Borse retail o istituzionali? Le prime sono più convenienti

Lorenzo Magnani
Lorenzo Magnani
6.5.2022
Tempo di lettura: 2'
Tra borse retail e borse istituzionali sono le prime ad essere più convenienti per gli investitori retail: i prezzi sono competitivi e le commissioni più basse

Uno studio di Scalable Capital ha evidenziato come gli investitori retail possano investire a costi inferiori tramite le borse retail

Erik Podzuweit, co-fondatore e co-ceo di Scalable Capital: " Gli investitori retail ottengono il miglior risultato possibile quando investono su borse retail tramite neo-broker."

Per un ordine di azioni di 3.000 euro in media si possono risparmiare 4,80 euro con esecuzione tramite le borse retail

Gli investitori retail risparmiano investendo su borse retail su misura per le loro esigenze.È quanto emerge da un case study di Scalable Capital, piattaforma di investimento digitale leader in Europa. Secondo lo studio, sia i prezzi di esecuzione effettivi degli strumenti finanziari che i prezzi attesi sulla base degli spread delle borse retail competono pienamente con le borse istituzionali. Allo stesso tempo, i clienti retail pagano di norma commissioni notevolmente inferiori per l'esecuzione e il regolamento dei loro ordini.
"I numeri parlano da soli: gli investitori retail ottengono il miglior risultato possibile quando investono tramite borse retail attraverso neo-broker", afferma Erik Podzuweit, co-fondatore e co-ceo di Scalable Capital. "Ciò è coerente con la MiFID II, che sostiene che il miglior risultato possibile deve consistere sia nei prezzi di esecuzione che nelle commissioni. Tutto sommato, i costi totali, che includono spread e commissioni, sono significativamente inferiori per i piccoli investitori sulle borse retail rispetto alle borse istituzionali. Con gettex & Co. è diventato possibile per molte persone iniziare a investire nei mercati dei capitali senza la necessità di ingenti somme di denaro ".

Con questo studio, Scalable Capital ha fornito un contributo empirico alla discussione sull'Unione Europea dei Mercati dei Capitali e il pagamento per flusso di ordini. "I pagamenti che i broker addebitano ai market maker nell'interesse dei loro clienti - il cosiddetto pagamento per flusso di ordini - sono vantaggiosi per i consumatori", spiega Erik Podzuweit. "Permettono ai neo broker di offrire i loro servizi a prezzi molto bassi. Proibire questi pagamenti obbligherebbe i broker a pagare commissioni più alte e quindi renderebbe l'accesso al mercato dei capitali più difficile per gli investitori retail. Questo metterebbe fine alla recente tendenza positiva dell'investimento del risparmio retail nei mercati dei capitali. Inoltre, minerebbe i principali obiettivi dei mercati dei capitali dell'Unione Europea, ostacolando l'innovazione, la concorrenza e riducendo la quantità di investimenti disponibili per guidare la crescita dell'UE".

La considerazione combinata dei prezzi di esecuzione e delle commissioni dipinge un quadro chiaro: gli investitori retail beneficiano di notevoli vantaggi in termini di costi su tutti gli strumenti e le dimensioni degli ordini. Per un ordine di azioni di 3.000 euro in media si possono risparmiare 4,80 euro con esecuzione tramite le borse retail. In questo caso, i costi totali medi, compresi gli spread e tutte le commissioni, ammontano a soli 2,94 euro, rispetto ai 7,74 euro medi delle borse istituzionali. Un simile vantaggio di costo risulta dal trading retail con gli ETF, dove gli investitori risparmiano in media 4,44 euro.
Laureato in Finanza e mercati Internazionali presso l’Università Cattolica di Milano, nella redazione di We Wealth scrive di mercati, con un occhio anche ai private market. Si occupa anche di pleasure asset, in particolare di orologi, vini e moto d’epoca.

Cosa vorresti fare?

X
I Cookies aiutano a migliorare l'esperienza sul sito.
Utilizzando il nostro sito, accetti le condizioni.
Consenti