Wealth management, 8 fattori per conquistare i Millennials

Francesca Conti
Francesca Conti
11.9.2019
Tempo di lettura: 3'
Entro il 2046 i Millennials erediteranno circa 30 mila miliardi di dollari di ricchezza. Ma oggi solo il 40% è soddisfatto dei servizi di wealth management. Come devono comportarsi i consulenti? Uno studio di Simon-Ku...

Il 60% dei ricchi Millennials non è soffisfatto dei propri servizi di wealth management e, di conseguenza, non è “fedele” alle società di gestione del patrimonio

L'80% dei giovani Hnwi si sta già rivolgendo o sta pensando di rivolgersi al fintech per gestire la propria ricchezza

Uno dei motivi alla base della mancata fidelizzazione dei Millennials è la sfiducia nella trasparenza sui costi di gestione dei propri portafogli

Entro il 2046 i baby boomers - la generazione nata tra il 1946 e il 1964 - avrà trasferito circa 30.000 miliardi di dollari alla generazione dei Millennials - i nati tra il 1981 e il 1996. Ed entro il 2020 i Millennials costituiranno il 50% della forza lavoro globale. I numeri parlano chiaro: la gestione patrimoniale non potrà ignorare i clienti più giovani. Dovrà anzi conquistarla, considerando che gli obiettivi e gli interessi in materia di risparmio e patrimonio possono discostarsi anche di molto da quelli delle generazioni precedenti. Non è così semplice. Uno studio di Simon-Kucher & Partners condotto a livello globale mostra infatti che so...

Caro lettore,
per continuare ad informarti con i nostri contenuti esclusivi accedi o registrati GRATUITAMENTE!

Solo così potrai:

  • Continuare ad informarti grazie ai nostri contenuti come articoli, guide e white papers, podcast, dirette
  • Richiedere di essere contattato da un esperto
  • Fare una domanda sulla gestione del tuo patrimonio ed entrare in contatto con i migliori e esperti del settore GRATUITAMENTE
  • E tanto altro ancora

Cosa vorresti fare?

X
I Cookies aiutano a migliorare l'esperienza sul sito.
Utilizzando il nostro sito, accetti le condizioni.
Consenti