Cambiamento climatico, il 46% dei portafogli non è allineato agli obiettivi dell'Accordo di Parigi

Livia Caivano
Livia Caivano
29.4.2019
Tempo di lettura: 3'
Secondo un report di Uk Sustainable Investment and Finance Association, il 21% dei gestori implementa politiche per allineare i fondi agli obiettivi di Parigi 2015, mentre il 33% le applica solo ad alcuni. Il 46% non ha alcuna politica a livello di fondi

Secondo i dati, i gestori patrimoniali dovrebbero garantire la protezione di quanti più clienti possibile e prendere attivamente in considerazione l'applicazione coerente delle politiche climatiche a livello di impresa su tutti i portafogli che gestiscono

Il 77% degli intervistati sono gestori di fondi con sede nel Regno Unito e il restante 23% gestori con base in Francia, Spagna e Italia

Gli ultimi 12 mesi hanno visto una crescita accelerata della domanda di strategie senza combustibili fossili, ma l'offerta di prodotti di investimento è cresciuta più lentamente. I gestori delle risorse potrebbero e dovrebbero considerare se possono rispondere meglio alle mutevoli esigenze dei clienti. Con i rischi posti dai cambiamenti climatici, i gestori patrimoniali devono garantire la protezione di quanti più clienti possibile e dovrebbero prendere attivamente in considerazione l'applicazione coerente delle politiche climatiche a livello di impresa su tutti i portafogli che gestiscono. È possibile che le imprese che applicano politiche di rischio legate al clima in modo incoerente possano rischiare il contenzioso in caso di perdita dei clienti.

Anche se i gestori di fondi sono intimamente convinti che le loro strategie di investimento dovrebbero essere allineate ai principi dell'Accordo di Parigi, è necessario dichiararlo pubblicamente per aiutare a segnalare al resto della comunità finanziaria che si tratta di un scopo essenziale.

Con i rischi posti dal cambiamento climatico, i gestori patrimoniali devono garantire la protezione di quanti più clienti possibile e dovrebbero prendere attivamente in considerazione l'applicazione coerente delle politiche climatiche a livello di impresa su tutti i portafogli che gestiscono. Gli approcci incoerenti all'impegno nel settore della gestione dei fondi minano gli sforzi per mitigare i rischi climatici.

Il report Uk Sustainable Investment and Finance Association


Un'indagine di Uk Sustainable Investment and Finance Association sull'atteggiamento dei gestori di fondi per gli investimenti e l'impegno con le compagnie petrolifere integrate indaga su come il settore della gestione patrimoniale stia rispondendo ai rischi finanziari associati ai cambiamenti climatici.

Un primo sondaggio del 2018 chiedeva ai gestori di fondi quali prodotti e strategie di investimento avevano offerto alla clientela per ridurre i rischi finanziari relativi ai cambiamenti climatici nei portafogli. Quest'anno, l'indagine ha incluso ulteriori domande sulle politiche di cambiamento climatico e sulle strategie di coinvolgimento dei dirigenti. I dirigenti sostengono di coinvolgere le aziende sule tema dei rischi finanziari legati ai cambiamenti climatici: ma a quale livello e con quale obiettivo?

Durante i negoziati annuali Onu sui cambiamenti climatici del 2015, 195 paesi hanno negoziato un accordo che definisce un quadro globale per le riduzioni delle emissioni. L'Accordo di Parigi impegna i firmatari a mantenere l'aumento della temperatura globale in questo secolo al di sotto dei due gradi Celsius e a puntare all'azzeramento delle emissioni nette.

Il report Uk Sustainable Investment and Finance si pone l'obiettivo di stabilire se le società di management hanno interesse nel rispetto degli obiettivi dell'accordo di Parigi del 2015 sui cambiamenti climatici. Il 52% degli intervistati ha risposto in maniera affermativa, anche se in diverse declinazioni. Alcuni si impegnano infatti a convincere le società partecipate ad allinearsi agli obiettivi climatici. Si parla di supporto agli amministratori delle società materialmente esposte ai rischi climatici per posizionare le proprie attività in un mondo a emissioni nette grazie all'impegno proattivo (dialogo con i consigli di amministrazione per chiarire l'aspettativa per le aziende di strategie allineate agli obiettivi di Parigi). Nelle votazioni alcune compagnie si oppongono alle nomine dei direttori contrari ai principi degli accordi. Si vendono le azioni di una società in cui il capitale dei nostri clienti sia a rischio e la leadership non risponda in modo appropriato.

Alcune aziende hanno invece una politica sull'allineamento di Parigi che viene mantenuta privata. La ragione di ciò non è immediatamente chiara. Può suggerire che le imprese stiano sottovalutando il potere di segnalazione derivante dall'avere un impegno pubblico, ampio per raggiungere gli obiettivi di Parigi. Pensiamo che questo segnale venga notato dal personale, dai clienti e dalla società nel suo complesso.

Il 21% dei dirigenti ha una politica a livello di fondi per allineare tutti i loro fondi all'accordo di Parigi, mentre il 33% applica le politiche solo a determinati fondi. Il 46% non ha alcuna politica a livello di fondi.

 

Cosa vorresti fare?

X
I Cookies aiutano a migliorare l'esperienza sul sito.
Utilizzando il nostro sito, accetti le condizioni.
Consenti