Istituire un trust a Singapore: cenni teorici e aspetti pratici

foto digitale - Nicola Dimitri
Nicola Dimitri
10.9.2021
Tempo di lettura: 3'
Con l'Asia che guida l'economia globale, sono ormai numerosi gli individui stranieri, prevalentemente High Net Worth Individuals, che per gestire la loro ricchezza scelgono di istituire un trust a Singapore

L’onda del boom economico asiatico è lunga e coinvolge tanti aspetti. Uno di questi è quello che riferisce ai vantaggi fiscali che alcune giurisdizioni asiatiche riconoscono ai soggetti stranieri che ivi decidono di istituire un trust

L’Asia da anni è in fase di crescita economica e molte giurisdizioni stanno introducendo norme fiscali di vantaggio per attrarre investitori stranieri

La famosa città-stato di Singapore, isola a sud della Malesia abitata da poco più di 5 milioni di persone, è riconosciuta come una giurisdizione particolarmente idonea per rispondere alle esigenze fiscali di investitori e individui facoltosi.
Come riportato da Hawksford, infatti, il sistema fiscale di Singapore risulta interessante non solo per i locali facoltosi ma anche per i cd. High Net Worth Individuals stranieri (Hnwi). Non è un caso se, sempre più spesso, individui o famiglie occidentali che hanno interessi internazionali, decidono di istituire un trust a Singapore ed elevarlo a veicolo preferito per la gestione della loro ricchezza.
Il regime fiscale di Singapore applicato alla gestione del patrimonio individua alcuni vantaggi, anche, fiscali per i soggetti stranieri che decidono di istituire un cd. Qualifying Foreign trusts (Qfr).

Nello specifico, per istituire un trust a Singapore non è necessario – tanto per il disponente che per i beneficiari – ottenere la residenza. Infatti, i Qft sono trust amministrati da una società fiduciaria autorizzata dall'amministrazione di Singapore, in ossequio alla disciplina vigente in materia e contenuta nel Trustees Act (Tca) che, sostanzialmente, ricalca la disciplina Uk in materia di trust.

I Qualifying Foreign Trusts (Qft) sono trust in cui né il disponente né il beneficiario sono residenti a Singapore. Questi trust beneficiano di regole di riservatezza molto rigide che impediscono ai fiduciari di rivelare gli affari dei loro clienti e sono esenti dall'imposta di Singapore su determinati redditi derivanti da "investimenti designati".

I trust esteri sono gestiti da società fiduciarie autorizzate dalla Monetary Authority of Singapore (Mas).
L'estensione dell'esenzione fiscale per i redditi confluiti in un trust estero di Singapore, che deve essere amministrato da una società fiduciaria autorizzata a Singapore, è estesa anche alle società sottostanti non costituite a Singapore; inoltre le distribuzioni ai beneficiari dei Qft sono esentate dalle tasse di Singapore.

Oltre alla neutralità fiscale per i disponenti e per i beneficiari stranieri nell'ambito del proprio diritto fiscale nazionale, Singapore ha anche una vasta rete di trattati sulla doppia imposizione con oltre 70 paesi in tutto il mondo, che possono creare opportunità di pianificazione fiscale per i clienti che vantano interessi commerciali internazionali.

Singapore offre anche la possibilità di costituire società fiduciarie private (Ptc). Queste sono società costituite a Singapore per agire come corporate trustee del trust; il vincolo è che la Ptc deve risultare collegata al trust cui si riferisce.

Queste società consentono a una famiglia di mantenere un maggiore controllo sui beni segregati in un trust e garantiscono efficaci misure di riservatezza.
Redattore e coordinatore dell'area Fiscal & Legal di We Wealth. In precedenza ha lavorato nell'ambito del diritto tributario e della fiscalità internazionale presso primari studi legali

Cosa vorresti fare?

X
I Cookies aiutano a migliorare l'esperienza sul sito.
Utilizzando il nostro sito, accetti le condizioni.
Consenti