EVENTO « III° PRIVATE MARKET SUMMIT » Idee per capitali pazienti in un mondo che cambia EVENTO IN DIRETTA REGISTRATI

Oro e Borsa Usa vicini a un picco. Come mai (e cosa fare adesso) | WeWealth

Oro e Borsa Usa vicini a un picco. Come mai (e cosa fare adesso)

Alberto Battaglia
27.11.2023
Tempo di lettura: 3'
L'oro, ai massimi da 6 mesi, e le azioni sono cresciute in parallelo grazie a previsioni favorevoli sulle politiche monetarie nel 2024 e ai dati economici ancora robusti

Il vento dell'ottimismo, agitato dalla fine del ciclo di rialzi dei tassi e dall'andamento positivo della crescita negli Stati Uniti, sta gonfiando le vele dell'oro e delle azioni nello stesso momento. Lunedì mattina il metallo giallo, ha raggiunto il massimo da sei mesi arrivando a un massimo di 2.018,90 dollari l'oncia. Negli ultimi cinque giorni al 27 novembre l'oro ha messo a segno un rialzo dell'1,7%. Nel frattempo Wall Street si è affacciata all'apertura di lunedì a poca distanza dai massimi storici. Il Nasdaq 100, al termine della sessione di venerdì, si attestava a soli 3,7 punti percentuali al di sotto del suo record storico, registrando un notevole aumento del 13,27% nell'ultimo mese. Allo stesso tempo, l'S&P 500, l'indice di riferimento della Borsa americana, si distanziava appena del 4,34% dal suo massimo precedente, evidenziando un incremento superiore al 10% nel corso dell'ultimo mese.


“L'oro sta salendo per il cambio di aspettative sulle suo future mosse nel 2024. I dati sull'inflazione americana hanno confermato una discesa dei prezzi e ci sono al momento il 60-70% di possibilità che già nel secondo trimestre torni a scendere il costo del denaro”, ha commentato per We Wealth Carlo Alberto De Casa, analista e autore per Hoepli de 'I segreti per investire sull'oro'. “Da un lato questa aspettativa sta contribuendo alla discesa del dollaro: il cambio euro dollaro è sopra 1,09, mentre anche la sterlina è sopra 1,26. Dall'altro i rendimenti sia sulle brevi sia sulle lunghe scadenze iniziano a scendere”, ha proseguito l'analista, “questi fattori fanno sì che l'oro, un asset che non stacca cedole né distribuisce dividendi, si stia apprezzando”.


L'aspetto peculiare di quest'ultima fase di mercato è che un bene difensivo come l'oro sta crescendo di pari passo con le azioni, l'asset rischioso per eccellenza. La crescita coordinata di oro e azionario, “una cosa un po' insolita,” è giustificata in questo caso dall'attesa delle politiche monetarie più accomodanti, ma anche perché ci si aspetta che i tassi scenderanno senza che si verifichi una forte contrazione degli utili societari, ha precisato De Casa.

LE OPPORTUNITÀ PER TE. Come si costruisce la componente difensiva del portafoglio? Come dovrebbe cambiare il portafoglio se l'orizzonte dell'investimento è breve? Gli advisor selezionati da We Wealth possono aiutarti a trovare le risposte che cerchi. TROVA IL TUO ADVISOR

Previsioni euforiche?

Alcuni analisti, di fronte al rally delle ultime settimane pensano che il mercato stia guardando al 2024 con le lenti rosa. “Le attese dei mercati sono a nostro avviso molto ottimistiche e prevedono un soft landing dell’economia statunitense, un veloce ritorno dell’inflazione verso l’obiettivo del 2% e la possibilità che la Federal Reserve possa decidere di tagliare i tassi di interesse già in primavera 2024”, ha dichiarato a We Wealth il senior market strategist di IG Italia, Filippo Diodovich.


“Tali prospettive dipendono quindi molto dall’andamento dell’economia Usa e dei prezzi al consumo. La nostra opinione converge sulla forza della ripresa economica negli Stati Uniti ma diverge su un ritorno veloce dell’inflazione verso l’obiettivo del 2%”, ha aggiunto Diodovich, “crediamo che l’inflazione sarà persistente su livelli alti nel primo semestre 2024 posticipando notevolmente il possibile cambio di rotta in politica monetaria da parte della Fed. A dicembre sarà possibile un prolungamento del movimento rialzista (rally di Natale) ma nei primi mesi del prossimo anno dovremmo assistere a nuove correzioni”.


L'ultimo outlook per il 2024 presentato da Bank of America ha stimato a 5.000 punti il livello obiettivo dell'S&P 500, il che implicherebbe un rialzo del 9,7% rispetto ai livelli di venerdì.


La tesi rialzista di Bofa non si regge sui previsti tagli dei tassi nel 2024, “ma per ciò che la Fed ha già fatto e per il modo in cui le aziende si sono adattate”, si legge in una nota diramata il 27 novembre, “l'Eps può accelerare, e lo ha fatto, in presenza di un rallentamento del Pil, e il reshoring è stato identificato dalle aziende come un vento a favore”. Altre banche sono state più caute nei rispettivi outlook: per Ubs e Goldman Sachs il target è a 4.700 punti (+3,09%), mentre Morgan Stanley vede l'indice a 4.500 per fine 2024 (-1,29%).


“L'indice S&P 500 si sta avvicinando al massimo storico toccato a gennaio 2022, dopo quasi due anni, spinto da fattori sia fondamentali sia tecnici. E' stato un lungo processo, e la fase di attesa attuale è una fra le più prolungate da quando, nel 1952, il Nyse è passato alla settimana di negoziazione di cinque giorni (abolendo i sabati lavorativi)”, ha dichiarato a We Wealth il global market strategist di eToro, Ben Laidler, “questa attesa di 476 giorni di negoziazione è inferiore ai record stabiliti durante la bolla tecnologica di fine millennio e la crisi finanziaria del 2008. Tuttavia, abbiamo percorso molta strada dal crollo del -25% toccato lo scorso ottobre, con un rendimento del 21% nell'anno successivo, ben superiore al 15% di media. E’ incoraggiante notare come i picchi tendano a generare a loro volta nuovi massimi, con i mercati storicamente quasi sempre positivi nei sei e dodici mesi successivi”.

Responsabile per l'area macroeonomica e assicurativa. Giornalista professionista, è laureato in Linguaggi dei media e diplomato in Giornalismo all'Università Cattolica

Cosa vorresti fare?