Nft, l'italiano DotPigeon è l'artista più costoso

Teresa Scarale
Teresa Scarale
30.8.2021
Tempo di lettura: 2'
In un mese (giugno) in cui il mercato dei non fungible token ha subito una correzione severa, c'è chi ha fatto faville, come il nostro quotatissimo connazionale
Al numero uno della top ten delle vendite di nft per il mese di giugno 2021 c'è DotPigeon (classe 1987). Con 770.000 dollari, l'artista italiano guida la classifica dei lotti venduti sulla piattaforma leader di quel mercato, Nifty Gateway:

La sua serie di dieci pezzi (e 243 edizioni) Fly me to the Moon è andata a ruba, rappresentando il 14% delle vendite su Nifty. Al secondo posto il coreano Mr Misang (aka Ju Yong Lee) con 430.151 dollari incassati grazie a Masked Workers, serie di 26 nft e 166 edizioni limitate.

Tuttavia, gli ultimi mesi non sono stati floridi per questo settore del collezionismo più avanzato. Il prezzo medio dei non fungible token ha subito una correzione nel mese di giugno. Le vendite di nft su Nifty Gateway, hanno infatti fruttato ricavi per 9,6 milioni di dollari, cifra che abbassa le vendite del 57% rispetto a maggio. I dati sono di ArtTactic.

Dopo il doppio picco di fine e inizio anno il livello dei prezzi sta tornando a quello del 2020:

Nft, l'italiano DotPigeon è l'artista più costoso

Guardando al secondo trimestre 2021, i prezzi sono letteralmente caracollati dai 23.244 dollari di marzo 2021 ai 1.269 dollari di giugno 2021, livello simile a quello del periodo maggio-novembre 2020. Nel complesso, il 54% degli nft venduti sul mercato primario a giugno sono stati aggiudicati a meno di 1000 dollari (a maggio la quota era del 39%). Se poi si allunga lo sguardo a marzo, si scopre che solo il 3% delle opere aveva fatto meno di mille. Anzi: il 46% dei lotti si era collocato fra i 10.000 e i 50.000 dollari.



Nft, l'italiano DotPigeon è l'artista più costoso

È quindi ora di dichiarare sgonfia la (supposta) bolla dei non fungible token? Non proprio. La battuta d'arresto degli nft appare fisiologica, come raccontiamo nel numero di settembre del magazine di We Wealth.

Cosa vorresti fare?

X
I Cookies aiutano a migliorare l'esperienza sul sito.
Utilizzando il nostro sito, accetti le condizioni.
Consenti