Nel 2018 in Europa deflussi dai fondi per 129 miliardi. Reggono gli Etf

Livia Caivano
Livia Caivano
4.2.2019
Tempo di lettura: 5'
L'industria europea dei fondi, dopo sei anni di raccolta positiva, nel 2018 ha subito una forte battuta di arresto. Rimangono positivi i dati relativi alla gestione passiva: così come successo durante le grandi crisi finanziarie del passato, gli Etf mantengono il trend positivo di crescita

I fondi comuni di investimento in Europa nel 2018 hanno registrato deflussi netti per 129,2 miliardi di euro

I fondi di investimento misto (+12,9 miliardi di euro) sono stati il tipo di attività individuale più venduta nel complesso

Equity Global (+26,5 miliardi di euro) è stato il settore più venduto tra i fondi a lungo termine per il 2018

BlackRock, con un fatturato netto di 25,4 miliardi, è stato il promotore del fondo più venduto per l'anno 2018, in netto distacco da Aviva (+18,4 miliardi) e Ubs (+11,5 miliardi)

Il settore dei fondi comuni europei ha registrato deflussi per 129,2 miliardi di euro nel 2018 dopo sei anni consecutivi di flussi in crescita. Il calo, secondo quanto riportato dall'analisi di Refinitiv, è principalmente dovuto alle discussioni su una possibile guerra commerciale tra Stati Uniti e Cina, oltre che al possibile ritorno della crisi dell'euro causato dagli sviluppi in Italia e Francia, e un contesto di tassi di interesse in aumento negli Stati Uniti. Nonostante però l'ambiente tendenzialmente negativo, alcuni promotori di fondi hanno comunque potuto beneficiare di flussi significativi.

Asset under Management nel settore dei fondi europei


Il patrimonio gestito nel settore dei fondi europei è diminuito da 10,4 mila miliardi di euro a 9,9 mila nel corso dell'anno 2018. Tale calo è stato determinato principalmente dall'andamento dei mercati sottostanti (-417,3 miliardi), mentre le vendite nette hanno generato deflussi di 129,2 miliardi.

L'industria europea degli Etf ha visto crescere la sua popolarità presso tutti i tipi di investitori. Questa popolarità si legge dai dati relativi alle vendite nette (+42,2 miliardi), quando il risparmio gestito passa da 656,8 miliardi a fine dicembre 2017 a 633,1 miliardi a fine 2018. Gli Etf hanno registrato afflussi per 42,2 miliardi di euro: il dato precisa Refinitiv, non stupisce più di tanto, perché anche durante le crisi finanziarie degli ultimi anni la gestione passiva aveva dato buoni risultati (+52,8 miliardi nel 2008 e +16,7 miliardi nel 2011).
2018-deflussi-fondi-comuni-129-miliardi-reggono-etf_1

Tipologie di asset


Un'analisi più dettagliata per tipo di asset rivela che non tutte le tipologie hanno subito deflussi nel 2018. I fondi comuni di asset misti (+12,9 miliardi di euro) sono stati il tipo di asset più venduto, seguiti da altri fondi (+7,8 miliardi di euro), fondi immobiliari (+6,8 miliardi di euro) e fondi su materie prime (+2,4 miliardi di euro). Per quanto riguarda il mutevole contesto dei tassi d'interesse, non sorprende che i fondi obbligazionari (109,2 miliardi di euro) siano il tipo di attività con i maggiori deflussi. Questi flussi di fondi hanno totalizzato deflussi netti complessivi di 129,3 miliardi in fondi di investimento a lungo termine per l'anno 2018. Questi dati potrebbero indicare che gli investitori europei hanno ridotto il rischio nei loro portafogli vendendo obbligazioni, alternative e azioni. D'altra parte, hanno acquistato prodotti piuttosto conservativi che potrebbero aiutarli a diversificare ulteriormente i loro portafogli.

Il segmento Etf europeo ha mostrato dinamiche diverse in relazione alla raccolta netta, poiché gli azionari hanno registrato i maggiori flussi netti (+27,5 miliardi) per l'anno 2018, seguiti da obbligazionari (+14,6 miliardi), Etf del mercato monetario (+1,3 miliardi), asset misti (+ 0,4 miliardi) e Etf alternativi di Ucits (+0,04 mld), mentre gli Etf commodity (-0,3 miliardi) e gli "altri" (-1,3 miliardi) hanno fronteggiato deflussi. Questi flussi potrebbero indicare che gli investitori europei preferiscono le caratteristiche dei prodotti degli Etf (trasparenza e liquidità) quando investono in obbligazioni e azioni in condizioni di mercato incerte.

Flussi di fondi in prodotti del mercato monetario


Poiché gli investitori europei hanno venduto fondi comuni di investimento a lungo termine, un passaggio ai fondi del mercato monetario sarebbe stato un passo logico, poiché questi prodotti sono considerati i cosiddetti prodotti di rifugio sicuro. Detto questo, è stato sorprendente che la raccolta netta in prodotti del mercato monetario (+0,1 miliardi) nel 2018 sia stata piuttosto timida.

Asset under Management dei Promoters


Uno sguardo più approfondito al patrimonio gestito nel settore dei fondi comuni europei mostra che BlackRock (735,7 miliardi di euro) è stato di gran lunga il migliore promotore di fondi in Europa, seguito da Amundi (331,7 miliardi di euro), Jp Morgan (295,1 miliardi di euro), Ubs (275,0 miliardi di euro) e Deutsche Bank (265,6 miliardi di euro).

BlackRock, con un fatturato netto di 25,4 miliardi di euro, è stato il promotore del fondo più venduto per l'anno 2018, ben prima di Aviva (+18,4 miliardi) e Ubs (+11,5 miliardi).

Considerando le basi delle singole attività, Ubs (+10,1 miliardi di euro) è stato il promotore più venduto di fondi obbligazionari per il 2018, seguito da Vanguard Group (+ 5,3 miliardi di euro), BlackRock (+ 3,8 miliardi di euro), Bank of America (+ 3,0 miliardi di euro), e Ashmore (+ 2,9 miliardi di euro).

Cosa vorresti fare?

X
I Cookies aiutano a migliorare l'esperienza sul sito.
Utilizzando il nostro sito, accetti le condizioni.
Consenti