Lionard, l'immobiliare extra lusso è made in Italy

Teresa Scarale
Teresa Scarale
25.6.2021
Tempo di lettura: 2'
Il Belpaese è uno dei luoghi più ricchi al mondo di abitazioni e ville di pregio. Asset che in passato hanno scontato il pegno della illiquidità a causa di un concetto erroneo di riservatezza. Ce ne ha parlato Dimitri Corti, ceo e fondatore di Lionard Luxury Real Estate
Era il 2008, l'anno della grande crisi dei mutui subprime. Il mercato immobiliare di massa annaspava. Non quello di fascia altissima, che però scontava un limite culturale, almeno in Italia: un concetto erroneo di riservatezza spesso impediva al venditore di trovare acquirenti e professionisti di supporto, rendendo di fatto illiquido il suo asset. Trovandosi per caso ad assistere a un affare sfumato, Dimitri Corti decide di fondare la sua Lionard Luxury Real Estate, oggi leader del segmento immobiliare extra lusso in Italia. In quell'occasione, «un amico facoltoso non trovava servizi professionali qualitativamente all'altezza dell'immobile che desiderava acquistare in Italia. La mancanza di trasparenza e di velocità nel reperimento delle informazioni relative alla proprietà di suo interesse lo fecero desistere dall'intento».

Dimitri Corti, ceo e fondatore di Lionard Luxury Estate

Quello del vero lusso è «un mondo chiuso, relazionale», afferma il ceo di Lionard. «Questa sua chiusura a volte preclude ai soggetti interessati l'accesso a servizi professionali mirati e necessari, di elevato standard qualitativo». Per Corti, 13 anni fa, la sfida «era quella di accedere a un mondo molto riservato, basato sul passaparola. Mancava in quel momento un operatore strutturato».

La società opera una rivoluzione culturale nella vendita degli immobili di alta gamma. Il cliente apprende che per vendere l'immobile occorrono numerose fotografie, pubblicità. Adeguate campagne di comunicazione. «I grossi portafogli immobiliari dovevano essere veicolati tramite processi comunicativi adeguati». Già all'epoca – i social non erano ancora esplosi – «eravamo dei pionieri nell'analisi delle proprietà, nella comunicazione dei dati e nella velocità di risposta».

Lionard immobiliare lusso
Fra Amalfi e Ravello. Courtesy Lionard Luxury Real Estate

Il modello di business di Lionard prevede che punto di riferimento di una proprietà sia il relativo broker, che letteralmente ci mette la faccia. È un venditore-imprenditore che fa della rapidità di risposta alle email, della trasparenza dei processi il suo modus operandi. Lionard – fanno sapere dalla società – oggi supera per distacco i principali concorrenti sul territorio italiano (Christie's Real Estate, Sotheby's International Realty, Knight Frank, solo per citare i maggiori franchising). Toscana, Liguria, Costiera Amalfitana sono le località più richieste.
Toscana. Courtesy Lionard Luxury Real Estate

Un successo dovuto a una costante evoluzione tecnica unita a una ultra personalizzazione del servizio. «Abbiamo attualmente in portafoglio le analisi dei dati di 57.000 proprietà», aggiunge Corti. La società ha archiviato il 2020 con 12 milioni di ricavi, 7 milioni di utile e un margine operativo lordo del 60%. Le attese per il 2021 sono per 20 milioni di fatturato. Continuerà sostenuto l'investimento nel digitale, lo stesso che ha permesso all'azienda di compiere un balzo nelle vendite online durante l'anno del covid: circa il 30%, valore quasi decuplicato rispetto all'anno precedente.
Caporedattore della sezione Pleasure Asset di We Wealth. Giornalista professionista, garganica, è laureata in Discipline economiche e sociali presso l’Università Bocconi di Milano. Scrive di finanza, economia e mercati dell’arte. È in We Wealth dalla sua fondazione

Cosa vorresti fare?

X
I Cookies aiutano a migliorare l'esperienza sul sito.
Utilizzando il nostro sito, accetti le condizioni.
Consenti