Tail Risk: nasce il fondo per contrastare gli shock di mercato

Teresa Scarale
Teresa Scarale
5.6.2018
Tempo di lettura: 3'
Algebris Investments, società globale di gestione del risparmio, ha lanciato lo scorso 1° giugno 2018 l'Algebris Tail Risk Fund contro gli shock. Il fondo vuole offrire una strategia vantaggiosa in termini di diversificazione per investitori con portafogli più tradizionali e long-only, in un contesto macroeconomico in cui i prezzi degli attivi possono essere distorti

Perché nasce Tail, il nuovo prodotto di Algebris Investments. Negli ultimi anni gli investitori sono passati a investimenti più rischiosi; sono aumentati poi i comportamenti imitativi, e la liquidità è peggiorata. Per questo motivo, la fragilità delle economie e dei sistemi finanziari è aumentata

Quali saranno i suoi meccanismi di funzionamento. Il fondo investirà in un portafoglio diversificato di coperture sugli attivi più fragili

I commenti del responsabile di gestione Alberto Gallo e dell'Ad e fondatore di Algebris Davide Serra

Il nuovo prodotto


Tail nasce quindi per l'esigenza di limitare distorsioni nei prezzi degli attivi. Ma anche la volontà di ridurre il bias nella struttura del mercato e nella distribuzione delle risorse è alla base della nascita di Algebris Tail Risk Fund. Non è un caso infatti che il fondo nasca dopo dieci anni di quantitative easing e di allentamento della politica monetaria. E' di proprietà per l'appunto di Algebris Investments, società globale di gestione del risparmio. A gerstirlo sarà Alberto Gallo, responsabile per le strategie macro. Il gestore sarà supportato nel suo lavoro dalla squadra di esperti in scenari macroeconomici. Il fondo Tail ha iniziato a trattare lo scorso 1° giugno 2018.

I rischi cui fa fronte Tail


E' un fatto che negli ultimi anni gli investitori siano passati a investimenti più rischiosi. Sono aumentati poi i comportamenti "imitativi", e la liquidità delgi asset è peggiorata.
E' per questo motivo che è aumentata la fragilità delle economie e dei sistemi finanziari. I mercati finanziari sono passati da periodi di calma a shock improvvisi. Con crisi specifiche anche a seconda del paese, come ad esempio hanno mostrato i recenti avvenimenti nei mercati emergenti e nell'eurozona. Nelle intenzioni, l'Algebris Tail Risk Fund è stato dunque concepito per aiutare gli investitori a contrastare questi shock. Il fondo investirà in un portafoglio diversificato di coperture sugli attivi più fragili. La procedura sarà quindi quella di identificare i rischi macroeconomici a livello globale. Si implementeranno poi posizioni corte su tassi, credito, azioni, valute e materie prime, parzialmente finanziate da un portafoglio di posizioni lunghe speculative.

I commenti


Alberto Gallo ha commentato quanto segue. "L'allentamento della politica monetaria da parte delle banche centrali ha portato a una ripresa economica. Ma ha reso i mercati finanziari più fragili e binari. La mancanza di liquidità, la prolungata ricerca di rendimento e la proliferazione di strategie passive creano una situazione che aggrava i rischi di correzioni improvvise di mercato".

L'amministratore delegato e fondatore di Algebris, Davide Serra, ha aggiunto: "Pensiamo che questa strategia offra vantaggi unici in termini di diversificazione per investitori con portafogli più tradizionali e long-only. Rappresenta al tempo stesso un costo ridotto in condizioni di mercati stabili".
caporedattore

Cosa vorresti fare?

X
I Cookies aiutano a migliorare l'esperienza sul sito.
Utilizzando il nostro sito, accetti le condizioni.
Consenti