PREVIOUS ARTICLE NEXT ARTICLE

Abbattere il prezzo della cattiva consulenza

Abbattere il prezzo della cattiva consulenza

Salva
Salva
Condividi
Livia Caivano
Livia Caivano

01 Luglio 2020
Tempo di lettura: 3 min
Tempo di lettura: 3 min
Salva
  • A causa delle fees, i consumatori vengono spesso indirizzati verso opzioni di investimento eccessivamente complesse e costose, spesso inadatte alle esigenze e al livello di rischio che le persone sono disposte a prendere

  • Dalla crisi del 2008 gli sforzi normativi per aiutare a guidare i consumatori nella giusta direzione hanno portato a un libro delle regole in continua espansione e difficilmente applicabile

  • Le leggi esistenti sono troppo spesso applicate debolmente dalle autorità dell’Unione Europea – o nazionali

The price of bad advice è il nome di una campagna del Bureau Européen des Unions de Consommateurs, un’organizzazione che rappresenta i consumatori di 32 diversi Paesi. “Chiediamo una revisione del modo in cui banche, assicuratori, broker e altri forniscono consulenza ai propri clienti”. Commissioni, legislazione e sorveglianza sono il fulcro del manifesto del progetto

Il Bureau Européen des Unions de Consommateurs (Beuc) è un ente che raggruppa al proprio interno 44 organizzazioni di consumatori indipendenti, di 32 diversi paesi. Il suo scopo è rappresentare le voci di queste realtà presso le istituzioni dell’Unione Europea e difendere gli interessi dei consumatori europei. Si legge nel loro manifesto: “Ci occupiamo di concorrenza, diritti dei consumatori, diritti digitali, energia, servizi finanziari, cibo, salute, sicurezza, sostenibilità e politica commerciale”.

 

Nel 2018 l’organizzazione ha dato vita alla campagna The price of bad advice: prodotti di investimento troppo rischiosi, polizze assicurative mal adattate, scandali causati da cattivi consigli in materia finanziaria sono fin troppo comuni – riporta il manifesto. “L’impatto che un cattivo consiglio può avere sulla vita delle persone è enorme, a volte fatale. Il nostro sito fornisce un’istantanea degli scandali che hanno colpito i consumatori di tutta Europa negli ultimi 15-20 anni. Chiediamo una revisione fondamentale del modo in cui banche, assicuratori, broker e altri forniscono consulenza ai propri clienti”.

Secondo l’organizzazione i risparmiatori in Europa sono troppo spesso esposti a consulenze finanziarie “non adeguate”, con risultati devastanti per le persone coinvolte: “Oggi i consumatori nell’Unione Europea non ricevono i consigli di cui hanno veramente bisogno quando cercano mutui, assicurazioni o cercano di investire meglio i propri risparmi. Soprattutto quando si tratta di investire i propri risparmi, la bassa qualità della consulenza è stata ampiamente documentata”.

Incentivi alle vendite

Le commissioni o gli incentivi alle vendite, che i venditori ottengono per la vendita di un determinato prodotto, fanno sì che i consumatori vengano indirizzati verso opzioni di investimento eccessivamente complesse e costose, spesso inadatte alle esigenze e al livello di rischio che le persone sono disposte a prendere. “Le fees sono state abolite nei Paesi Bassi e nel Regno Unito e i risultati sono incoraggianti – si legge nella presentazione del progetto -. “Una revisione del governo olandese condotta nel 2017 ha mostrato che il divieto di provvigione per mutui e assicurazioni sulla vita ha migliorato la qualità della consulenza. Così anche il Regno Unito ha rilevato che il divieto di imporre commissioni ai prodotti di investimento ha ridotto il pregiudizio delle fees”. Entrambi i paesi hanno deciso di mantenere i loro divieti.

Legislazione inadeguata

Dall’inizio della crisi finanziaria nel 2008, gli sforzi normativi per aiutare a guidare i consumatori nella giusta direzione hanno portato a regole in continua espansione e di difficile applicazione. La regolamentazione della consulenza finanziaria non raggiunge a pieno il suo scopo. “Dovrebbero esserci definizioni e regole comuni alle quali i consulenti possano attenersi quando consigliano i loro clienti e in caso di conflitti di interessi. I private banker dovrebbero assicurarsi che i prodotti finanziari siano adatti alla persona interessata e che vi sia una maggiore trasparenza dei prezzi, in particolare costi e oneri, per investimenti, pensioni e altri prodotti di risparmio a lungo termine. I consumatori hanno bisogno di consulenti indipendenti piuttosto che di consigli dei venditori, quindi la consulenza dovrebbe essere fornita solo da professionisti qualificati e regolamentat”i.

Supervisione debole

Le leggi esistenti sono troppo spesso applicate debolmente dalle autorità dell’Unione Europea – o nazionali. “C’è bisogno di una maggiore armonizzazione nel modo in cui la legge viene applicata in tutta Europa in modo che non ci siano risultati così contrastanti per i consumatori da un paese all’altro. Questa armonizzazione dovrebbe essere coordinata dalle autorità di vigilanza dell’Ue. È inoltre necessario che vi sia una netta separazione tra un’autorità incaricata di garantire la stabilità del mercato e un’autorità responsabile della protezione dei consumatori. Hanno bisogno di poteri e risorse adeguati”.

“Siamo anche preoccupati che vi sia un problema fondamentale con la complessità e la quantità di tutti i prodotti finanziari offerti sul mercato. Sin dai giorni della liberalizzazione della finanza al dettaglio negli anni ’80 e ’90, i prodotti finanziari sono diventati sempre più complessi con livelli crescenti di commissioni, terminologia complicata e operazioni sul lavoro, creando un effetto fumo e specchi per i consumatori. Le commissioni tendono a decimare il rendimento che gli investitori possono ottenere su un prodotto. Ad esempio, il watchdog finanziario dell’Ue ha recentemente gettato una luce molto poco lusinghiera sui costi dei fondi di investimento, in cui gli investitori vedono i loro rendimenti annuali ridotti in media del 30% a causa di commissioni, commissioni una tantum e inflazione”.

Livia Caivano
Livia Caivano
Condividi l'articolo
LEGGI ALTRI ARTICOLI SU: Risparmio Gestito Consulenti