Materie prime, in borsa il futuro è dalla loro parte

Lorenzo Magnani
Lorenzo Magnani
24.11.2021
Tempo di lettura: 2'
Le materie prime hanno fornito rendimenti stellari finora quest'anno. Anche se è improbabile che si ripetano nel 2021, ci sono diversi fattori a sostegno di ulteriori rialzi nei prossimi anni

Le materie prime hanno performato particolarmente bene quest'anno, guadagnando oltre il 30% e classificandosi come l'asset class con il miglior rendimento del 2021

Nonostante le prospettive a breve non siano delle migliori, il cio di Ubs Wm  vede una serie di fattori strutturali che dovrebbero fornire venti di coda per le materie prime nei prossimi anni

Dopo anni di prestazioni poco brillanti, quest'anno le materie prime hanno fornito rendimenti stellari, guadagnando oltre il 30% e classificandosi come l'asset class con la migliore performance del 2021. Anche se è probabile che i guadagni futuri dei prezzi siano più modesti. Una serie di fattori strutturali - dal cambiamento climatico al sotto-investimento - probabilmente forniranno venti di coda strutturali per le materie prime nei prossimi anni. A fare il punto sul tema è l'ultimo report di Ubs Wealth Management.
Il rimbalzo dell'economia globale dopo il crollo del primo semestre del 2020 ha spinto gli indici delle materie prime, come il Bloomberg Commodity (BCOM) e l'UBS Bloomberg CMCI total return, ai livelli più alti dal 2014. Oltre al forte aumento ciclico della domanda di risorse naturali, ci sono stati altri fattori a sostegno dei prezzi. Le persistenti sfide che hanno interessato l'offerta, che vanno dalla pandemia ai sotto-investimenti, passando per le interruzioni delle catene di approvvigionamento - hanno accelerato l'impennata. Quasi tutte le materie prime sono ora scambiate ben al di sopra dei loro costi marginali di produzione. Di conseguenza, e con una crescita economica globale che probabilmente si stabilizzerà, Ubs Wm si aspetta che i rendimenti futuri siano più moderati rispetto al 2021. Ma concentrandosi solo sui fattori ciclici, se gli investitori probabilmente si perderanno gli aspetti positivi strutturali chiave per le materie prime che sono venuti alla ribalta dopo la pandemia.
In termini di driver dei prezzi delle commodity, l'aumento strutturale della domanda da parte delle economie emergenti al di fuori della Cina, in particolare l'India, è un primo fattore importante. A ciò si aggiungono gli sforzi del mondo per raggiungere le emissioni nette di carbonio richiedono inoltre maggiori investimenti in infrastrutture - soprattutto in Europa, Stati Uniti e Giappone - che dovrebbero portare a una maggiore domanda di molti metalli industriali: in primis rame, nichel, litio, cobalto, alluminio e gas naturale. Inoltre, non è detto che l'offerta si espanda in futuro. Il sotto-investimento nell'esplorazione dei combustibili fossili e nella capacità estrattiva negli ultimi anni potrebbe mantenere i prezzi a livelli alti anche nei prossimi anni. Le condizioni meteorologiche, nel frattempo, infine stanno danneggiando l'offerta agricola e zootecnica, così come altri settori come quello energetico.

Per posizionarsi per il decennio a venire, Ubs Wm consiglia agli investitori di strutturare la loro esposizione alle materie prime sulla base di tre pilastri: a livello di collaterale preferire alla liquidità il reddito fisso legato all'inflazione, implementare un quadro per gestire dinamicamente le oscillazioni dei prezzi e avere una strategia settoriale attiva per beneficiare della diverse traiettorie di ciascun settore.

Cosa vorresti fare?

X
I Cookies aiutano a migliorare l'esperienza sul sito.
Utilizzando il nostro sito, accetti le condizioni.
Consenti