EVENTO « III° PRIVATE MARKET SUMMIT » Idee per capitali pazienti in un mondo che cambia EVENTO IN DIRETTA REGISTRATI

E se il testamento non c’è? Vademecum sulla successione | WeWealth

E se il testamento non c’è? Vademecum sulla successione

MariaPaola Serra
Maria Paola Serra
12.12.2022
Tempo di lettura: 3'
Nell’ordinamento giuridico italiano le fonti della successione sono soltanto due: il testamento e la legge. Se il defunto non ha lasciato testamento (o se questo è invalido), è dunque il codice civile a dettare le regole per la ripartizione del suo patrimonio. Ecco come

Come funziona la linea di successione 


Ai sensi dell’art. 565 del codice civile, le categorie di persone chiamate per legge alla successione (cosiddetti successibili) sono il coniuge (a cui sono equiparati la persona unita civilmente e il coniuge separato senza addebito), i discendenti (figli, nipoti ex filio, etc.), gli ascendenti (genitori, nonni, etc.), i collaterali (fratelli/sorelle, nipoti ex fratre/ex sorore, cugini, etc.), gli altri parenti e lo Stato, in un ordine ben preciso.

Tale ordine è governato, essenzialmente, da due principi: da un lato, il principio lineare, per cui la linea discendente esclude la chiamata della linea ascendente e quest’ultima esclude la chiamata della linea collaterale (salvi i casi di concorrenza); e, dall’altro lato, il principio del grado, in base al quale, nell’ambito della stessa linea, il parente più vicino esclude, di norma, il più lontano. 

Eredità ex lege: la posizione del coniuge del defunto


Il primo chiamato all’eredità ex lege è dunque il coniuge del defunto che, in assenza di figli, ascendenti e fratelli/sorelle di quest’ultimo ha diritto all’intero patrimonio. Qualora, invece, oltre al coniuge, siano presenti anche i figli del de cuius, il coniuge ha diritto a metà dell’eredità ove concorra con un solo figlio e a 1/3 ove invece siano presenti più figli. 

In assenza di figli ma in presenza di ascendenti e/o fratelli / sorelle del defunto, al coniuge superstite sono invece devoluti i 2/3 dell’eredità

Al coniuge sono inoltre riconosciuti il diritto di abitazione sulla casa familiare e il diritto di uso dei beni mobili in essa collocati

Nulla è viceversa dovuto al coniuge divorziato, mentre al coniuge separato con addebito è attribuito soltanto un assegno qualora sia stato riconosciuto, a suo vantaggio, il diritto agli alimenti e ne benefici al momento dell’apertura della successione

 Eredità ex lege: la posizione dei discendenti


Per quanto riguarda la linea discendente, ai figli è riservato (in parti uguali) l’intero patrimonio, laddove non ci sia alcun coniuge superstite del defunto; in caso contrario, all’unico figlio spetta metà dell’eredità mentre, se i figli sono più di uno, ad essi vengono attribuiti i 2/3 dell’eredità (da dividersi in parti uguali tra loro). Come si può notare, dunque, i figli del de cuius possono concorrere con il coniuge in vita, mentre, da un lato, la loro chiamata esclude quella delle altre linee (principio lineare) e, dall’altro lato, i figli del defunto, quali parenti più vicini, escludono la chiamata dei nipoti ex filio (principio del grado), salva l’applicazione del meccanismo della rappresentazione, per cui ove i figli del de cuius non possano o non vogliano accettare, subentreranno al loro posto i rispettivi discendenti (quindi, i nipoti ex filio del defunto). 


Eredità ex lege: la posizione degli ascendenti


Gli ascendenti, invece, sono chiamati alla successione del defunto solo qualora quest’ultimo non abbia discendenti; essi possono concorrere con il coniuge superstite e con i fratelli/sorelle del de cuius, mentre la loro presenza esclude la chiamata degli altri parenti. 

Per sommi capi, se il de cuius non ha né coniuge, né fratelli/sorelle

  • laddove siano in vita entrambi i suoi genitori, l’eredità viene divisa in parti uguali tra di loro;
  • in caso di unico genitore superstite, l’intero patrimonio è devoluto a quest’ultimo;
  • in caso di premorienza di entrambi i genitori, l’eredità che spetterebbe loro viene devoluta per metà agli ascendenti in linea paterna e per metà agli ascendenti in linea materna, se di pari grado, altrimenti all’ascendente più vicino. 

Nell’ipotesi in cui, invece, un soggetto deceda lasciando, oltre agli ascendenti (i) soltanto il coniuge, ai primi spetta 1/3 del patrimonio ereditario, (ii) il coniuge e i fratelli / sorelle, agli ascendenti spetta ¼ dell’eredità e (iii) soltanto i fratelli / sorelle, gli ascendenti avranno diritto alla metà dell’asse ereditario



Eredità ex lege: la posizione dei fratelli e delle sorelle


Come per gli ascendenti, anche i fratelli e le sorelle sono chiamati a succedere soltanto in assenza di discendenti del defunto e, anch’essi, possono concorrere con il coniuge superstite e con i genitori

Ai fratelli / sorelle, in particolare, spetta

  • in assenza di coniuge e ascendenti, l’intera eredità da dividersi in parti uguali;
  • in presenza del solo coniuge, 1/3 del patrimonio, da dividersi in parti uguali;
  • in presenza dei soli ascendenti, la metà del patrimonio ereditario; 
  • in concorso con coniuge e ascendenti, la rimanenza rispetto ai 2/3 destinati al coniuge e a ¼ di spettanza degli ascendenti.


Eredità ex lege: la posizione degli altri parenti e dello Stato

Infine, quando il defunto non abbia coniuge, discendenti, ascendenti, fratelli / sorelle (né possa applicarsi l’istituto della rappresentazione, consentendo ai discendenti di fratelli / sorelle di subentrare al loro posto), viene chiamato alla successione il parente più prossimo, fino al sesto grado; in mancanza, l’intera eredità verrà devoluta allo Stato. 

Opinione personale dell’autore
Il presente articolo costituisce e riflette un’opinione e una valutazione personale esclusiva del suo Autore; esso non sostituisce e non si può ritenere equiparabile in alcun modo a una consulenza professionale sul tema oggetto dell'articolo.
WeWealth esercita sugli articoli presenti sul Sito un controllo esclusivamente formale; pertanto, WeWealth non garantisce in alcun modo la loro veridicità e/o accuratezza, e non potrà in alcun modo essere ritenuta responsabile delle opinioni e/o dei contenuti espressi negli articoli dagli Autori e/o delle conseguenze che potrebbero derivare dall’osservare le indicazioni ivi rappresentate.
Maria Paola Serra è managing counsel dello studio legale e tributario Dentons, nella sede di Milano. Segue high net worth individuals italiani e stranieri in progetti di allocazione, segregazione e riassetto patrimoniale e nella relativa implementazione; presta assistenza legale in materia di pianificazione successoria domestica e internazionale e si occupa di passaggi generazionali all’interno di imprese di famiglia.

Cosa vorresti fare?