Etf, a febbraio flussi in calo di 43,1 miliardi

Tempo di lettura: 2'
Le difficili condizioni del mercato del secondo mese dell'anno hanno condizionato la raccolta dei prodotti a gestione passiva. Ecco tutti i dati di Refinitiv

A febbraio i promotori di Etf in Europa hanno registrato flussi netti per 3,2 miliardi di euro

Gli Etf obbligazionari hanno registrato i maggiori afflussi netti nel settore (+2,5 miliardi di euro)

Negativa invece la raccolta per gli Etf monetari

Febbraio è stato un mese difficile per il mercato e di conseguenza per l'industria Etf europea. Secondo Detlef Glow, head Research Emea per Refinitiv “la combinazione di flussi inferiori alla media e la performance negativa dei mercati sottostanti ha portato a una riduzione delle attività gestite da 883miliardi di euro (31 gennaio 2020) a 839,9 miliardi a fine febbraio”. Il calo di 43,1 miliardi del mese, si legge nel report mensile di Refinitv, è stato trainato dall'andamento dei mercati sottostanti (-46,3 miliardi), mentre i flussi netti hanno contribuito alla riduzione delle attività per 3,2 miliardi.

 

Flussi di fondi per tipo di attività


L'industria europea degli Etf ha registrato a febbraio una raccolta netta pari a 3,2 miliardi, abbassando la media dei 12 mesi da 8,2 a 7,2 miliardi. I flussi verso i prodotti a gestione passiva europei sono stati guidati dai fondi obbligazionari (+2,5 miliardi), seguiti dagli Etf azionari (+0,4 miliardi), Etf su materie prime (+0,2 miliardi), Etf Oicvm alternativi (+0,1 miliardi). Negativa invece la raccolta degli Etf monetari (-0,1 miliardi di euro).

Attività gestite dalle classificazioni globali Lipper


Al fine di esaminare le classificazioni globali di Lipper in modo più dettagliato, il mercato europeo degli Etf è stato suddiviso in 172 diversi gruppi di pari. Le massime attività gestite a fine febbraio sono state detenute da fondi classificati come Equity US (157,8 miliardi), seguiti da Equity Global (86,9 miliardi), Equity Eurozone (47,8 miliardi), Equity Emerging Markets Global (43,3 miliardi) e Equity Europe (42,2 miliardi). Questi cinque gruppi di pari rappresentavano il 45,01% delle attività complessive gestite nel segmento Etf europeo, mentre le classifiche top 10 delle attività gestite rappresentavano il 58,08%. Complessivamente, 19 dei 172 gruppi di pari rappresentavano ciascuno oltre l'1% delle attività gestite. In totale, questi 19 gruppi di pari rappresentavano 598,8 miliardi di euro, ovvero il 71,29%, delle attività complessive gestite. Inoltre, è stato interessante notare che le classifiche dei più grandi gruppi di pari erano abbastanza stabili, indicando che gli investitori europei utilizzano i fondi di questi gruppi di pari come partecipazioni principali e non solo come le cosiddette partecipazioni satellitari che vengono acquistate e vendute frequentemente per implementare l'allocazione delle attività strategie nei portafogli degli investitori. Detto questo, l'unico spostamento all'interno dei cinque principali gruppi di pari è stato tra Equity Emerging Markets Global ed Equity Europe, poiché questi due gruppi di pari hanno nuovamente cambiato posizione sul tavolo. Questi numeri mostrano che le attività gestite nel settore europeo degli Etf hanno continuato a essere altamente concentrate.

Flussi di fondi in base alle classificazioni globali Lipper


I flussi netti delle 10 classi Lipper più vendute constati pari a 7,1 miliardi. Per quanto riguarda le vendite complessive di febbraio, non sorprende che i fondi obbligazionari abbiano dominato la classifica (+3,8 miliardi di euro) . Per contro, la classifica globale Lipper più venduta a febbraio è stata Equity Global (+1,5 miliardi), seguita da Bond Emu Government (+1,1 miliardi) e Equity US (+1,1 miliardi).

Cosa vorresti fare?

X
I Cookies aiutano a migliorare l'esperienza sul sito.
Utilizzando il nostro sito, accetti le condizioni.
Consenti