Francis Bacon, la potenza del trittico da 84 milioni

Tempo di lettura: 2'
Bacon trova nel trittico una compiutezza compositiva che è un costante ritorno. 28 le sue opere prodotte in questa forma, ambitissime dai collezionisti. Come l'ultima, aggiudicata per più di 84 milioni sonanti di dollari
Eseguito nel 1981, all'apice della sua prodigiosa carriera, il Trittico ispirato all'Oresteia di Eschilo - che recentemente è stato venduto da Sotheby's New York ad oltre 84 milioni di dollari - è uno dei soli 28 trittici su larga scala nell'opera di Bacon - quasi la metà dei quali risiede nelle collezioni permanenti dei musei nel mondo.
As for my latest triptych and a few other canvases painted after I re-read Aeschylus …. I
could not paint Agamemnon, Clytemnestra or Cassandra, as that would have been merely
another kind of historical painting ...Therefore, I tried to create an image of the effect that
was produced inside me.
Francis Bacon, Homage to Bacon, Tate 2008
L'opera, presentata in asta a fine giugno, proveniva dal Museet Astrup Fearnley, ed è stata custodita nella collezione del museo per oltre trent'anni. Il quadro era di proprietà del collezionista norvegese Hans Rasmus Astrupt che lo acquistò nel 1987. La grande tela tripartita traccia magistralmente in pittura tre fasi tragiche dell'agonia di un uomo. Triptych Inspired by the Oresteia of Aeschylus ha una bibliografia e una storia espositiva ricchissima.

E' incluso in quasi tutte le principali mostre su Bacon, sin dalla sua esecuzione, dalla Tate Gallery di Londra, al Prado di Madrid, dal Metropolitan Museum al Museum of Modern Art di New York, dal Museo Hirshhorn al Giardino delle sculture di Washington, DC, dal Museo d'Arte di Los Angeles, alla Galleria Borghese di Roma, dalla Fondation Beyeler di Basilea alla recente mostra al Centre Georges Pompidou di Parigi, Bacon en toutes lettres.

I trittici di Bacon rappresentano, come è noto, il vertice della sua ricerca e a “loro” l'artista è tornato più volte, nel corso della sua vita. Tra il 1962 e il 1991 Bacon dipinge, come si è detto, 28 trittici in diverse scale, affascinato dalla potenza e insieme dalla compiutezza compositiva che questo formato gli offre. Profondamente consapevole della valenza simbolica del numero tre nella cristianità - la scelta per questo formato riflette tuttavia un più ampio ambito d'ispirazione.

Nel trittico in oggetto è la mitologia greca il riferimento letterario e non solo. Dal 2008 a questa parte solo tre trittici sono apparsi in asta e tutti sono stati aggiudicati ad oltre 80 milioni di dollari. Il quadro ispirato all'Odissea di Eschilo, tra i masterpiece del pittore irlandese è stato “teatralmente” scelto il 29 giugno 2020 - ancora in piena pandemia, soprattutto negli Usa - per dare al collezionismo internazionale il messaggio forte di come l'online non sia solo un format per il mercato “minore” e medio. Oltre 20.000 persone hanno seguito l'asta sulla piattaforma, mentre Olly Barker auctioneer della vendita teneva a bada il bidding di tre grandi schermi che rimandavano gli esperti di arte contemporanea ai telefoni con i compratori da HK, Londra e New York, oltre alle offerte online grazie a Bid Now.

Cosa vorresti fare?

X
I Cookies aiutano a migliorare l'esperienza sul sito.
Utilizzando il nostro sito, accetti le condizioni.
Consenti