Italia: investitori più ottimisti su economia e azionario – We Wealth

Virginia Bizzarri
Virginia Bizzarri
27.1.2021
Tempo di lettura: 3'
Aumenta l'ottimismo degli investitori italiani sulle prospettive economiche del Paese e sui i mercati azionari. I risultati della nuova edizione dell'Ubs Investor Sentiment

Il 71% degli investitori italiani è ottimista sull'economia del Bel Paese nel breve periodo (12 mesi)

Il 70% si dichiara ottimista nei confronti del mercato azionario nei prossimi sei mesi

L'81% degli intervistati ritiene che gli investimenti sostenibili siano molto importanti

Tra la corsa al vaccino e i risultati delle elezioni Usa, gli investitori e gli imprenditori a livello globale mostrano un maggiore ottimismo circa le prospettive economiche del proprio paese e per quanto riguarda i mercati azionari. Un clima di fiducia che si riflette anche nel panorama italiano. A svelarlo è la nuova edizione del report Investor Sentiment, realizzato da Ubs su un campione di oltre 4 mila investitori e imprenditori in 14 mercati a livello globale tra fine dicembre 2020 e gennaio 2021.

Focalizzandoci sul Bel Paese, il sentiment nei confronti dell'economia italiana sul breve periodo (12 mesi) è ottimista per il 71% degli investitori italiani intervistati (+10% rispetto al trimestre precedente), neutrale per il 18% (-6%) e pessimista per l'11% (-4%). Ma gli investitori sono più fiduciosi anche sull'andamento del mercato azionario nei prossimi sei mesi. Se da un lato, su questo fronte, il 21% si dichiara neutrale e il 9% pessimista, dall'altro, ben il 70% si dichiara ottimista (+12% rispetto al trimestre precedente), una percentuale superiore rispetto alla media europea (esclusa la Svizzera) pari al 64%.


In questa particolare fase storica gli italiani esprimono a gran voce la necessità di avere al loro fianco un consulente, con 9 investitori su 10 che si dichiarano alla ricerca di un parere esperto “oggi più che mai”. Stando all'indagine, la maggiore preoccupazione evidenziata degli investitori è il Covid-19 (54%), seguita dal debito nazionale (52%). Al terzo posto c'è il cambiamento climatico (50%). Non a caso, 4 investitori su 5 (81%) ritengono che gli investimenti sostenibili siano molto importanti, con il 66% che sta cercando di aumentare questo tipo di investimenti. Ma quali sono le principali motivazioni? Per il 45% degli intervistati gli investimenti sostenibili offrono opportunità aggiuntive, il 42% lo fa per diversificare il portafoglio, mentre il 41% crede che sia meglio per il rischio e il rendimento. In particolare, 9 su 10 si aspettano che i rendimenti da questi investimenti siano uguali (30%) o migliori (57%).





“L'ottimismo di investitori e imprenditori italiani è in aumento, anche sulla base di un graduale ritorno alla normalità previsto per i prossimi mesi. Tuttavia, non sarà facile lasciarsi alle spalle questo momento complesso. La maggior parte degli investitori italiani dichiara infatti di avere maggiore bisogno di consulenza per la gestione del proprio patrimonio. E noi non ci faremo trovare impreparati, siamo pronti a soddisfare le esigenze dei nostri clienti anche anticipando nuove tendenze di investimento sulla base della nostra esperienza globale. Da tempo ci siamo fatti ambasciatori degli investimenti sostenibili, trend confermato dagli investitori italiani: ad oggi l'81% si conferma infatti interessato a questo ambito di investimento, consapevole dei vantaggi riservati a chi punta su un futuro green”. Ha commentato Paolo Federici, market head di Ubs Global Wealth Management Italia.



Cosa vorresti fare?

X
I Cookies aiutano a migliorare l'esperienza sul sito.
Utilizzando il nostro sito, accetti le condizioni.
Consenti