I vantaggi per l'imprenditore che assume: le novità nella legge di bilancio

foto digitale - Nicola Dimitri
Nicola Dimitri
17.1.2022
Tempo di lettura: 3'
La nuova legge di bilancio ha introdotto misure che incentivano gli imprenditori ad assumere alcune categorie di lavoratori

Per rilanciare le imprese e allo stesso tempo tutelare le posizioni lavorative nella progressiva uscita dalla fase emergenziale, il legislatore ha esteso il beneficio dell’esonero contributivo, fruibile dal datore, a tutti i lavoratori prescindendo dall’età

Per contrastare la disoccupazione e, allo stesso tempo, trasferire nuova forza lavoro alle aziende che intendono investire nella ripresa post-pandemica, il legislatore ha introdotto alcune misure che incentivano gli imprenditori ad assumere capitale umano.
Nel corso degli ultimi anni, in effetti, sono stati numerosi gli interventi per incentivare l'occupazione, soprattutto quella giovanile: sia attraverso la previsione di misure interne, quali appunto gli gravi contributivi per le nuove assunzioni, sia attraverso l'attuazione dei programmi europei.
Più nello specifico, al datore di lavoro che assume lavoratori di imprese in crisi, è riconosciuta la possibilità di fruire dell'esonero contributivo.

Ebbene, se già questa misura di favore era stata introdotta dalla precedente legge di bilancio, la manovra del 2022, all'art. 1 comma 119, estende l'ambito applicativo dell'incentivo, riconosciuto ai datori che si impegnano a ricollocare nel mondo del lavoro i dipendenti di imprese in crisi, a prescindere dall'età anagrafica dei lavoratori.

In buona sostanza, se l'esonero contributivo nella precedente legge di bilancio riguardava solo le assunzioni di soggetti under 36, ad oggi si applica per ogni assunzione. Senza tener conto dell'età del lavoratore; a patto che si tratti di lavoratore subordinato, impiegato in un'impresa che ha attivato un tavolo di confronto per la gestione della crisi aziendale.

Nonostante la misura sia particolarmente interessante per le imprese (ma, certamente, anche per i lavoratori), ci sono ancora dei punti da chiarire e, in particolare, quello più rilevante concerne l'inquadramento contrattuale richiesto per fruire dell'esonero contributivo.

La legge di bilancio 2022, a differenza della precedente, prevede che l'esonero possa essere fruito solo in caso di assunzione di inoccupati con contratto a tempo indeterminato o in caso di trasformazione dei contratti a tempo determinato in contratti a tempo indeterminato.
L'esonero è riconosciuto nella misura del 100% e concerne i complessivi contributi previdenziali a carico dei datori di lavoro, entro il limite massimo di importo pari a 6.000 euro annui; è bene però notare che lo sgravio contributivo è riconosciuto ai datori di lavoro che non abbiano proceduto, nei sei mesi precedenti l'assunzione, né procedano nei successivi, a licenziamenti individuali per giustificato motivo oggettivo o a licenziamenti collettivi.

L'incentivo, inoltre, non è cumulabile con altri esoneri previsti dalla normativa vigente.

Infine, è prorogato per il 2022, lo sgravio contributivo totale per i contratti di apprendistato di primo livello, riconosciuto in favore dei datori di lavoro che occupano alle proprie dipendenze un numero di addetti con contratto di apprendistato di primo livello pari o inferiore a nove.
Redattore e coordinatore dell'area Fiscal & Legal di We Wealth. In precedenza ha lavorato nell'ambito del diritto tributario e della fiscalità internazionale presso primari studi legali

Cosa vorresti fare?

X
I Cookies aiutano a migliorare l'esperienza sul sito.
Utilizzando il nostro sito, accetti le condizioni.
Consenti