Strategie: come costruire un portafoglio inclusivo

Alberto Battaglia
24.6.2021
Tempo di lettura: '
La solidarietà nei confronti dei soggetti Lgbtq potrebbe ispirare nuove scelte d'investimento di matrice etica. In passato, investire nelle società più attente a queste comunità ha prodotto performance migliori rispetto alla media del mercato

I rating e gli indici per selezionare le aziende più inclusive non mancano e le performance dal 2010 offrono spunti operativi interessanti

La risposta degli operatori di mercato

L'integrazione di principi di tipo etico alle scelte d'investimento è ormai una realtà la cui rilevanza sembra destinata a estendersi sempre di più. L'impostazione tradizionale, nella valutazione dell'impresa, si poteva sintetizzare con una frase pronunciata nel 1970 dal Premio Nobel per l'economia Milton Friedman: “La responsabilità sociale di un'azienda è quella di aumentare i suoi profitti”. Per Friedman, tutto il resto era solo fumo negli occhi. Difficilmente i professionisti del risparmio del XXI secolo torneranno a fare proprio questo approccio. Per quanto gli aspetti strettamente finanziari restino fondamentali, gli investitori stanno cercando un ruolo sempre più attivo sulle sorti del pianeta, premiando le società in linea con i propri valori. L'offerta crescente di fondi “sostenibili” non fa che venire incontro a questo bisogno.

I fattori Esg, che sintetizzano la sostenibilità ambientale, sociale e di governance, tuttavia, sono solo un modo per valutare l'aspetto “morale” di una determinata società. Anche l'attenzione e la solidarietà verso diritti della comunità Lgbtq, infatti, si possono tradurre sulle scelte di investimento. Come vedremo da alcune analisi, non si tratta di una selezione che pregiudica  le performance del portafoglio.

Come valutare l'inclusività


Nella ricerca dell'inclusività sociale, l'organizzazione di riferimento è la Human Rights Campaign. Nata nel 1980, la Hrc conta oggi oltre 3 milioni di sostenitori. Il suo focus principale è la “lotta per parità dei diritti delle persone Lgbtq” e, su questo tema, si presenta come “una delle più grandi ed efficaci organizzazioni di difesa” negli Stati Uniti.

La Hrc effettua ogni anno un rating delle società per valutarne, sotto diversi aspetti, il grado di inclusività nei confronti di tutti gli orientamenti sessuali. Il Corporate Equality Index si è affermato, così, come l'indicatore sintetico più rilevante in questo ambito. Per ottenere il massimo punteggio, le policy aziendali non debbono limitarsi a stabilire principi. L'Hrc, infatti, valuta anche gli “sforzi nel reclutamento di dipendenti Lgbtq”; “lo sforzo di includere fornitori Lgbtq certificati”; “le attività di “marketing o pubblicità” laddove comparire su canali o eventi vicini alla comunità si tradurrà in migliori punteggi.
Nel 2021 sono state 767 le imprese che si sono aggiudicate un Corporate equality index "perfetto", ossia pari a 100 punti. All'interno si scorgono imprese come Barilla America (a dispetto delle polemiche che nel 2013 travolsero le scelte pubblicitarie di Guido Barilla), Amazon, Facebook, Google, Netflix, Apple, Tesla e moltissime altre. La lista Best places to work for Lgbtq equality 2021, insomma, può costituire una piattaforma di analisi per verificare l'inclusività del proprio portafoglio.

Le performance di un paniere Lgbtq-friendly


Credit Suisse ha deciso di avvalersi dei rating Hrc per confrontare le performance di mercato delle società più inclusive con il benchmark Msci All Country World Index (depurato dai titoli in comune con la selezione Lgbt e correggendo per settore). L'ultimo rapporto, pubblicato nel dicembre 2020, ha offerto risultati interessanti.

La banca svizzera, che ha ristretto il paniere Lgbt friendly alle 50 società con la maggiore capitalizzazione di mercato, ha scoperto che dal 2010 il paniere “inclusivo” ha realizzato ogni anno una performance aggiuntiva media di 378 punti base rispetto all'indice di riferimento. Si tratta di un'associazione che Credit Suisse non attribuisce direttamente alla maggiore inclusività del paniere Lgbt. Tuttavia, "la necessità per le aziende di adottare un approccio Lgbt+ proattivo è evidente a nostro avviso", hanno sostenuto gli analisti, "dal momento che i consumatori Lgbt+ rappresentano tra il 5% e il 10% della popolazione e stimiamo che la spesa dei consumatori per Lgbt+ potrebbe rappresentare fino a 5.600 miliardi di dollari".

Anche l'industria degli Exchange-traded fund tematici si è mossa per venire incontro ai valori dell'inclusività. Nella prima settimana di giugno, infatti, ProcureAM ha lanciato il suo Lgbtq100 Esg Etf, il primo prodotto del suo genere specificamente indirizzato a questa tematica. La selezione dei titoli che compongono il fondo non si discosta molto quella del prodotto Esg della stessa Procure e include azioni come Visa, Facebook, Starbucks, PayPal. A sostenere l'idea che un fondo tematico inclusivo possa ottenere performance superiori alla media sarebbe la maggiore capacità, da parte delle società inclusive, di attirare una platea più ampia di talenti.
Responsabile per l'area macroeonomica e assicurativa. Giornalista professionista, è laureato in Linguaggi dei media e diplomato in Giornalismo all'Università Cattolica

Cosa vorresti fare?

X
I Cookies aiutano a migliorare l'esperienza sul sito.
Utilizzando il nostro sito, accetti le condizioni.
Consenti