Obbligazionario sempre più sostenibile, quali potenzialità

Amundi ETF
24.10.2022
Tempo di lettura: 3'
Anche l’investimento obbligazionario si fa sostenibile, prendendo in considerazione i fattori ambientali, sociali e di governance. Amundi ETF spiega le potenzialità di questo segmento e i vantaggi di investire nel reddito fisso ESG con gli ETF

Il mercato del reddito fisso per molto tempo è rimasto indietro rispetto all’azionario per quanto riguarda l’inserimento nel processo di investimento dei fattori ambientali, sociali e di governance, i cosiddetti fattori ESG (Environment, Social and Governance), ma sta recuperando terreno. Oggi l’obbligazionario sostenibile rappresenta il 19% circa degli investimenti ESG su scala globale, secondo quanto rilevato da Morningstar, contro il 9% a fine 2020. Ciò dimostra come la domanda di debito sostenibile sia in aumento, così come la disponibilità di soluzioni obbligazionarie passive ESG efficienti. Infatti, man mano che gli investitori riconoscono i vantaggi derivanti dall’inserimento delle considerazioni ESG anche nel reddito fisso, questo segmento del mercato si sviluppa rapidamente, offrendo opportunità interessanti.


Obbligazionario sostenibile, quali potenzialità? Clicca qui per scoprire di più


Inizio lento ma in accelerazione

I progressi verso l’integrazione delle considerazioni ESG nei portafogli obbligazionari sono stati lenti rispetto ai mercati azionari. Il primo indice azionario ESG fu lanciato nel 1990, mentre il primo indice obbligazionario che teneva conto dei fattori di sostenibilità si è reso disponibile solo nel 2013.

Una delle ragioni di questo ritardo riguarda l’engagement. I detentori di titoli obbligazionari, diversamente dagli azionisti, non hanno diritto di voto, e si è creduto che ciò limitasse la loro capacità di fare engagement ed esercitare la loro influenza sulle aziende. Il successo di chi investe in obbligazioni dipende però più dalla capacità di evitare i perdenti che di scegliere i vincenti. Integrare considerazioni ESG in un portafoglio obbligazionario può aiutare a questo scopo, riducendo il rischio del portafoglio e potenzialmente incrementando il rendimento. Le società che emettono regolarmente obbligazioni sui mercati si stanno rendendo sempre più conto dei vantaggi che possono avere dando ascolto agli investitori in titoli obbligazionari: è un circolo virtuoso.

Man mano che gli investitori comprendono questo aspetto, la domanda di soluzioni obbligazionarie ESG aumenta. Tra la fine del 2019 e la fine di agosto 2022 le masse in gestione degli ETF obbligazionari ESG europei sono balzate da 20,1 a 56,1 miliardi di euro. Da cosa deriva dunque questo cambiamento e quali opportunità comporta?


Le potenzialità del reddito fisso sostenibile

L’inserimento dell’analisi ESG negli investimenti obbligazionari comporta diversi vantaggi potenziali. L’analisi ESG su un emittente obbligazionario può evidenziare l’esposizione a rischi di investimento nel lungo termine, come ad esempio i rischi legati ai cambiamenti climatici, che potrebbero manifestarsi dopo anni. Inoltre, è meno probabile che le aziende con credenziali ESG solide risultino insolventi, e più probabile invece che risultino redditizie nel lungo periodo. Lo dimostrano diversi studi [1].

Alla luce di tutto ciò, gli asset manager hanno sviluppato soluzioni che integrano i criteri di sostenibilità nel reddito fisso. I fattori ESG stanno assumendo un ruolo sempre più importante nei rating di credito, e gli investitori obbligazionari, come gli asset manager, dimostrano una maggiore disponibilità a comunicare direttamente con le aziende e a ritenerle responsabili su queste tematiche. Sebbene non abbiano gli stessi diritti di voto degli azionisti, hanno comunque il diritto, come parti interessate, di fare engagement con gli emittenti di obbligazioni che, in molti casi, emettono anche azioni. Gli emittenti di obbligazioni, nel desiderio di attirare gli investitori sempre più attenti ai fattori ESG e di essere inseriti nei principali indici ESG, oggi sono assai più disponibili a fornire informazioni.

Ci sono anche più dati a disposizione sull’ESG in ambiti prima trascurati, come i titoli di Stato. Il debito pubblico è molto meno avanzato del debito societario in termini di integrazione ESG per numerose ragioni, tra cui la mancanza di uniformità nella misurazione di questi fattori, la disponibilità limitata dei dati, oltre a strumenti e procedure di integrazione meno sviluppate. L’attenzione degli investitori per le tematiche ESG ha fatto però accelerare i progressi in questo ambito.

Ultimamente abbiamo infatti assistito a una rinnovata spinta all’integrazione ESG in campo obbligazionario, e ciò in concomitanza con una maggiore adozione da parte degli investitori degli ETF obbligazionari ESG.


Nel 2022 l’ESG diventa mainstream

Gli eventi degli ultimi anni hanno acceso i riflettori sulle tematiche di sostenibilità. Il Covid-19 ha rivoluzionato il mercato e ha messo veramente alla prova la capacità di resilienza dei portafogli, spingendo molti investitori a rivalutare le loro allocazioni obbligazionarie. Gli ETF hanno continuato a crescere anche in momenti di volatilità e si sono dimostrati agili e resilienti. Gli ETF obbligazionari sono stati negoziati in grandi volumi, persino nei segmenti in cui la liquidità diminuiva.

Le autorità monetarie, tra cui la Bank of England, la Banca per i regolamenti internazionali e la Federal Reserve, hanno riconosciuto la loro versatilità e hanno persino sottolineato il ruolo dei prezzi degli ETF come strumento di price discovery, in particolare nel reddito fisso.




La pandemia ha attirato ancora di più l’attenzione degli investitori sull’ESG, come dimostrato dagli abbondanti flussi in ingresso pari a 18,3 miliardi di euro verso gli ETF obbligazionari europei ESG negli ultimi 12 mesi [2].


Investire nel reddito fisso sostenibile con gli ETF

I vantaggi degli ETF obbligazionari ESG sono evidenti [3]:

  • Hanno costi contenuti, contribuendo a rendere le soluzioni a reddito fisso accessibili a tutti i tipi di investitori.
  • Offrono trasparenza: gli investitori possono vedere cosa c’è in portafoglio esaminando i titoli che compongono l’indice sottostante.
  • Offrono diversificazione [4] e resilienza: il rischio può essere ripartito tra centinaia, se non migliaia, di titoli.
  • Sono altamente liquidi, anche in fasi di stress del mercato.
  • Presentano una correlazione elevata con l’universo di riferimento (non ESG) nonché un tracking error minimo.


Il crescente interesse degli investitori per gli ETF ESG obbligazionari continuerà a stimolare l’innovazione in questo ambito, nonché ad ampliare la scelta degli investitori.


Ancora molta strada da fare ma grandi opportunità all’orizzonte

I progressi dell’ESG per il mercato del reddito fisso possono essere ancora molti. C’è ancora poca uniformità nell’informativa prodotta dagli emittenti obbligazionari, in particolare per i titoli di Stato, pertanto la due diligence risulta più complessa. Gli attivi in gestione obbligazionari rappresentano ancora una piccola percentuale degli asset sostenibili su scala globale, ma ci sono enormi opportunità di crescita.

Gli ETF sono sempre più uno strumento d’elezione per introdurre i fattori ambientali, sociali e di governance nella componente di reddito fisso del portafoglio. Ci aspettiamo dunque che l’innovazione continui e che il patrimonio gestito in questi strumenti dinamici aumenti.


In ultima analisi, ciò dovrebbe offrire più scelta agli investitori e la possibilità di inserire la sostenibilità in portafoglio per rifletterne convinzioni e obiettivi di investimento.



Obbligazionario sostenibile, quali potenzialità? Clicca qui per scoprire di più




Fonte [1]: Per esempio, ISS ESG nel 2020 (https://www.pionline.com/esg/iss-study-links-esg-performance-profitability), McKinsey nel 2019 (https://www.mckinsey.com/~/media/McKinsey/Business%20Functions/Strategy%20and%20Corporate%20Finance/Our%20Ins ights/Five%20ways%20that%20ESG%20creates%20value/Five-ways-that-ESG-creates-value.ashx)
Fonte [2]: Amundi ETF / Bloomberg. Dati da agosto 2021 ad agosto 2022.
Fonte [3]: La decisione di investire deve tener conto di tutte le caratteristiche e gli obiettivi del Fondo, descritti nel relativo Prospetto. Le
informazioni sugli aspetti legati alla sostenibilità di un fondo sono disponibili sul nostro sito web www.amundietf.it ai sensi della SFDR.
Fonte [4]: La diversificazione non garantisce un profitto né protegge da perdite.


Avvertenze
I contenuti di questo documento hanno carattere puramente informativo. I dati, le opinioni e le informazioni in esso contenuti sono prodotti da Amundi, che si riserva il diritto di modificarli ed aggiornarli in qualsiasi momento e a propria discrezione. Non vi è garanzia che i Paesi, i mercati o i settori citati manifestino i rendimenti attesi. Le informazioni fornite non sono da intendere come ricerca in materia di investimenti o come analisi finanziaria dal momento che, oltre a non avere i contenuti, non rispettano i requisiti di indipendenza imposti per la ricerca finanziaria e non sono sottoposte ad alcun divieto in ordine alla effettuazione di negoziazione prima della diffusione. Il documento e ogni sua parte, se non diversamente consentito e/o in mancanza di una espressa autorizzazione scritta di Amundi, non potrà essere copiato, modificato, divulgato a terzi, diffuso con qualunque mezzo e più in generale qualunque atto di disposizione o utilizzo di informazioni ivi contenute sono vietati, salvo espressa indicazione contraria. Dati, opinioni e stime possono essere modificati senza preavviso. Le informazioni fornite non intendono sostituire in alcun modo le autonome e personali valutazioni che il destinatario è tenuto a svolgere prima della conclusione di una qualsiasi operazione attinente a strumenti e prodotti finanziari. Investire comporta dei rischi. Prima di qualunque investimento, prendere attenta visione della documentazione relativa allo strumento finanziario oggetto dell'operazione, la cui sussistenza è disposta dalla applicabile normativa di legge e regolamentare tempo per tempo vigente. Il presente documento non è diretto alle “US Person” così come definite nel U.S. «Regulation S» della Securities and Exchange Commission.

La redazione vi consiglia altri articoli

Cosa vorresti fare?

X
I Cookies aiutano a migliorare l'esperienza sul sito.
Utilizzando il nostro sito, accetti le condizioni.
Consenti