PREVIOUS ARTICLE NEXT ARTICLE

L’emergenza Covid-19 mette il turbo all’ e-commerce

L’emergenza Covid-19 mette il turbo all’ e-commerce

Salva
Salva
Condividi
Redazione We Wealth
Redazione We Wealth

21 Maggio 2020
Tempo di lettura: 5 min
Tempo di lettura: 5 min
Salva
  • All’interno dell’ S&P500, le società di e-commerce sono state le meno impattate dal coronavirus

  • Il sentiment per il settore E-Commerce a livello globale è rimasto positivo

Il coronavirus spinge gli utenti a rifugiarsi nell’acquisto online. L’analisi condotta da ByTek e FinScience (gruppo Datrix) sull’impatto della pandemia sull’e-commerce

L’emergenza Covid-19 spinge il settore e-commerce. Questo il quadro emerso dall’analisi di Datrix, gruppo di tech company che sviluppa tecnologie e soluzioni software proprietarie di Augmented Analytics, che ha recentemente incassato 2,3 miliardi di euro in un round di finanziamento guidato da da United Ventures.

Il report, elaborato dalle controllate del gruppo Datrix, ByTek e FinScience e basato sull’analisi delle ricerche online e degli “alternative data” estratti da più di 240.000 fonti tra news, blog e analisi di mercato dal 20 gennaio al 30 aprile 2020, ha individuato quali comparti e aziende all’interno del settore dell’e-commerce sono percepiti più positivamente ai tempi del coronavirus.

All’interno del listino S&P500, le società di e-commerce sono state le meno impattate dal coronavirus. Tra le quotate è interessante notare l’over performance dei marketplace americani (es. Etsy, Shopify e Walmart) rispetto a quelli cinesi (es Alibaba, JD.com) relativamente alle stime degli analisti (tabella sotto). Questo nonostante le buone performance in termini di commercio generato sulle piattaforme.

Fonte: Data analysis of the e-commerce sector (ByTek e FinScience)

Nonostante il difficile scenario attuale, dall’analisi è emerso che il sentiment per il settore dell’e-commerce a livello globale è rimasto positivo. Complessivamente la ricerca ha rilevato un aumento della popolarità dei marketplace in questa particolare fase storica, raggiungendo il picco massimo intorno al 25 marzo, quando le principali società di e-commerce in India hanno interrotto le consegne. Un trend interessante emerso dalle ricerche online è dato dal crescente interesse dei retailer verso software-house che abilitano alla vendita online (es. Magento, Wix e Shopify), che hanno registrato un balzo di popolarità e del sentiment negli ultimi tre mesi. Questo, a testimonianza del fatto che, anche le società che fino ad oggi non hanno puntato sulla vendita online, stanno fortemente valutando di poter abilitare le proprie infrastrutture digitali all’e-commerce.

Rispetto alle scelte di acquisto e alle categorie merceologiche oggetto delle ricerche degli utenti, a fronte di una diminuzione generale dello “shopping” del 4,19% rispetto all’aprile dell’anno scorso, per alcuni comparti l’interesse è cresciuto molto, come quelli dei venditori all’ingrosso, dei distributori multimarca e quelli legati all’entertainment media e ai beni dell’elettronica. In particolare, le ricerche online stanno aumentando rispetto agli anni passati per le seguenti sottocategorie del settore dello shopping: retailers di video games, piattaforme per video e dvd, sistemi di gioco e consoles, materiali per tv e video (proiettori, schermi ecc.).

Per quanto riguarda le piattaforme di e-commerce, tutte le aziende hanno generalmente beneficiato del lockdown imposto ai cittadini, favorendo una grande crescita del settore; tra queste, quelle che hanno performato meglio, sia dal punto di vista digitale, che economico sono risultate: Alibaba, Flipkart, Etsy, JD.com, Jet.com e Shopify. Interessante notare come, pur essendo un leader nel settore, Amazon rimanga escluso dalla lista a causa di alcune notizie pubblicate sulla società che ne hanno influenzato il sentiment online in modo negativo.

Infine, guardando  ai topics di maggior rilevanza, infine, l’analisi ha rilevato come il “price gouging” (aumenti di prezzo dovuti all’aumento della domanda di specifici beni), la spesa online ed il business-to-business siano tra i trend di cui si è discusso maggiormente online.

 

 

Redazione We Wealth
Redazione We Wealth
Condividi l'articolo
LEGGI ALTRI ARTICOLI SU: Outlook e Previsioni coronavirus