PREVIOUS ARTICLENEXT ARTICLE

Il trend del venture capital italiano: dall’early stage al growth

Il trend del venture capital italiano: dall’early stage al growth

Salva
Salva
Condividi
Andrea Messuti
Andrea Messuti

08 Ottobre 2020
Tempo di lettura: 3 min
Tempo di lettura: 3 min
Salva

Il venture capital in Italia sta cambiando. Gli ultimi sviluppi seguono il solco già tracciato da sistemi europei più virtuosi. Eppure, siamo ancora a metà del guado

Il mercato italiano del venture capital è oggi molto diverso rispetto al passato. Abbandonato il tentativo di emulare l’esperienza d’oltreoceano, distante anni luce per misura della raccolta e per numero di operatori, il venture capital italiano oggi sembra aver trovato un proprio equilibrio in risposta alle specifiche esigenze del territorio.

I vari stadi del finanziamento, convenzionalmente ripartiti fra fondazione, accelerazione, sviluppo ed espansione, sembra che abbiano finalmente raggiunto una dimensione qualitativa e quantitativa tendenzialmente adeguata all’ecosistema imprenditoriale italiano.

Una rilettura delle principali operazioni di mercato degli ultimi anni testimonia come a portare avanti l’attività sia attualmente un gruppo estremamente composito di operatori ripartito tra angel investor e fondi di investimento, banche e loro emanazioni, grandi aziende (tramite divisioni di corporate venture capital) e, in ultimo, lo Stato.

Si può quindi affermare che il venture capital odierno si caratterizzi per aree di investimento più nette su cui insistono figure estremamente diverse tra loro, consapevoli del proprio posizionamento nel percorso che porta dall’early stage al growth. Non a caso, la parte pre-seed e seed, contraddistinta da piccoli tagli di investimento e da esigenze di sviluppo del concept, è divenuta di competenza quasi esclusiva di business angel, ovvero di acceleratori d’impresa, quando invece fino a qualche anno fa in quel segmento si trovava polarizzato grosso modo tutto il settore del venture capital italiano.

La maggiore distribuzione su tutta la filiera dello sviluppo ha inevitabilmente gettato le basi per la nascita di operatori verticalizzati su specifiche industry; il che ha consentito la focalizzazione dell’attenzione sulle fasi più avanzate dello sviluppo imprenditoriale, dov’è richiesto l’intervento di operatori più strutturati come i fondi di investimento regolati, capaci di mettere a disposizione masse significative di denaro e offrire competenze ad alta specializzazione e network internazionali.

Questa circostanza non può che essere interpretata come chiaro indicatore di una maturazione del fenomeno del venture capital all’interno del territorio italiano e di un suo allineamento (quantomeno strutturale) con le esperienze europee più evolute.

Tale considerazione non ci esime tuttavia da una critica. A differenza dei contesti più avanzati, in Italia gli investitori di settore faticano ancora ad accompagnare da soli le startup per tutto il percorso di crescita, motivo per cui si vedono spesso costretti a uscire di scena all’ultimo miglio a favore di operatori internazionali che traguardano l’obiettivo di una “vera exit” attraverso Ipo sui mercati, ovvero importanti trade sale.

Il periodo storico emergenziale sembra che stia offrendo un assist a una più concreta politica di raccolta, “semina” e sviluppo del settore. Ci si auspica che da questo momento azioni sempre più vigorose e concrete vengano attuate per rispondere alla scarsità endemica di capitali e all’assenza di politiche di sistema delle “exit”. Capire come affrontare tale ultimo tema è d’obbligo per tutelare i successi nazionali e per consentire la reintroduzione nel mercato di maggiori liquidità da reinvestire.

 

Articolo a cura di Andrea Messuti, in collaborazione con Stefano Giannone Codiglione – Lca Studio Legale

Andrea Messuti
Andrea Messuti
È avvocato e partner di Lca Studio Legale, dove coordina il team di Emerging companies & venture capital. È specializzato in operazioni di M&A e venture capital e in operazioni sui mercati dei capitali nazionali o stranieri (con particolare riferimento alle Ipo nei settori tech e life science). Assiste clienti italiani e internazionali operanti in diversi settori industriali e tecnologici.
Il presente articolo costituisce e riflette un’opinione e una valutazione personale esclusiva del suo Autore; esso non sostituisce e non si può ritenere equiparabile in alcun modo a una consulenza professionale sul tema oggetto dell'articolo.

WeWealth esercita sugli articoli presenti sul Sito un controllo esclusivamente formale; pertanto, WeWealth non garantisce in alcun modo la loro veridicità e/o accuratezza, e non potrà in alcun modo essere ritenuta responsabile delle opinioni e/o dei contenuti espressi negli articoli dagli Autori e/o delle conseguenze che potrebbero derivare dall’osservare le indicazioni ivi rappresentate.
Condividi l'articolo
LEGGI ALTRI ARTICOLI SU:Venture & Private EquityItalia