Luca Lodi

Contributor

Luca Lodi

Luca Lodi

Head of R&D di Fida-Finanza Dati Analisi, coordina le attività di ricerca, sviluppo e formazione del gruppo ed è consigliere di amministrazione. Sviluppa metodologie quantitative per l’analisi di portafoglio, strumenti e mercati finanziari. Negli anni precedenti presso Adb ha gestito il settore banche dati e poi l’ufficio studi. Giornalista pubblicista scrive in particolare di mercati e strumenti finanziari, analisi di portafoglio e fintech.

Sul piano settoriale il protagonista è nuovamente il real estate, in luglio con l'Europa (+5,7%), mentre da inizio anno con gli Usa (+29%). Ancora in rally le risorse idriche. Bene anche l'It. Emerge

L'asset class è caratterizzata da un profilo di rischio elevato, ma correlato a ritorni potenzialmente alti, ma poco costanti. Il rendimento da inizio anno spazia dal 5 al 12%. Non è un investimento a

La genesi dei fondi caratterizzati da principi etici non è certo recente, ma negli ultimi anni si è configurato un vero e proprio trend di mercato sulla scia della loro crescente popolarità. Per gli o

Nella storica rivalità tra Usa e Cina, Taiwan gioca un ruolo di primaria importanza. Dopo un brillante quadrimestre, a maggio l'azionario ha invertito tendenza. Per un investitore europeo il mercato d

Il primo trimestre si è concluso in progressivo miglioramento. Se sul fronte obbligazionario il quadro è in chiaroscuro, nell'equity gli indici rappresentativi dei comparti azionari sono quasi tutti a

Quello delle energie alternative è un settore in forte espansione che ha beneficiato della crescente attenzione verso tematiche Esg. Gli asset manager non si sono lasciati sfuggire l'apertura di quest

Con dicembre si è chiuso un anno sicuramente difficile ma, almeno dal punto di vista dei mercati finanziari, orientato al rialzo. Dai listini azionari, a quelli obbligazionari, passando per settori e

La stragrande maggioranza dei listini azionari ha registrato performance negative, mentre sul piano obbligazionario il quadro è migliorato rispetto a settembre, facendo registrare però due effetti con

L'andamento disomogeneo dell'epidemia e l'incertezza sulle future misure contenitive stanno generando in una certa tensione. Le strategie attuate, anche alla luce dei volumi, non si concretizzano in u

A giugno si profila un quadro roseo per i principali listini internazionali. Nonostante questo trend, anche considerando i buoni risultati di maggio, nella maggior parte dei casi il rimbalzo non è anc

Da una ventina di giorni siamo entrati nel mese di maggio. Il classico motto “sell in may and go away” che suggerisce di vendere a maggio, stare liquidi per i successivi sei mesi e ricomprare a novemb

Mercati al collasso. Il crollo registrato nel mese di marzo trascina nel baratro le performance del primo trimestre del 2019

Mercati contagiati: l'esplosione del coronavirus si diffonde a livello globale su tutti i listini. Il range delle perdite è piuttosto elevato: mentre negli Usa vanno dal 10 al 20%, in Europa spaziano

L'ultimo mese dell'anno si è concluso con una nota decisamente dolce e ha permesso al 2019 di essere ricordato come un anno positivo per molti listini. Ecco come sono andati i vari asset. E ora?

Novembre si è rivelato un mese davvero gratificante per i mercati e il risparmio gestito ne ha cavalcato l'andamento. Da evidenziare il rally del biotech, che ha sfiorato il 12%, seguito a distanza da

Il mese di ottobre si archivia con due importanti eventi: il passaggio di testimone al vertice della Bce e la sforbiciata ai tassi Usa. Sui mercati, l'azionario porta a casa risultati talvolta anche i

Tra i principali listini azionari, in pole position a settembre c'è Istanbul (+9%), che nei primi 15 giorni di ottobre ritraccia però di 10 punti percentuali. Sui comparti obbligazionari continuano a

I fattori che hanno determinato la consistente ripresa dei mercati sono da attribuirsi all'operatività delle banche centrali, in particolare di quella europea

Nel Vecchio continente, a vincere sono le forze di vendita, con il mercato che si alleggerisce di Europa e si tiene pronto a investire negli Usa. Ad oggi la guerra commerciale è un tema che passa liev

Dai minimi relativi della seconda metà di maggio a circa 1.270 dollari l'oncia, l'oro ha messo a un rialzo del 13%, a fine giugno. La gestione attiva ha realizzato in media un incremento del 18%, anch

Nonostante le difficoltà di maggio, l'azionario ha ancora discreti margini di crescita, soprattutto se focalizzato su settori ad elevato contenuto innovativo. Ecco come sono andati mercati e fondi lo

X
I Cookies aiutano a migliorare l'esperienza sul sito.
Utilizzando il nostro sito, accetti le condizioni.
Consenti