Un 'falso' Van Gogh che in realtà era autentico

Sharon Hecker
Sharon Hecker
10.12.2021
Tempo di lettura: 5'
La mai troppo dibattuta questione dell'autenticità non smette di alimentare un'aneddotica sterminata, sorprendente. Intrigante come un romanzo noir. Il racconto di un Van Gogh misconosciuto, poi fortunatamente riconosciuto autentico grazie al minuzioso lavoro degli esperti
Cosa succede se possiedi un'opera d'arte che viene dichiarata un falso dal principale archivio o fondazione di quell'artista? Dovresti distruggerla, lasciare che sia contrassegnata come un falso, fare causa? O dovresti continuare a fare ricerche? In questo senso, le vicende incredibili del quadro di Vincent van Gogh, Tramonto a Montmajour (1888) sono istruttive.
La storia inizia nel 1908, quando un industriale norvegese, Christian Nicolai Mustad, comprò un

opera d'arte che credeva essere di Vincent van Gogh su consiglio dello storico dell'arte e conservatore Jens Thiis, che quell'anno divenne direttore del Museo Nazionale di Oslo. Il felice collezionista procedette ad appendere con orgoglio la sua nuova acquisizione su una parete della sua casa. Secondo la famiglia, una sera Mustad mostrò il quadro all'ambasciatore francese in Svezia, in visita a casa sua, ma l'ambasciatore disse al proprietario che il dipinto non era probabilmente un'opera autentica di van Gogh. (Gli esperti ora credono che in realtà sia stato il console norvegese a Parigi, Auguste Pellerin, che potrebbe aver indicato che l'opera era un falso). Il deluso e arrabbiato Mustad rimosse il dipinto dalla sua parete, convinto di aver comprato un falso, e lo bandì nella sua soffitta fino alla sua morte nel 1970. Mustad morì credendo che il suo dipinto fosse un falso.

Dopo la morte di Mustad nel 1970, il quadro riapparve come parte della sua estate e fu venduto a un collezionista privato. Volendo far autenticare l'opera, il nuovo proprietario la portò al Museo Van Gogh per l'autenticazione nel 1991, ma il museo rispose che il quadro non era di mano dell'artista perché non era firmato. Questa era la seconda volta che l'opera era stata presentata per un'autenticazione, essendo stata rifiutata anche la prima volta.

Van Gogh autentico falso

Per fortuna, il proprietario non ha buttato via o distrutto il quadro, come alcuni comitati di autenticazione richiedono oggi una volta che è stata emessa un'opinione di falsità. E per fortuna, la fondazione non ha marcato il quadro in modo indelebile come un falso, come fanno di prassi alcuni comitati di autenticazione. Invece, il proprietario ha persistito nella sua ricerca e intrepidamente ha riportato il quadro al museo nel 2011. Questa volta, il museo ha preso la saggia decisione di riconsiderare la sua opinione e ha accettato di esaminare l'opera di nuovo. Purtroppo, non sono molti gli archivi e le fondazioni che accettano di rivedere le loro posizioni. Invece in questo caso, il Museo van Gogh decise di condurre un'indagine approfondita per riesaminare l'autenticità del dipinto. L'indagine durò due anni, e i dettagli dei passi compiuti sono avvincenti come un romanzo poliziesco di Sherlock Holmes.

Uno studio più attento e l'utilizzo di nuove tecniche che erano diventate disponibili di recente hanno raccontato una storia completamente diversa. Questa volta, i tre tipi di due diligence (analisi scientifica dei materiali, ricerca sulla provenienza, e connoisseurship) furono seguiti sistematicamente. Ed ecco i risultati:
L'analisi scientifica degli aspetti materiali del dipinto mostrò che era stato realizzato con gli stessi pigmenti che van Gogh usava in quel periodo. Uno dei pigmenti, il blu cobalto, era un colore che egli iniziò ad usare solo nell'estate del 1887, delimitando così un lasso di tempo prima del quale l'opera non poteva essere stata realizzata se fosse di mano di Van Gogh. Questa era davvero una scoperta promettente, ma da solo non poteva garantire l'autenticità del dipinto, poiché falsi di questo artista esistevano già in quegli anni e potevano facilmente essere stati eseguiti utilizzando gli stessi pigmenti, che erano tutti disponibili in commercio all'epoca.

Un secondo tipo di esame condotto è stato quello della trama della tela, che è stata poi confrontata con un database sempre crescente di trama e ordito di altre tele note per essere dell'artista. La trama del quadro in questione è risultata compatibile con quella utilizzata per almeno un altro dipinto di van Gogh dello stesso periodo, The Rocks (1888) ora al Museum of Fine Arts di Houston. Anche la preparazione del fondo della tela si è rivelata dello stesso tipo in entrambi i dipinti. Ancora una volta, tuttavia, questo esame ha dimostrato la compatibilità, ma non una garanzia di autenticità.

Un terzo esame storico-artistico ha portato a un misterioso numero '180' scarabocchiato sul retro della tela, che sorprendentemente non era mai stato notato da nessuno prima. Questo numero corrisponde a un numero nella lista d'inventario di Theo van Gogh delle opere di suo fratello fatte nel 1890, con il titolo dell'opera annotato dopo il numero. Dato che il dipinto numero 180 era stato considerato dagli studiosi come disperso per molti decenni, puntava ancora di più nella direzione di un'attribuzione a Van Gogh. Il numero ha anche permesso agli storici dell'arte di completare la catena di provenienza del dipinto, fino ad allora frammentaria e cruciale aspetto di un'attribuzione: il dipinto era noto per essere stato nella collezione del fratello Theo fino al 1901, quando la sua vedova lo vendette ad un mercante d'arte parigino, che poi lo vendette al collezionista norvegese.

Infine, la ricerca storico-artistica e visiva sullo stile dell'opera ha chiuso il cerchio sull'aspetto visivo del quadro, attraverso il ritrovamento di una lettera di Vincent van Gogh a suo fratello, datata 4 luglio 1888, in cui l'artista descrive poeticamente la scena esatta e il suo atto di dipingerla: “Ieri, al tramonto, ero su una brughiera sassosa, dove crescono querce molto piccole e contorte, sullo sfondo una rovina sulla collina, e campi di grano nella valle. Era romantico, non poteva esserlo di più, à la Monticelli, il sole riversava i suoi raggi giallissimi sui cespugli e sul terreno, assolutamente una pioggia d'oro. E tutte le linee erano belle; tutta la scena aveva una nobiltà affascinante”.

Questa bellissima lettera ha permesso agli studiosi di confermare finalmente il soggetto, la data e il luogo di realizzazione del quadro: Tramonto a Montmajour è stato dipinto il 3 luglio 1888, il giorno precedente alla lettera. La scena raffigurata era il momento del crepuscolo nel paesaggio di campi di grano di Montamajour in Provenza, con un'abbazia benedettina vista in lontananza. I dettagli di questa lettera erano stati precedentemente attribuiti erroneamente a The Rocks, anche se a quell'opera mancavano alcuni degli elementi descritti nella lettera.

Con tutte le prove ben presenti, nel 2013 il Museo Van Gogh ha deciso di ribaltare pubblicamente la sua attribuzione. Ha poi esposto il dipinto nel museo, definendolo un “capolavoro” da tempo perduto.

Quali tre cose importanti può imparare un collezionista da questa storia? (1) La presentazione di un'opera d'arte per l'autenticazione potrebbe non precludere la ripresentazione successiva dell'opera per un'ulteriore visione, se l'archivio o la fondazione accettino questa possibilità. (2) A meno che un comitato di autenticazione non presenti al collezionista delle prove convincenti di una falsificazione, il collezionista può scegliere di riprendersi l'opera d'arte e continuare la ricerca in modo autonomo. (3) La storia dell'arte, come tutte le scienze, è un campo fluido: le attribuzioni possono cambiare, perché nuove tecniche diventano disponibili e nuove informazioni si accumulano nel tempo. Come il Museo Van Gogh ha ammesso: “la ricerca è molto più avanzata ora; quindi, siamo riusciti ad arrivare a una conclusione molto diversa”. Non vale la pena a volte dare una seconda occhiata?
Opinione personale dell’autore
Il presente articolo costituisce e riflette un’opinione e una valutazione personale esclusiva del suo Autore; esso non sostituisce e non si può ritenere equiparabile in alcun modo a una consulenza professionale sul tema oggetto dell'articolo. WeWealth esercita sugli articoli presenti sul Sito un controllo esclusivamente formale; pertanto, WeWealth non garantisce in alcun modo la loro veridicità e/o accuratezza, e non potrà in alcun modo essere ritenuta responsabile delle opinioni e/o dei contenuti espressi negli articoli dagli Autori e/o delle conseguenze che potrebbero derivare dall’osservare le indicazioni ivi rappresentate.
Storica dell’arte e curatrice americana (laurea alla Yale University, dottorato alla UC Berkeley), esperta di arte italiana moderna e contemporanea. Ha collaborato con musei come la Peggy Guggenheim Collection. Ideatrice di The Hecker Standard fornisce consulenze su due diligence a collezionisti, studi legali, wealth manager e family office. Membro dell’Advisory Board, International Catalogue Raisonné Association (ICRA), Vetting Committee TEFAF NY (Committee Chair) e Maastricht, e coordina l’Expert Witness Pool della Court of Arbitration for Art (CAfA).

Cosa vorresti fare?

X
I Cookies aiutano a migliorare l'esperienza sul sito.
Utilizzando il nostro sito, accetti le condizioni.
Consenti