Venture capital: investimenti ai massimi da 5 anni

Virginia Bizzarri
Virginia Bizzarri
25.2.2021
Tempo di lettura: 3'
Con 569 milioni di euro, il 2020 si è rivelato l'anno migliore dell'ultimo quinquennio in termini di investimenti per il venture capital italiano. I risultati del Venture capital barometer di EY

Nel 2020 la raccolta complessiva di capitali da parte delle startup e scaleup italiane è stata pari a 569 milioni di euro

La Lombardia si conferma al primo posto per numero di operazioni (55) e raccolta complessiva (391,6 milioni di euro)

Fintech, health e life science, food and beverage, software & digital services, transportation and delivery hanno raccolto oltre il 78% dei capitali vc investiti nel corso del 2020

Il venture capital italiano resiste alla pandemia e si porta a casa un anno di importanti risultati. A confermalo sono i dati contenuti all'interno dell'EY Venture capital barometer 2020, diffuso il 24 marzo. Stando al report, con 569 milioni di euro il 2020 è stato infatti l'anno migliore dell'ultimo quinquennio in termini di finanziamenti complessivamente raccolti da startup e scaleup italiane da fondi di venture capital, nonostante una riduzione del 37% del numero di deal (111 contro i 175 del 2019).
Si tratta di un balzo del 55% rispetto al 2019, anno in cui la raccolta si era attestata a 367 milioni di euro. “Il 2020 ha visto una buona crescita degli investimenti di venture Capital. Dal 2016 ad oggi il tasso di crescita annuale medio è stato nell'ordine del 25%”, ha dichiarato Marco Daviddi, mediterranean leader dell'area strategy and transactions di EY.

In crescita anche il ticket medio per investimento, che è passato da 2,1 a 5,1 milioni di euro per round. A fronte di un raddoppio nel numero delle operazioni con una raccolta di capitale superiore ai 10 milioni di euro, il barometro ha registrato una forte contrazione (oltre il 100%) del numero di round relativi alle fasi pre-seed, seed ed early VC rispetto al 2019. A livello geografico, la Lombardia si conferma come la regina indiscussa sia per numero di operazioni (55) che per raccolta complessiva, pari a 391,6 milioni di euro (il 68,8% del totale). Seguono il Piemonte, con 10 deal e 46,6 milioni di investimenti (pari al 8,2% del totale) e il Lazio, con 11 operazioni e 29,3 milioni di euro di raccolta (5,1% del totale). Guardando ai diversi settori, con 173,4 milioni di euro raccolti nel 2020, il fintech è in testa alla classifica per valore degli investimenti. A fare la parte del leone è stato il round di serie C da 93 milioni chiuso a novembre dalla fintech Satispay. Seguono health e life science (101,8 milioni), food and beverage (66,1 milioni), software & digital services (58,9 milioni) e transportation and aelivery (43,4 milioni). In totale, le aziende innovative appartenenti a questi 5 settori hanno raccolto oltre il 78% dei capitali vc investiti lo scorso anno nel Bel Paese.

“A un anno di distanza dall'avvio dell'emergenza covid-19 nel nostro Paese, possiamo dire che l'ecosistema nazionale dell'innovazione ed in particolare delle startup abbia vinto la sfida più grande: restare competitivo in un nuovo scenario, segnato da grandi sconvolgimenti ma anche grandi opportunità” ha commentato Massimiliano Vercellotti, Emeia EY Private Deputy and Assurance Leader.

Cosa vorresti fare?

X
I Cookies aiutano a migliorare l'esperienza sul sito.
Utilizzando il nostro sito, accetti le condizioni.
Consenti