Wall Street e l'ascesa degli investitori retail

Lorenzo Magnani
Lorenzo Magnani
9.3.2021
Tempo di lettura: 5'
La marcia dell'armata retail non accenna a fermarsi. Giovani, con pochi soldi: ecco l'identikit degli investitori privati che grazie alle nuove app di investimento stanno trasformando i mercati

Il Financial Times ha analizzato l'ascesa degli investitori privati, che ha tenuto banco sui giornali con il caso GameStop, che grazie alle app di trading sono sempre più connaturati ai mercati

Bloomberg Intelligence, stima che gli investitori al dettaglio ordinari abbiano rappresentato in media il 23% di tutte le negoziazioni di azioni statunitensi nel 2021, più del doppio del livello del 2019

Mediamente l'investitore amatoriale ha un età media di 31 anni ed ha a disposizione una cifra compresa tra i mille dollari e i 5 mila dollari

Che cos'è il mercato azionario? Cos'è l'S&P 500? No: non sono le domande che i bambini rivolgono ai propri genitori ai notiziari economici. Sono invece i quesiti che rimandano alle omonime pagine educative più visitate sul sito web di Robinhood, la app di trading che sta spopolando in tutta America, e che muove sempre più i mercati. Gli amatori, spesso insipienti, sono ormai un dato di fatto che Wall Street non può più ignorare. Alcune regole dei mercati sono già state riscritte. Dopo il caso Gamestop gli hedge fund ci penseranno due volte ad aprire una posizione al ribasso.

Le fasi dell'onda privata del 2020


I lockdown, il maggiore tempo a disposizione, la noia conseguente in concomitanza ai mercati che salivano hanno portato sui mercati una nuova popolazione di investitori. L'impatto del “denaro stupido” è stato sottovalutato dai cultori del mestiere, i quali erano sicuri, e forse lo sono tutt'ora, che un ribasso avrebbe fatto incetta di investitori inesperti. Certi che “i mercati possono solo salire” le nuove matricole sono saliti sui carri tematici del momento, per anticipare il futuro. La scorsa primavera hanno puntato sulla "riapertura del commercio", acquistando azioni di compagnie aeree come Delta e operatori di navi da crociera come Carnival nell'aspettativa - o nella speranza - che le condizioni di blocco si sarebbero risolte rapidamente. Poi sono passati ai grandi titoli tecnologici, rappresentando in alcune settimane metà del trading su Apple. La grande spinta successiva sono state le azioni di veicoli elettrici come Tesla, e poi gli investimenti sostenibili con l'avvicinarsi delle elezioni statunitensi, scommettendo sulla probabilità di un'amministrazione Biden alla Casa Bianca. Infine, gennaio ha portato l'assalto rialzista su nomi fortemente allo scoperto come GameStop e l'operatore cinematografico AMC, cambiando per sempre il gioco dei venditori allo scoperto.

Investimenti a portata di click


Credit Suisse stima che quest'anno gli investitori amatoriali abbiano rappresentato un terzo di tutte le negoziazioni del mercato azionario statunitense. Guardando i numeri delle società di brokeraggio del momento, la crescita è certa. Robinhood conta attualmente circa 13 milioni di utenti. La società di analisi Apptopia afferma che la sua app è stata scaricata 3,4 milioni di volte solo nel gennaio di quest'anno. Il forum r / WallStreetBets su Reddit che ha guidato la carica di GameStop ora vanta 9,4 milioni di membri - o "degenerati", come si chiamano loro stessi - cinque volte dall'inizio dell'anno e più di 10 volte dall'inizio del 2020 Ma anche le agenzie di intermediazione tradizionali attirano ancora folla. Anche nomi del calibro di Charles Schwab, Interactive Brokers ed E * Trade hanno aggiunto milioni di nuovi conti di trading lo scorso anno. Fidelity da sola ha aggiunto 3,7 milioni nel 2020, secondo il suo rapporto annuale.

Anatomia del retail trader


Un sondaggio di Deutsche Bank ha rilevato che quasi la metà degli investitori al dettaglio statunitensi erano completamente nuovi sui mercati lo scorso anno. Sono giovani, per lo più sotto i 34 anni. E sono aggressivi: molto più disposti di quelli con maggiore esperienza nei mercati azionari a prendere in prestito per finanziare le loro scommesse, a fare un uso massiccio delle opzioni per aumentare le scommesse sulle azioni e a strumento di ricerca per trovare idee di trading.  Rispetto agli anni '90 - l'ultimo grande momento per la speculazione amatoriale che si è conclusa con il boom e il fallimento delle dotcom – l'anatomia dell'investitore amatoriale è diversa. Allora l'investitore medio retail aveva 50 anni e aveva circa $47.000 con cui giocare. Ora è più giovane, ha circa 31 anni e ha meno da investire: tra i $1.000 e $5.000.

Gli investitori privati hanno superato i fondi d'investimento


A Wall Street stanno iniziando a convincersi che questo boom della vendita al dettaglio si dimostrerà probabilmente più duraturo rispetto ai precedenti episodi. Larry Tabb, un veterano dei mercati, analista presso Bloomberg Intelligence, stima che gli investitori retail ordinari abbiano rappresentato in media il 23% di tutte le negoziazioni di azioni statunitensi nel 2021, più del doppio del livello del 2019. Ciò significa che la loro impronta sul mercato azionario è all'incirca della stessa grande di hedge fund e fondi comuni di investimento messi insieme. Ma i riflessi di questo fenomeno non sono solo quantitativi. La capacità di scambiare frazioni di azioni, le interfacce utente e la velocità di connessione migliorate, l'accesso più economico e più facile alla leva finanziaria e la crescita dei social media sono fattori che portano a dire che di retail trader si sentirà parlare ancora a lungo.

Cosa vorresti fare?

X
I Cookies aiutano a migliorare l'esperienza sul sito.
Utilizzando il nostro sito, accetti le condizioni.
Consenti