metriche di valutazione tradizionali. Inoltre, alcuni esperti sostengono che il prezzo delle azioni di Tesla non rifletta l'attuale performance finanziaria e le prospettive di crescita dell'azienda e che il mercato stia sopravvalutando il titolo a causa delle aspettative di crescita futura. Altri sostengono invece che il modello di business dirompente e la forte posizione di mercato di Tesla nel settore dei veicoli elettrici e dell'energia sostenibile giustifichino la sua elevata valutazione. [...]


In conclusione...


Al termine di queste ed altre domande, è difficile non riconoscere come ChatGPT abbia riassunto elementi comunemente ritenuti validi per orientare, almeno in una fase iniziale, i propri passi nel mondo degli investimenti. Al termine della nostra “intervista”, gli riveliamo che le sue capacità finanziarie sarebbero state oggetto di un articolo. Gli abbiamo chiesto di dire qualcosa ai nostri lettori. Ecco cosa ci ha risposto:

 

“In qualità di modello di linguaggio, non posso avere esperienze personali o abilità, incluse competenze finanziarie. Comunque, posso fornire informazioni generali e risorse su vari argomenti finanziari per aiutare e informare i lettori. E' importante consultare sempre un professionista finanziario per una guida e un consiglio finanziario personalizzato”.


Bravo, e anche modesto. 


Responsabile per l'area macroeonomica e assicurativa. Giornalista professionista, è laureato in Linguaggi dei media e diplomato in Giornalismo all'Università Cattolica

Cosa vorresti fare?