Vivere e lavorare all'estero: cosa pensano gli espatriati di Roma e Milano?

foto digitale - Nicola Dimitri
Nicola Dimitri
1.12.2021
Tempo di lettura: 3'
Lavorare all'estero significa fare i conti non solo con il luogo di lavoro ma anche con l'ambiente circostante, che influisce significativamente sull'esperienza lavorativa complessiva del lavoratore

Costo della vita, difficoltà a trovare alloggi di buona qualità, orari di lavoro prolungati incidono negativamente sul posizionamento di Roma e Milano nella classifica delle città migliori per gli expatriates

Milano e Roma sono agli ultimi posti nell’indice delle città migliori in cui un espatriato ambisce a trasferirsi

Qualità e costo della vita, accessibilità degli alloggi, prospettive lavorative e di vita sociale. Questi sono solo alcuni tra i principali fattori che gli espatriati considerano importanti quando si tratta di individuare un luogo, ubicato al di fuori dei propri confini nazionali, dove trasferirsi per motivi di carriera o di impiego.
Ogni anno InterNations, la più grande comunità di espatriati al mondo, pubblica il report Expat City Ranking 2021, in cui stila la classifica, a seguito di un sondaggio condotto su oltre 12.000 espatriati in tutto il mondo, delle migliori e peggiori città dove trasferirsi per lavorare.

Ebbene, anche due città italiane sono presenti all'interno di questa graduatoria. Contrariamente alle aspettative però, che in linea di massima portano a credere che l'Italia sia un posto molto ambito dove trasferirsi per lavoro (stante la qualità della vita), queste due grandi città italiane occupano gli ultimi posti di gradimento.

Si tratta di Roma e Milano: rispettivamente, la capitale politica e la capitale industriale e finanziaria del Paese.

E invero, scorrendo le posizioni della classifica anzidetta si scopre che Milano è la penultima città (56° posto su 57) quanto a indice di gradimento, mentre Roma è votata come la peggiore capitale del mondo per gli espatriati (57° posto su 57). Entrambe le città, dunque, coprono gli ultimi posti dell'Expat City Ranking: gli espatriati si dicono insoddisfatti, soprattutto, delle scarse opportunità di carriera, della bassa sicurezza del lavoro e degli orari prolungati di impiego richiesti dai datori. Fattore, quest'ultimo, che impegna i dipendenti al di sopra della media delle altre città.

Più nel dettaglio, il 67% degli espatriati si dice insoddisfatto dell'esperienza lavorativa e di vita passata a Roma. La capitale italiana, infatti, benché sia messa (leggermente) meglio di Milano quanto a costo della vita, è penalizzata dallo scarso servizio di mobilità urbana e della qualità degli alloggi.
Ma quali sono le città che, invece, ricoprono i posti più alti della classifica?

Premesso che a fare compagnia a Milano e Roma nella parte bassa dell'indice di gradimento ci sono Johannesburg (55°), Istanbul, Tokyo, Il Cairo, Parigi, Maastricht, Mosca e New York (48°) - ritenute tra le peggiori città del mondo in cui trasferirsi per lavoro -, l'Expat City Ranking, che si basa sul sondaggio svolto su oltre 12 mila espatriati che rappresentano 174 nazionalità diverse e vivono in 186 paesi differenti, individua tra le prime 10 migliori città: Kuala Lumpur (1°), Malaga, Dubai, Sydney, Singapore, Ho Chi Minh City, Praga, Città del Messico, Basilea e Madrid (10°).

Come si può notare, dunque, la Spagna annovera due città ai vertici della classifica. Malaga al 2° posto e Madrid al 10°.

A Malaga e Madrid il costo della vita è diffusamente considerato più basso che in altre città europee; gli alloggi si trovano facilmente e sono economici e la vita sociale è molto attiva. In questo senso, anche un lavoratore straniero che fa orari di lavoro molto serrati si dice soddisfatto delle opportunità di socializzare e fare nuove amicizie. Il 92% degli espatriati è soddisfatto del clima di Madrid, degli eventi culturali, dell'assistenza sanitaria offerta e dell'apertura delle persone locali.
Redattore e coordinatore dell'area Fiscal & Legal di We Wealth. In precedenza ha lavorato nell'ambito del diritto tributario e della fiscalità internazionale presso primari studi legali

Cosa vorresti fare?

X
I Cookies aiutano a migliorare l'esperienza sul sito.
Utilizzando il nostro sito, accetti le condizioni.
Consenti