Imprese poco resilienti ai rischi futuri

Tempo di lettura: 2'
La pandemia, gli attacchi informatici. Ma anche il rischio ambientale e sociale sono incognite future che le imprese devono tenere in considerazione. Come si stanno muovendo?

Secondo il report le  grandi organizzazioni hanno consapevolezza dei rischi globali che ci sono ma non stanno facendo nulla

Eppure il report identifica il vantaggio competitivo che le aziende preparate per tempo possono ottenere rispetto alle college che sottovalutano i rischi

Economico, ambientale, geopolitico, sociale e tecnologico. Questi i macro rischi che le aziende hanno identificato per i prossimi anni. Nei primi posti troviamo possibili (altri) disastri legate a epidemie, eventi climatici estremi e il fallimento della protezione cyber. Sono però sentiti come possibili anche l'operato dell'uomo che distrugge l'ambiente e tutte le conseguenze negative legato a questo comportamento e gli attacchi terroristici.


 

Se poi si chiede agli intervistati di immagine fra 10 anni che priorità dovranno affrontare in termini di rischi, al primo posto troviamo le armi di distruzione di massa, seguito dal collasso dello Stato e dalla biodiversità perduta. In questa visione i rischi ambientali sono più pronunciati. E infatti troviamo anche il pericolo legato alla crisi delle risorse naturali e il fallimento delle “azioni” pro clima. Ma c'è anche chi si preoccupa di una crisi industriale e di un probabile collasso della sicurezza statale. Insomma una visione non proprio ottimistica. Questo il quadro che dipinge la 16° edizione del “The global risk report 2021”, pubblicata dal World economic forum in collaborazione con Marsh McLeannan, Sk Group e Zurich insurance group. A fronte di tutto ciò come reagiscono le imprese? Stando ad una recente ricerca svolta da Marsh, nonostante le  grandi organizzazioni abbiano consapevolezza dei rischi globali che ci sono e ci saranno tra diversi anni, non stanno facendo nulla. O meglio, sottovalutano l'impatto che questi pericoli potrebbero avere.

Il report si basa sui dati di un sondaggio globale  fatto su quasi 1.000 organizzazioni, e si evidenziano grandi disparità nella percezione e nella risposta alle minacce poste da pandemia, attacchi informatici, tecnologie emergenti, cambiamenti climatici / questioni ambientali, sociali e di governance (Esg), cambiamenti normativi e rischi geopolitici.

Mentre il 75% degli intervistati ritiene che i propri processi di gestione del rischio e acquisto di assicurazioni siano allineati alle strategie di crescita a lungo termine, solo il 25% dispone di un processo completo o formale per valutare e modellare l'impatto di questi rischi emergenti sulla propria attività commerciale. Ciò avviene nonostante gli intervistati abbiano identificato in modo schiacciante questi sei rischi emergenti come minacce sempre più critiche per il successo delle loro organizzazioni.

I risultati suggeriscono dunque un significativo divario di percezione con le funzioni di gestione del rischio delle aziende che danno la priorità alle minacce a breve termine rispetto a quelle che sono di gravità entità ma con frequenza inferiore. Ciò li lascia potenzialmente vulnerabili a interruzioni immediate.

Man mano che emergono nuove sfide e il panorama del rischio diventa sempre più complesso, il report identifica il vantaggio competitivo che le aziende preparate per tempo possono ottenere:  “un'organizzazione resiliente al rischio è in grado di anticiparlo, riducendo al minimo le perdite e riprendere rapidamente l'attività come al solito dopo un evento, ottenendo un vantaggio competitivo rispetto ai colleghi meno preparati attraverso opportunità di crescita colte durante i periodi di stress operativo e / o finanziario”, osserva il rapporto.

"La crisi del Covid-19, la chiusura temporanea del Canale di Suez, i principali attacchi informatici e altri eventi recenti, hanno tutti messo in luce la fragilità dei sistemi globali e gravi carenze nella preparazione delle organizzazioni a gestire le crisi maggiori", ha affermato John Doyle, Presidente e Ceo, Marsh. “Come sottolinea il nostro rapporto, strategie efficaci per costruire attività più resilienti non solo faciliteranno una ripresa più rapida, ma diventeranno sempre più un vantaggio competitivo.
La redazione vi consiglia altri articoli

Cosa vorresti fare?

X
I Cookies aiutano a migliorare l'esperienza sul sito.
Utilizzando il nostro sito, accetti le condizioni.
Consenti