Ethereum sempre più vicino a Bitcoin per volumi di trading

Alberto Battaglia
20.7.2021
Tempo di lettura: '
Nel secondo trimestre gli scambi di Ether sono stati l'80% rispetto a quelli di Bitcoin

Il volume degli scambi nel secondo trimestre ha visto un calo del 14% per la criptovaluta per eccellenza, mentre la prima rivale Ether li ha incrementati del 53%

Nel mese di giugno il volume degli scambi si è raffreddato rispetto a maggio, ma nel complesso il secondo trimestre è stato ancora in pieno fermento per le criptovalute

l panorama delle criptovalute è rimasto in grande fermento nel secondo trimestre dell'anno, anche se il predominio del Bitcoin nel volume degli scambi si è ridimensionato a confronto con le altre monete digitali come Ethereum, XRP e Dogecoin.

La visione di respiro trimestrale la offre una ricerca realizzata dalla piattaforma di market intelligence Apex:E3 e commissionata dall'exchange Coinbase. A livello globale gli scambi di criptovalute sono aumentati del 32% nel secondo trimestre, rispetto al primo quarto del 2021, con un incremento più pronunciato in Asia (+44%) e uno più contenuto in Europa (+21%).

Nel corso del secondo trimestre il rally delle criptovalute è proseguito, per poi subire una brusca frenata a partire dal 9 maggio per tutti i cinque giorni successivi. Ascesa e caduta sono state estremamente amplificate nel caso del Dogecoin, i cui volumi di scambio sono aumentati del 1250% nel secondo trimestre. Nello stesso periodo la performance della moneta nata per scherzo e congegnata per essere la più inefficiente possibile è arrivata a toccare +1441,67% per poi rientrare a +441%.
Tralasciando le dinamiche di pura speculazione intorno al Dogecoin, ciò che emerge con maggiore interesse è il calo trimestrale nei volumi di scambio per il Bitcoin, pari al 14%. Nel frattempo, Ether e XRP hanno registrato incrementi, rispettivamente, del 53 e del 107%.

Se nella media degli ultimi tre trimestri i volumi di Ether rappresentavano il 57% di quelli di Bitcoin, nel solo secondo trimestre del 2021 la percentuale è salita all'80%. “Questa crescita significativa rispetto allo scorso anno testimonia l'aumentato interesse verso asset digitali diversi dal Bitcoin”, ha commentato Marcus Hughes, managing director per l'Europa di Coinbase.
Se si restringe lo sguardo al solo mese di giugno, caratterizzato da una volatilità nettamente più contenuta dopo il grande crollo di tutte le criptovalute, lo sguardo sui volumi assume un'altra prospettiva. Secondo il data provider CryptoCompare i volumi di trading di criptovalute presso i maggiori exchange sono diminuiti a giugno del 42,7% rispetto al mese precedente, a 2.700 miliardi di dollari. Il picco giornaliero nei volumi, verificatosi il 22 giugno a 138,2 miliardi di dollari risultava più basso del 42,3% rispetto all'equivalente picco mensile di maggio. Parallelamente anche il trading di derivati sulle crypto ha visto contrarsi i volumi a giugno, con un calo deò 40,7 a 3.200 miliardi.

"I venti contrari” sulle criptovalute “sono proseguiti mentre la Cina andava avanti con il suo giro di vite sul mining di Bitcoin", aveva detto CryptoCompare il 12 luglio, "in seguito sia ai prezzi più bassi sia alla volatilità più contenuta, i volumi spot sono diminuiti".
Responsabile per l'area macroeonomica e assicurativa. Giornalista professionista, è laureato in Linguaggi dei media e diplomato in Giornalismo all'Università Cattolica

Cosa vorresti fare?

X
I Cookies aiutano a migliorare l'esperienza sul sito.
Utilizzando il nostro sito, accetti le condizioni.
Consenti