Pompei, dalla lotta ai tombaroli emerge un carro cerimoniale

Giulia Bacelle
Giulia Bacelle
3.3.2021
Tempo di lettura: 3'
L'ultimo ritrovamento del Parco Archeologico di Pompei è un esempio di pilentum, un carro cerimoniale testimonianza unica in Italia. Un tesoro sottratto ai tombaroli. La battaglia si preannuncia lunga: oltre 20 sono g...
Sono passati 1942 anni da quel 79 dC, la lava come un manto di neve a nascondere silenziosamente la vita, gli oggetti, l'arte di una cittadina a sud di Napoli. Fortuna che a volte, sopravvissuta a quasi due millenni di terra e alle mani dei tombaroli, qualche testimonianza di un'antica civiltà riemerge. Come un carro cerimoniale in ferro, bronzo, stagno e legno, scoperto ancora intatto tra lo stupore di archeologi e procuratori. Come una piccola incisione recante il nome di una bambina e di quella che avrebbe potuto essere la sua famiglia. O come due corpi, cristallizzati nel loro ultimo respiro, disturbati dopo due mila anni dal perfezionamento di ...

Le altre scoperte a Civita Giuliana


La scoperta fa capo agli scavi della villa di Civita Giuliana, a 700 metri a nord-ovest delle antiche mura di Pompei. Nello stesso sito, a pochi passi dal portico che conserva il carro, nel 2018 erano stati ritrovati i resti di tre cavalli; a maggio 2020, un affresco con un fiore bianco e il nome di una bimba graffiato sul muro, “Mummia” (nome che, probabilmente, potrebbe appartenere alla sua famiglia, i Mummii, ben in vista nell'aristocrazia romana del tempo); a novembre 2020, infine, i corpi esanimi di due uomini, probabilmente un patrizio e il suo schiavo.

Le scoperte “grazie” ai tombaroli


Il sito di Civita Giuliana è unico nel suo genere non soltanto per la qualità delle scoperte fatte, ma piuttosto per la necessità che mise al lavoro gli archeologi del Parco. L'area era infatti stata interessata, negli ultimi decenni, dalle attività illecite di alcuni tombaroli, che avevano scavato diversi cunicoli lungo le pareti perimetrali della villa pompeiana e fatto breccia all'interno, rovinando gli intonaci dei muri e trafugando gli oggetti di più semplice reperimento. Con un'attività congiunta tra il Parco Archeologico, la Procura di Torre Annunziata e il Nucleo Tutela Patrimonio Culturale dei Carabinieri, gli scavi sono stati iniziati nel 2017 per contrastare l'attività dei tombaroli. Inutile dire che la casa di uno degli accusati si trova proprio sul terreno in cui oggi si svolgono gli scavi.

 

 

Per le immagini: foto di Luigi Spina, courtesy Parco Archeologico di Pompei 

Caro lettore,
per continuare ad informarti con i nostri contenuti esclusivi accedi o registrati GRATUITAMENTE!

Solo così potrai:

  • Continuare ad informarti grazie ai nostri contenuti come articoli, guide e white papers, podcast, dirette
  • Richiedere di essere contattato da un esperto
  • Fare una domanda sulla gestione del tuo patrimonio ed entrare in contatto con i migliori e esperti del settore GRATUITAMENTE
  • E tanto altro ancora

Cosa vorresti fare?

X
I Cookies aiutano a migliorare l'esperienza sul sito.
Utilizzando il nostro sito, accetti le condizioni.
Consenti