Il Jihadismo rialza la testa e l'Italia sarà in prima linea

Alberto Negri
Alberto Negri
17.5.2021
Tempo di lettura: 2'
Mali, Niger e Burkina Faso: viaggio nel triangolo africano dove la Francia barcolla e gli Stati Uniti di Biden hanno mollato la presa. mentre Roma si appresta ad aprire una base militare a Niamey, esponendosi a rischi che non vanno sottovalutati
Dall'Afghanistan al Sahel il jihadismo ha rialzato la te- sta. Per l'Italia si tratta di un nuovo impegno militare che avverrà con l'apertura della base militare a Niamey e dall'impegno sempre più esteso dei militari italiani nel “triangolo del jihdaismo”, tra Mali, Niger e Bukina Faso.
I jihadisti saranno sicuramente incoraggiati dal ritiro degli americani dall'Afghanistan annunciato dal presidente Joe Biden. Dalla Casa Bianca al Pentagono, dalla Nato alle cancellerie europee si è sprecato un fiume di parole per mascherare la sconfitta o attribuire una qualche dignità al ritiro delle truppe alleate dall'Afghanistan annunciato dal presidente Biden. Del resto l'accordo firmato in Qatar dall'amministrazione Trump e dai talebani aveva l'obiettivo di offrire a Washington l'alibi per il ritiro, non certo di conseguire la stabilità dell'Afghanistan con improbabili in- tese tra governo e insorti jihadisti. I talebani hanno cessato di attaccare le truppe alleate ma hanno incrementato gli attacchi ai militari afghani e ai rappresentanti civili del governo di Kabul. Gli insorti hanno raggiunto un accordo con gli Stati Uniti ma non col governo afghano che la coalizione avrebbe dovuto proteggere e tutelare. L'Afghanistan viene abbandonato al suo destino e al ritorno dei talebani, che già controllano più o meno direttamente il 40% del Paese. Il fronte del Sahel intanto è diventato incandescente, come testimoniano i fatti di cronaca (l'uccisione di due giornalisti spagnoli e di un operatore umanitario in Burkina da parte di gruppi qaidisti) e l'evoluzione preoccupante della situazione in Ciad, attore cardine per la Francia e i Paesi dell'area nella missione militare contro il jihadismo. È qui che stanno arrivando gli italiani con una base nell'aeroporto di Niamey, in Niger, dove i nostri militari finora impegnati nell'addestramento delle forze locali dovrebbero presto estendere sia le attività che l'area di operazioni. In Mali si trova già una parte dei 200 italiani assegnati alla Task Force Takuba, unità multinazionale europea di forze speciali, posta sotto il comando dell'operazione francese Barkhane che schiera 5.100 soldati di Parigi contro i jihadisti nella regione.
Forse all'opinione pubblica italiana non è ancora ben chiaro - se ne parla poco sui media - ma sotto il Sahel è in corso una sorta di guerra mondiale africana, con gruppi jihadisti, contingenti militari internazionali e relati- vi interessi geopolitici, economici e securitari.
Anche la Francia di Macron annaspa. I francesi, che hanno subito molte perdite, avevano trovato una soluzione per ridurre il loro contingente ricorrendo agli europei e soprattutto a 1.200 militari ciadiani inviati dal presidente Idriss Déby, ucciso per le ferite riportate, secondo la versione ufficiale, negli scontri con il Fronte dei ribelli che hanno le retrovie tra l'etnia gorane, i Tebu della Libia.
In realtà emergono informazioni sempre più preoccupanti sul sistema di sicurezza occidentale nel Sahel gestito dai francesi. Idriss Déby, autocrate implacabile, era uno degli attori principali della vasta scacchiera geopolitica dell'Africa subsaheliana. Negli anni Ottanta si era distinto per avere respinto nel Nord del Ciad le truppe di Gheddafi appoggiate dai sovietici. La retrovia del deserto libico del Fezzan e quella sudanese erano stati poi decisivi per la sua ascesa e la cacciata da N'Djamena nel '90 del suo antico mentore, il presidente Hissene Habré. Fino ad arrivare al 2011 quando si era schierato con la Francia contro Gheddafi per poi oscillare in alleanze prima con le brigate filo-Misurata e poi con quelle che appoggiano il generale della Cirenaica Khalifa Haftar sostenuto an- che dalla Francia, oltre che da Russia, Egitto ed Emirati.
Déby seguiva il ruolino di marcia dei francesi che lo tenevano in piedi. E Parigi si preparava probabilmente a manovrarlo anche sul fronte della nuova guerra fredda libica tra Erdogan, padrone della Tripolitania, e la Cirenaica dove i mercenari russi sostengono Haftar.
La sua scomparsa ha aperto il vaso di Pandora del Sahel. Macron è vo- lato in Ciad per i suoi funerali al fianco del successore di Déby, il figlio Mahamat sostenuto da una giunta militare. Ma dopo aver dichiarato che Parigi non “permetterà a nessuno di minacciare il Ciad”, una presa di posizione interpretata come un appoggio alle nuove autorità, Ma- cron ha cambiato radicalmente tono. Parlando sulla scalinata dell'Eliseo al fianco del presidente della Repubblica Democratica del Congo Félix Tshisekedi, Macron ha condannato “con la più grande fermezza la re- pressione” dei manifestanti a N'Djamena, e soprattutto ha dichiarato di non essere favorevole al “piano di successione”, prendendo le distanze in questo modo dal figlio di Déby.
Perché questa ambiguità francese? Il Ciad è precipitato in una sorta di guerra civile non troppo strisciante e non ha nessuna intenzione in questo momento di mandare altri militari a combattere i jihadisti. I jihadisti, dai qaidisti ai Boko Haram nigeriani, se ne sono accorti e approfittano della situazione per imbastire nuove azioni militari. La Francia ondeggia e gli Stati Uniti di Biden intuiscono che “FranceAfrique” barcolla: quale migliore opportunità per “aiutare” Macron dopo avere lasciato l'Afghanistan? Intanto siamo arrivati anche noi italiani a dare una mano in Niger e Mali. Inutile nasconderselo: questa potrebbe essere una missione ad alto rischio.
Opinione personale dell’autore
Il presente articolo costituisce e riflette un’opinione e una valutazione personale esclusiva del suo Autore; esso non sostituisce e non si può ritenere equiparabile in alcun modo a una consulenza professionale sul tema oggetto dell'articolo. WeWealth esercita sugli articoli presenti sul Sito un controllo esclusivamente formale; pertanto, WeWealth non garantisce in alcun modo la loro veridicità e/o accuratezza, e non potrà in alcun modo essere ritenuta responsabile delle opinioni e/o dei contenuti espressi negli articoli dagli Autori e/o delle conseguenze che potrebbero derivare dall’osservare le indicazioni ivi rappresentate.
È stato inviato speciale e corrispondente di guerra del Sole 24 Ore negli ultimi 30 anni per le zone Medio Oriente, Africa, Asia Centrale e i Balcani. Nel 2009 ha vinto il premio giornalistico Maria Grazia Cutuli, nel 2015 il premio Colombe per la pace. nel 2016 il premio Guidarello Guidarelli e nel 2017 il premio Capalbio saggistica per il libro "Il Musulmano Errante".
Oggi è Senior Advisor dell’ISPI, Istituto degli Studi di Politica Internazionale.

Cosa vorresti fare?

X
I Cookies aiutano a migliorare l'esperienza sul sito.
Utilizzando il nostro sito, accetti le condizioni.
Consenti