Imprese verso il “net zero”: faccia a faccia tra i listini globali

Rita Annunziata
1.10.2020
Tempo di lettura: 3'
Sempre più aziende quotate sui principali listini mondiali puntano sull'azzeramento delle emissioni. E il 56% offre perfino incentivi finanziari ai senior manager legati alle performance di sostenibilità. Una ricerca ...

Nella Top10 internazionale che raccoglie le società con le migliori prestazioni in termini di sostenibilità si posiziona al primo posto il Cac40, con un punteggio medio del 62%

Il Ftse100 resta indietro con il 50%, sebbene vanti la seconda azienda con il punteggio più elevato (Unilever con il 92,4%)

Le imprese impegnate a raggiungere l'obiettivo zero emissioni sono passate dal 20% nel 2019 al 45% nel 2020

Temperature record, inondazioni, ondate di calore e incendi, ma non solo: gli impatti del cambiamento climatico continuano a intensificarsi, sottolineando l'urgenza della crisi che il nostro Pianeta sta affrontando. Lo scorso anno solo il Regno Unito ha raggiunto le temperature più elevate di sempre e i timori dell'opinione pubblica sono al massimo “con il tripudio di attivismo scoppiato nel 2019 e che continua a bruciare in tutto il 2020”. Ma gli investitori stanno “iniziando a mantenere le loro promesse” e alcune “delle più grandi imprese del mondo stanno agendo e rendendo conto delle loro azioni per il clima”. Sono le parole di Stuart Lemmon, ceo...
Nella Top10 internazionale che raccoglie le aziende con le migliori prestazioni in termini di sostenibilità si posiziona al primo posto il Cac40, con un punteggio medio del 62%, seguito dall'Ibex35 con il 60%. Il Ftse100 resta indietro con il 50%, sebbene vanti la seconda società con il punteggio più elevato. Infatti, al primo posto si posiziona Microsoft (Dow30) con un punteggio del 93,8%, seguito da Unilever (Ftse100) con il 92,4% e Acciona (Ibex 35) con il 91,0%. Alla quarta e alla quinta posizione si attestano Bt e Landsec, rispettivamente con l'88,2% e l'86,1%, entrambe appartenenti al Ftse100. In particolare, spiegano i ricercatori, le società con i punteggi più elevati non solo stanno completamente divulgando informazioni relative alla loro impronta di carbonio e riducendo attivamente le loro emissioni, ma stanno anche coinvolgendo i loro consumatori e fornitori, nonché gli stakeholder chiave, al fine di incoraggiare comportamenti sostenibili lungo l'intera catena del valore. L'unica nota dolente riguarda il Ftse100, dove resta un divario di prestazioni preoccupante tra le aziende, con punteggi che vanno dallo 0 al 92%, indice del fatto che la performance complessiva dell'indice continui a essere sostenuta dalle imprese con punteggi migliori, mentre quelle con punteggi inferiori non riuscirebbero ancora a intensificare le proprie azioni e ad affrontare i crescenti rischi legati al cambiamento climatico.

Caro lettore,
per continuare ad informarti con i nostri contenuti esclusivi accedi o registrati GRATUITAMENTE!

Solo così potrai:

  • Continuare ad informarti grazie ai nostri contenuti come articoli, guide e white papers, podcast, dirette
  • Richiedere di essere contattato da un esperto
  • Fare una domanda sulla gestione del tuo patrimonio ed entrare in contatto con i migliori e esperti del settore GRATUITAMENTE
  • E tanto altro ancora

Cosa vorresti fare?

X
I Cookies aiutano a migliorare l'esperienza sul sito.
Utilizzando il nostro sito, accetti le condizioni.
Consenti