Due diversi scenari per la Cina del dopo-covid

Livia Caivano
Livia Caivano
16.7.2020
Tempo di lettura: 3'
Il Pil cinese, a sorpresa, torna a crescere nel secondo trimestre. Scendono le vendite al dettaglio. Aumentano import e export ma i mercati scendono. Cosa sta succedendo in Cina? L'analisi di Ispi

Potrebbe essere necessario mettere in discussione la Belt and Road Initiative

La dipendenza dall'export cinese è un problema che potrebbe non essere più rimandabile

Sorprende il dato del Pil cinese del secondo trimestre, in crescita del 3,2% dopo il calo del 6,8% di marzo. Il sentiment dei consumatori è però ancora basso e i mercati non sono convinti. Ecco cosa potrebbe succedere in Cina e nei rapporti tra Pechino e il resto del mondo nei prossimi mesi.
Sulla temuta seconda ondata di epidemia di covid non ci sono elementi certi e prevedere cosa succederà nei prossimi mesi è pressochè impossibile. Più che emettere sentenze possiamo provare a tracciare gli scenari economici potenziali verso cui il 2021 ci porterà. Secondo un'analisi di Shaun Breslin dell'Università di Warwick  realizzata per Ispi, la pandemia è una lente che ci mostra in maniera chiara fenomeni che lo scorso anno potevamo solo intuire. Ad esempio, “la spinta sempre più forte a rendere il consumo interno come fonte di crescita cinese era in corso già prima che l'emergenza coronavirus esplodesse. Come ha sottolineato il primo ministro Li Keqiang nel suo rapporto sul lavoro del governo nel 2020, l'impatto combinato della chiusura domestica e un drammatico crollo della crescita economica globale hanno creato - o esacerbato - tutta una serie di sfide economiche”.

Scenari



  • “A livello nazionale, i consumi, gli investimenti e le esportazioni sono diminuiti. La pressione sull'occupazione è aumentata in modo significativo. Le imprese, in particolare micro e le piccole e medie imprese, affrontano crescenti difficoltà. Vi sono rischi crescenti nel settore finanziario e in altri settori. Gli squilibri di bilancio dei governi di livello primario si sono intensificati”, sottolinea Breslin. La soluzione che propone il professore riguarda il riequilibrio dei progetti esteri e la spinta ai consumi domestici. “Anche prima che la pandemia iniziasse a diffondersi, una serie di progetti di investimento lungo la Belt and Road Initiative (Bri) aveva già affrontato problemi di sostenibilità economica. Questo ha generato un considerevole dibattito sia sull'utilità politica delle relazioni di debito per la Cina, sia sul fatto che si trattasse di una strategia intenzionale per promuovere effettivamente progetti finanziariamente insostenibili in primo luogo”. Il timore è che la crisi economia che si sta creando a livello globale non faccia che peggiorare le cose. Ma può essere questa un'opportunità di crescita per la Cina? Sembra di sì. “La riprogrammazione dei pagamenti del debito farà probabilmente sorgere ulteriori dubbi sulla necessità di investire in progetti basati più sulla logica politica di promozione della Bri che su solidi fondamenti economici.


 

  • Secondo scenario. Riduzione della dipendenza dall'export cinese. A prescindere dalla pandemia, scrive Breslin, “i modelli produttivi sarebbero cambiati. Una parte della produzione si è già trasferita fuori dalla Cina verso altri siti ancora più economici. Inoltre, la posizione della Cina nella catena di approvvigionamento per la fornitura di così tanti beni e merci globali aveva già creato preoccupazione per le asimmetrie e le dipendenze del potere economico” Risale al 2019 la denuncia della Commissione di revisione economica e di sicurezza degli Stati Uniti riguardo "rischi economici e di sicurezza" dovuti alla dipendenza dalla Cina per il 13,4% delle importazioni di farmaci negli Stati Uniti e per il 39,3% per l'importazione dei dispositivi medici. “La pandemia ha reso più urgente una tale dipendenza dalla Cina per le forniture mediche in più luoghi. In un certo numero di paesi, ha anche fatto luce sul quadro più ampio della saggezza delle relazioni passate con la Cina e sulla domanda ancora più grande se la Cina possa e debba essere considerata attendibile”.

Cosa vorresti fare?

X
I Cookies aiutano a migliorare l'esperienza sul sito.
Utilizzando il nostro sito, accetti le condizioni.
Consenti