Arte in pezzi: quando l'investimento è collettivo

Teresa Scarale
Teresa Scarale
16.11.2018
Tempo di lettura: 3'
È per amore dei nuovi collezionisti, magari Millennials, che "l'arte in pezzi" sta facendosi strada. Ne è convinto l'avvocato tributarista Alessandro Montinari, che ha raccontato a We Wealth gli aspetti dell'art sharing

Quale può essere il valore di acquistare un'opera non nella sua interezza

Gli esiti dell'acquisto e il trattamento fiscale dei proventi

Come può essere classificato questo prodotto di investimento e a chi interessa

L'intervista Cosa sono gli acquisti di arte pro-quota? Vengono praticati? Gli investimenti collettivi in arte rappresentano una forma di impiego del capitale in grado di suscitare curiosità e un pizzico di fascino. Il tema è attuale visto il recente caso di “Habemus Hominem”, l'opera dell'artista Jago del valore di Euro 205.000 messa in vendita per quote in occasione dell'ultima edizione di Paratissima a Torino (chiusa il 4 novembre 2018) e tutt'ora in vendita on line[1].Habemus Hominem – Il papa è nudo. ...
caporedattore

Caro lettore,
per continuare ad informarti con i nostri contenuti esclusivi accedi o registrati GRATUITAMENTE!

Solo così potrai:

  • Continuare ad informarti grazie ai nostri contenuti come articoli, guide e white papers, podcast, dirette
  • Richiedere di essere contattato da un esperto
  • Fare una domanda sulla gestione del tuo patrimonio ed entrare in contatto con i migliori e esperti del settore GRATUITAMENTE
  • E tanto altro ancora

Cosa vorresti fare?

X
I Cookies aiutano a migliorare l'esperienza sul sito.
Utilizzando il nostro sito, accetti le condizioni.
Consenti