EVENTO « III° PRIVATE MARKET SUMMIT » Idee per capitali pazienti in un mondo che cambia EVENTO IN DIRETTA REGISTRATI

Green bond: cavalcare l’ondata verde senza farsi travolgere | WeWealth

Green bond: cavalcare l’ondata verde senza farsi travolgere

Matilde Sperlinga
10.3.2023
Tempo di lettura: 3'
Il mercato delle obbligazioni verdi è in forte crescita, come muoversi in questo fermento? Le caratteristiche salienti e gli aspetti a cui fare attenzione, secondo Goldman Sachs Asset Management

Il verde è sempre più di moda, anche nel mondo del reddito fisso. Il mercato dei green bond, ovvero delle obbligazioni legate a progetti pensati per generare un impatto positivo per l’ambiente, è infatti uno dei segmenti a più rapida crescita dell’obbligazionario: nel terzo trimestre del 2022 le emissioni di obbligazioni verdi hanno superato la soglia dei 2 trilioni (mila miliardi) di dollari, secondo l’organizzazione internazionale Climate Bonds Initiative, che vede già il target di 5 mila miliardi entro il 2025, cioè emissioni più che raddoppiate nel giro dei prossimi tre anni.

“Negli ultimi cinque anni, i green bond hanno attraversato un’importante trasformazione che li ha portati a diventare da segmento impact di nicchia a potenziale opportunità per ogni investitore obbligazionario”, sottolinea Goldman Sachs Asset Management, che cerca di fare chiarezza su questo mercato sempre più ampio e diffuso.


Le caratteristiche dei green bond

Innanzitutto, va ricordato che i green bond vengono emessi da società, governi o agenzie per finanziare progetti o attività legati al clima o all’ambiente. Ed è proprio questo impegno che li distingue dalle obbligazioni tradizionali. Perché per quanto riguarda gli altri aspetti finanziari, ovvero la struttura, il rischio e i rendimenti, non ci sono grosse differenze. “Il profilo di credito di un green bond è uguale a quello di un bond tradizionale dello stesso emittente e in termini di prezzo non ci sono differenze significative”. Goldman Sachs Asset Management ricorda inoltre che la qualità creditizia dei green bond varia da investment grade a non-investment grade, ma la maggior parte delle obbligazioni verdi corporate sono investment grade.


I green bond hanno scadenze a breve o a lungo termine e presentano vari tipi di cedole e rendimenti. Un aspetto da valutare riguarda la loro liquidità, che può variare a seconda dei settori e delle regioni. Ad esempio, l’Europa continua dominare il mercato, emettendo più del 50% dei green bond, seguita dagli Stati Uniti, che nel 2021 hanno raggiunto 81,9 miliardi di dollari di emissioni, e dalla Cina con 68,1 miliardi di dollari, secondo i dati di Statista. Quindi, nelle regioni in cui le opzioni di liquidità sono più limitate, gli investitori potrebbero trovare più difficoltà nell’acquisto e/o vendita di questi strumenti.

Infine, da sapere che i detentori di obbligazioni verdi hanno lo stesso diritto di rivalsa nei confronti dell’emittente.


Come includere obbligazioni verdi nel proprio portafoglio? Quali sono più in linea con i tuoi obiettivi di investimento?
Con il servizio Chiedi agli esperti di We Wealth puoi contattare gratuitamente un professionista che ti potrà guidare nella scelta dei migliori investimenti e nella gestione del tuo patrimonio. Fai una domanda a uno dei 300 esperti disponibili su We Wealth.

Ma come distinguere i green bond dalle obbligazioni tradizionali?

Per gli investitori non è così semplice capire l’effetto diretto delle obbligazioni verdi e vi è una forte preoccupazione nei confronti del greenwashing, ovvero quella strategia di comunicazione che presenta come sostenibili le proprie attività, cercando di occultarne l’impatto ambientale negativo.

Per limitare pratiche scorrette, diverse organizzazioni hanno iniziato a sviluppare qualche anno fa degli standard di sostenibilità da seguire, così da assicurare trasparenza e qualità delle performance ambientali. Uno degli standard più importanti per le obbligazioni verdi è quello pubblicato nel 2014 dall’International Capital Market Association, ovvero il Green Bond Principles, che definisce una serie di categorie di progetti verdi a cui può essere legata una obbligazione per essere definita verde. Ad esempio, la mitigazione e l’adattamento al cambiamento climatico, la conservazione delle risorse naturali e della biodiversità, e la prevenzione e il controllo dell’inquinamento.

Ma non solo. L’Unione Europea, proprio all’inizio di marzo, ha accolto con favore l’accordo politico che prevede un regolamento sui green bond europei. Si tratterà di uno standard volontario di alta qualità, lo European Green Bonds Standard (EUGBS) che prevede che almeno l’85% dei fondi raccolti dall’obbligazione sia destinato ad attività economiche in linea con il regolamento sulla tassonomia.


Al momento, in assenza di una definizione di progetti verdi specifica e accettata a livello globale, la maggior parte degli emittenti incarica revisori indipendenti affinché certifichino i loro programmi di investimento. Da parte loro, “gli investitori devono prestare particolare attenzione alla documentazione delle obbligazioni, al loro impatto ambientale (compreso il rispetto degli standard dei green bond) e alla strategia di sostenibilità di un emittente di obbligazioni”, ricordano da Goldman Sachs Asset Management.


In conclusione

Il mercato dei bond verdi è in piena evoluzione e già costellato da esempi importanti. Uno dei più recenti è quello della Francia che a marzo 2022 ha emesso un green bond ventennale da 1,75 miliardi di euro per sviluppare e finanziare il Grand Paris Express, si tratta del progetto per ampliare la linea metropolitana di 200 chilometri, così da unire la periferia di Parigi al centro città e raggiungere l’obiettivo di zero emissioni entro il 2050.


“Con la crescita e la progressiva diversificazione dell’universo dei green bond, riteniamo che questi titoli diventeranno una componente fondamentale delle allocazioni nel comparto obbligazionario, poiché offrono agli investitori l’opportunità di produrre un impatto positivo sull’ambiente, generando al contempo rendimenti potenziali simili a quelli delle obbligazioni tradizionali”, concludono da Goldman Sachs Asset Management.


Approfondisci la visione di Goldman Sachs Asset Management



La presente promozione finanziaria è fornita da Goldman Sachs Bank Europe SE Le performance passate non sono garanzia di risultati futuri, che possono variare.


DISCLAIMER IL PRESENTE DOCUMENTO NON COSTITUISCE UN’OFFERTA NÉ UNA SOLLECITAZIONE ALL’INVESTIMENTO NELLE GIURISDIZIONI IN CUI TALE OFFERTA O SOLLECITAZIONE SIA ILLEGALE O NON AUTORIZZATA, O IN RELAZIONE ALLE PERSONE CUI SIA ILLEGALE O NON AUTORIZZATO RIVOLGERE UNA TALE OFFERTA O SOLLECITAZIONE Si raccomanda ai potenziali investitori di informarsi in merito ai requisiti di legge e alle normative fiscali e di controllo valutario eventualmente applicabili nei rispettivi paesi di cittadinanza, residenza o domicilio Le presenti informazioni esaminano l’attività generale del mercato, i trend dell’industria o del settore, o le altre condizioni economiche, di mercato o politiche in senso lato, e non devono essere interpretate come una ricerca o una consulenza sugli investimenti. Il presente materiale è stato preparato da GSAM e non costituisce una ricerca finanziaria né un prodotto di Goldman Sachs Global Investment Research (GIR). Non è stato preparato in conformità alle disposizioni di legge volte a promuovere l’indipendenza dell’analisi finanziaria e non è soggetto ad un divieto di negoziazione a seguito della distribuzione della ricerca finanziaria. I pareri e le opinioni espressi possono differire da quelli di Goldman Sachs Global Investment Research o di altre sezioni o divisioni di Goldman Sachs e delle relative società collegate. Gli investitori sono invitati a rivolgersi ai propri consulenti finanziari prima di acquistare o vendere qualsiasi titolo. Queste informazioni potrebbero non essere aggiornate e GSAM non ha alcun obbligo di fornire aggiornamenti o modifiche. I pareri e le opinioni espressi hanno fini puramente informativi e non costituiscono una raccomandazione da parte di GSAM di acquistare, vendere o detenere titoli. Tali pareri e opinioni sono aggiornati alla data di questa presentazione, possono essere soggetti a modifiche e non devono essere interpretati come una consulenza in materia di investimenti. Il presente materiale è una promozione finanziaria distribuita da Goldman Sachs Bank Europe SE, anche per il tramite delle sue filiali autorizzate (“GSBE”). GSBE è un istituto di credito costituito in Germania ed è soggetta, nell’ambito del Meccanismo di vigilanza unico stabilito fra gli Stati membri dell’Unione Europea la cui valuta ufficiale è l’Euro, alla vigilanza prudenziale diretta della Banca Centrale Europea e, in altri ambiti, alla vigilanza dell’Autorità di Vigilanza Finanziaria Federale tedesca (Bundesanstalt für Finanzdienstleistungsaufischt, BaFin) e della Deutsche Bundesbank.

La performance passata non garantisce risultati futuri, che possono variare. Il valore degli investimenti e i proventi che ne derivano oscilleranno e possono tanto diminuire quanto aumentare. Si può verificare una perdita del capitale.

Non vi è alcuna garanzia che gli obiettivi verranno raggiunti. Le previsioni economiche e di mercato qui presentate rispecchiano una serie di ipotesi e di giudizi alla data di questa presentazione e sono soggette a modifica senza preavviso. Le presenti previsioni non tengono conto degli specifici obiettivi di investimento, delle restrizioni, della situazione finanziaria e fiscale o di altre esigenze di singoli clienti. I dati effettivi varieranno e non possono essere qui rispecchiati. Queste previsioni sono soggette ad elevati livelli di incertezza che potrebbero influire sulla performance effettiva. Di conseguenza, tali previsioni devono essere intese come puramente rappresentative di una vasta gamma di possibili sviluppi. Queste previsioni sono stimate, si basano su ipotesi, sono soggette a revisioni significative e possono cambiare sensibilmente al variare delle condizioni economiche e di mercato. Goldman Sachs non ha alcun obbligo di fornire aggiornamenti o modifiche delle presenti previsioni. I case study e gli esempi sono indicati ai soli fini illustrativi.


Riservatezza

Nessuna parte di questo materiale può, senza il previo consenso scritto di GSAM, essere (i) riprodotta, fotocopiata o duplicata, in qualsiasi forma, con qualsiasi mezzo, o (ii) distribuita a qualsiasi persona che non sia un dipendente, un funzionario, un amministratore o un agente autorizzato del destinatario. © 2023 Goldman Sachs. Tutti i diritti riservati. Compliance Code: 310148-OTU-1760174

La redazione vi consiglia altri articoli

Cosa vorresti fare?