Presidenziali Usa, lezione 1: i mercati predicono il vincitore

Giulia Bacelle
Giulia Bacelle
25.9.2020
Tempo di lettura: 3'
Le presidenziali Usa in cinque settimane. Obiettivo, accompagnare l'investitore al 3 novembre facendo luce su uno dei temi chiave del 2020. Il tutto grazie alle analisi di Capital Group, condotte su più di 85 anni di dati. La prima lezione? I mercati predicono il vincitore
A sole cinque settimane dalle presidenziali Usa, il risultato potrebbe già essere chiaro. A predirlo, i mercati. Con statistiche quasi infallibili: dal 1936, la finanza ha avuto ragione 20 volte su 23. Sembra alquanto semplice: “se l'indice S&P 500 è in crescita nei tre mesi antecedenti all'Election Day, il partito in carica solitamente vince. Se i mercati cedono in quel periodo, invece, il partito opposto si aggiudica la vittoria”, riportano le analisi di Capital Group. Ma sarà così anche nell'anno che ha inaspettatamente sconvolto molti dei paradigmi esistenti?

Squadra che vince, non si cambia (o forse si)


Quando il mercato azionario e l'economia sono solidi, vi è generalmente una minore motivazione per un cambiamento della leadership. In tali anni, le azioni potrebbero non aver bisogno di scontare l'incertezza, che spesso consente alle azioni stesse di continuare a crescere, rafforzando ulteriormente la possibilità di rielezione del presidente in carica”, continuano gli esperti di Capital Group. Infatti “le azioni tendono a guardare al futuro e a “valutare” l'incertezza, compresa quella causata da una prossima elezione”.



Quando il clima politico ed economico è più difficoltoso, invece, vi è una maggiore possibilità di vittoria per l'opposizione. Il mercato sconta l'incertezza aggiunta del risultato elettorale e dei cambiamenti politici, che potrebbero portare a una maggiore volatilità”.

Ed è proprio quanto sta succedendo sui listini americani da inizio settembre. Ma per capire come la situazione attuale possa inserirsi in un quadro di analisi pre-elezioni, vale la pena vedere più da vicino l'andamento del famoso indice azionario americano da inizio pandemia ad oggi.

L'S&P 500, da vicino


Dopo la caduta libera dei mercati in marzo, le piazze di tutto il mondo hanno sperimentato un recupero sorprendentemente veloce, definito da alcuni come il bear market più breve della storia. Si prenda lo S&P 500: i cento giorni di negoziazioni intercorsi dal 23 marzo al 13 agosto 2020 hanno visto l'indice recuperare il 50% del proprio volume. Una ripresa così consistente in un lasso di tempo così limitato non si sperimentava dal 1933.

Dal 13 agosto in poi l'indice ha proseguito la sua scalata, chiudendo il mese con la miglior performance di agosto vista a Wall Street dagli anni '80. Fino a quando, il 3 settembre, l'S&P 500 ha chiuso in perdita del 3,5%: chiaro segnale di un'inversione di marcia dei mercati. Nelle ultime tre settimane, l'S&P 500 ha perso il 9%, mentre il Nasdaq il 12% (il settore tecnologico, lo stesso ad aver trainato la ripresa da marzo, guida quindi la caduta).

E con un settembre dalle performance peggiori dal 2011, la scalata di Wall Street sembra ora ridimensionarsi ed allinearsi agli andamenti di Main Street. “La fine del 2020 potrebbe rivelarsi tanto volatile quanto il suo inizio”, sottolinea la CNBC.

Ma quali le ragioni? Le tre settimane consecutive di calo sui listini di Wall Street potrebbero essere dovute una “rotazione” del mercato man mano che l'incertezza risale da molti punti di vista: il numero dei contagi e i timori di una seconda ondata, soprattutto in Europa; l'esito delle presidenziali; la guerra commerciale tra Cina e Stati Uniti; l'improbabile approvazione di un vaccino entro la fine dell'anno. Che il calo dei mercati sia solo estemporaneo, o sia ragione per un vento contrario in rotta verso le prossime elezioni?

Le presidenziali Usa “più importanti della storia”


L'appuntamento del 3 novembre vedrà sfidarsi il presidente uscente, il repubblicano Donald Trump, 74 e lo sfidante democratico Joe Biden, 77. Da molti definite come “le elezioni più importanti della storia”, quelle del 2020 saranno di certo tra le presidenziali più particolari di sempre. Complici l'emergenza sanitaria da Covid-19 che non cessa, il ruolo delle poste e il divario tra mercati ed economia reale, le elezioni di novembre stanno catalizzando l'attenzione degli investitori come raramente prima d'ora.

Come muoversi, quindi, sui mercati? Meglio puntare sull'azionario o rifuggire nel contante? La risposta, secondo Capital Group, al prossimo appuntamento.

Cosa vorresti fare?

X
I Cookies aiutano a migliorare l'esperienza sul sito.
Utilizzando il nostro sito, accetti le condizioni.
Consenti