The Art of Dreams, il progetto onirico di Porsche a Parigi

Teresa Scarale
Teresa Scarale
20.10.2021
Tempo di lettura: 2'
Sulla scorta del suo motto “Driven by dreams” la casa automobilistica tedesca ha ideato una serie di installazioni artistiche ispirate al mondo dei sogni. Il debutto, nell'art Week parigina. E nel 2022 tocca a Milano
Fra le eleganti architetture del centro storico di Parigi, vive in questo fine ottobre 2021 una gigantesca sorta di nuvola-labirinto lilla. È una installazione artistica gonfiabile site-specific, “Remember your dreams”, del francese Cyril Lancelin. La si può ammirare nei pressi del Palais Galliera Musée de la mode, dal 15 al 24 ottobre. Ma cos'è esattamente, e perché è là?
Si tratta della prima opera della serie “The Art of Dreams” appositamente ideata da Porsche, sulla scorta del suo motto “Driven by Dreams”. L'insieme consiste in varie installazioni interattive che combinano arte e design, pensate per le città più recettive e dinamiche nella creatività. «Coloro che sono fortunati abbastanza da costruire l'impresa dei propri sogni, devono prendersi cura dei sogni del mondo», diceva Ferry Porsche, figlio del fondatore della casa automobilistica Ferdinand Porsche. E “Remember your dreams” è un ambiente surreale, onirico, che invita i visitatori a uscire fuori dalla loro realtà quotidiana per iniziare a ricordare come si sogna, «perché solo chi conosce i propri sogni sa tramutarli in realtà», fanno sapere dalla società. La scelta è ricaduta su Cyril Lancelin per il suo lavoro «onirico e surreale».

The art of dreams Porsche
Cyirl Lancelin, autore della prima installazione della serie The Art of Dreams di Porsche

Il progetto mira a interagire con le comunità artistiche e a supportarle nel periodo post pandemico. I sogni cui ci si riferisce non sono solo quelli individuali, ma anche i trend, gli sviluppi, i movimenti del sentire umano. Da almeno dieci anni la casa automobilistica tedesca ha fatto dell'attenzione all'arte e la cultura (dal balletto, alle produzioni di musica classica, passando per moda e design) uno dei suoi vessilli. Per quanto riguarda le arti visive, l'azienda ha mostrato particolare interesse ai muovi mercati cinesi (Shanghai Photofair, per esempio).



Le opere commissionate per la serie The Art of Dreams sono immersive ed esplorano il mondo dei sogni da diversi punti di vista. Tutte sono fruibili gratuitamente al pubblico. L'augurio è quello di «rendere i sogni della gente realtà». Dopo il lancio parigino, le installazioni compariranno in giro per il mondo grazie a strutture pop-up interattive. Milano ne accoglierà una in occasione del Salone del Mobile 2022. Mentre per il tour extra europeo (leggi: Asia) si dovrà attendere la fine dell'anno prossimo.

The Art of Dreams Porsche
Opere di Cyril Lancelin
Caporedattore Pleasure Asset. Giornalista professionista, garganica, è laureata in Discipline Economiche e Sociali presso l'Università Bocconi di Milano. Scrive di finanza, economia, mercati dell'arte e del lusso. In We Wealth dalla sua fondazione

Cosa vorresti fare?

X
I Cookies aiutano a migliorare l'esperienza sul sito.
Utilizzando il nostro sito, accetti le condizioni.
Consenti