Intesa – Generali: è arrivato il sorpasso per masse gestite

Teresa Scarale
Teresa Scarale
27.5.2021
Tempo di lettura: 2'
Era nell'aria da diversi mesi, e alla fine il superamento c'è stato: il gruppo guidato da Carlo Messina ha superato quello di Philippe Donnet quanto a patrimonio in gestione. Brilla la raccolta di Poste Italiane
Con un distacco di sette miliardi (521,7 a 514,7) il gruppo Intesa Sanpaolo vince la partita delle masse gestite contro il gruppo Generali. Del resto lo si subodorava già da tempo. Secondo quanto riporta l'ultima mappa del risparmio gestito di Assogestioni, Ca' de Sass – grazie all'apporto fondamentale di Eurizon (351 miliardi di patrimonio gestito) e Fideuram (104 miliardi) ha superato l'ex numero uno. La raccolta netta del mese di aprile 2021 per Intesa si attesta a 657 milioni, per Generali a -1,38 miliardi.
Per quanto riguarda gli altri tre principali gruppi in Italia per asset under management, il documento di Assogestioni evidenzia quanto segue.

Al terzo posto, Amundi mette a segno una raccolta netta di 791 milioni. Il quarto e il quinto (Anima e Poste Italiane) raccolgono rispettivamente 309 milioni e 1,5 miliardi di euro.
Guardando invece all'industria nel suo complesso, il risparmio gestito ad aprile è nel segno dei fondi aperti. Gli oicr incamerano infatti oltre 4 miliardi di euro di sottoscrizioni nette e contribuiscono in misura determinante al successo del comparto, che nel mese aumenta le proprie masse di oltre 5 miliardi. I fondi aperti raggiungono così aum per 1184 miliardi: si tratta del record storico ad oggi.

Tra i fondi aperti, la raccolta si è concentrata in particolare sui prodotti bilanciati (+2,3 miliardi) e sugli azionari (+1,9 miliardi). Seguono gli obbligazionari (+484 milioni) e i monetari (+447 milioni). I mandati (le gestioni di portafoglio) salgono di 804 milioni. Da inizio anno, i flussi accorsi verso il risparmio gestito sono stati circa 35 miliardi. Numeri che fanno raggiungere al patrimonio liquido degli italiani gestito dall'industria del risparmio la cifra di 2.459 miliardi.
Caporedattore della sezione Pleasure Asset di We Wealth. Giornalista professionista, garganica, è laureata in Discipline economiche e sociali presso l’Università Bocconi di Milano. Scrive di finanza, economia e mercati dell’arte. È in We Wealth dalla sua fondazione

Cosa vorresti fare?

X
I Cookies aiutano a migliorare l'esperienza sul sito.
Utilizzando il nostro sito, accetti le condizioni.
Consenti