Un fondo green su tre in Uk investe in petrolio e gas

Redazione We Wealth
Redazione We Wealth
31.12.2020
Tempo di lettura: 2'
Il greenwashing è ancora un problema nell'industria del risparmio gestito. Secondo una ricerca della think tank Common Wealth un terzo dei fondi a zero carbon emission nel Regno Unito investirebbe in realtà in società produttrici di petrolio e gas. Ecco tutti i numeri

Common Wealth ha esaminato 33 fondi a basse emissioni di carbonio venduti a investitori al dettaglio del Regno Unito

Anche se la ricerca non indica necessariamente una falsa pubblicità da parte dei gestori patrimoniali, solleva dubbi sul fatto che i fondi soddisfino le aspettative degli investitori

I fondi a basse emissioni di carbonio sono stati fortemente investiti in tecnologia e servizi finanziari, settori che non sono direttamente collegati ai cambiamenti climatici ma che possono contribuire in altri modi - come nel caso degli istituti che concedono prestiti a società inquinanti. Questi settori rappresentano in media quasi il 30% del valore di un fondo a basse emissioni di carbonio, solo il 6% è invece investito in servizi pubblici e circa il 3% per l'energia.
Sono questi i dati che emergono dal report del think tank Common Wealth “Doing well by doing good”. La società esorta i responsabili politici Uk a porre fine alla confusione su ciò che gli investimenti contano come verdi.

Common Wealth ha infatti indicato 12 fondi che possedevano una o più compagnie petrolifere e produttrici di gas nonostante avessero un obiettivo green. Ha individuato tre prodotti, gestiti da HSBC Asset Management, Ossiam e Lyxor, che detenevano il produttore petrolifero statunitense ExxonMobil, un noto green laggard. Tuttavia, secondo quanto riportato dal Financial Times, i fondi Hsbc e Ossiam avrebbero ora liquidato quegli investimenti. "C'è una vera finestra di opportunità con la Brexit e la COP26 per il Regno Unito per assumere una posizione coraggiosa e sviluppare una regolamentazione con i denti", scrive Adrienne Buller nel report. "Tuttavia, alcuni sostengono che un giro di vite sull'esposizione alle società inquinanti impedirebbe agli asset manager di usare la propria voce per spingere al cambiamento. La pressione degli azionisti alla fine ha contribuito a far accettare a ExxonMobil di ridurre alcune delle sue emissioni questa settimana.

Il ruolo dell'asset management


Spiega il report: "Dalla crisi finanziaria, il settore della gestione patrimoniale e gli Etf sono aumentati rispetto al valore delle attività che rappresentano a livello globale. Per estensione, così ha la loro influenza di orientamento sull'economia reale attraverso l'allocazione del capitale e il potere degli azionisti. Una parte significativa di questa crescita è attribuibile agli investimenti passivi, che sono dominati dai gestori patrimoniali passivi "Big Three" (BlackRock, Vanguard e State Street). La loro crescita ha portato a un significativo consolidamento della proprietà e del potere nel settore della gestione patrimoniale, con i Big Three che controllano uno sbalorditivo 20% dell'azienda media S&P 500. Accanto a queste tendenze, le strategie di investimento "etiche" o "sostenibili", denominate investimenti "ambientali, sociali, di governance" (Esg), hanno goduto di una crescente popolarità, con afflussi record durante la pandemia. I governi di tutto il mondo cercano sempre più strategie Green e fanno leva sulla finanza privata "sostenibile" per guidare la transizione verso un'economia decarbonizzata. Tuttavia, ci sono diversi motivi per essere scettici sulla capacità della "finanza sostenibile" di fornire risultati".

Cosa vorresti fare?

X
I Cookies aiutano a migliorare l'esperienza sul sito.
Utilizzando il nostro sito, accetti le condizioni.
Consenti