Le 14 stazioni dell'investimento emotivo. Fermata n.1: ottimismo

Gloria Grigolon
Gloria Grigolon
14.4.2020
Tempo di lettura: 3'
Covid-19 rappresenta una sfida per gli investitori di lungo termine, sia per quelli già posizionati, sia per coloro che si apprestano a pianificare il proprio futuro. Decisioni erronee di breve termine possono infatti intaccare la potenziale rendita finale. Come si muove l'investitore in preda all'emotività? Come fare per gestirla?
Ottimismo. Eccitazione. Fremito. Euforia.
Ansia. Negazione. Paura.
Disperazione. Panico. Rimpianto. Afflizione. Depressione.
Speranza. Sollievo. Ottimismo, di nuovo

La cosa che più fa riflettere è che alle fasi di euforia emotiva corrisponde il massimo livello di rischio per l'investitore, mentre è nelle fasi di depressione che si ritrovano le migliori opportunità d'ingresso sul mercato (ma anche, psicologicamente parlando, le decisioni di investimento più difficili da prendere).



Fonte: Capital Group. Clicca sull'immagine per vederla ingrandita

Investimento emotivo: view di lungo termine e diversificazione


In una fase di mercato segnata dall'incertezza è importante non farsi trascinare dalle emozioni, mantenendo sempre una prospettiva di lungo termine. Ciò vale non solo per gli investimenti già in essere, ma anche per quelli in fase di sottoscrizione. Come ricordato dagli esperti di Capital Group, è importante tenere a mente che “eventuali cambiamenti drastici delle posizioni assunte in un contesto come quello attuale potrebbero essere molto costosi”.

Fare le cose gradatamente o aspettare una fase di maggiore stabilità, può quindi essere la scelta più adatta.
Come già sottolineato in passato, infatti, sui mercati conta il tempo, non il market timing.

Un altro aspetto che la recente fase di volatilità ha evidenziato è quanto sia indispensabile la diversificazione in portafoglio, indipendentemente dalla fiducia in una determinata asset class o in una selezione di classi di attivo sul mercato. “E' sempre meglio disporre di una più ampia esposizione agli investimenti tra le diverse classi di attivo che più si adattano ai propri obiettivi finali”. Una condizione che, secondo gli esperti, è “particolarmente vera nei momenti in cui il cambiamento della strategia può comportare la realizzazione di perdite”.

 

Emergenza coronavirus: l'importanza di rimanere investiti. Ascolta il podcast di Matteo Astolfi (contenuto aperto)

Dietro la paura, nuove opportunitàascolta il podcast di Matteo Astolfi (contenuto riservato agli operatori qualificati)

 

Per maggiori informazioni, visita il sito Capital Ideas.

Cosa vorresti fare?

X
I Cookies aiutano a migliorare l'esperienza sul sito.
Utilizzando il nostro sito, accetti le condizioni.
Consenti